Lingua   

Nostalgie di un emigrante

Matteo Salvatore
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleTraduzione italiana di Maria Luisa Scippa.
NOSTALGIE DI UN EMIGRANTE


Guagljṓ guagljṓ statte bbṓne statte bbṓne,
bbōna fortunā bbṓna fortunā
e sse fā fortunā mandeme chjamanne pure a mmḕ
(mandeme chjamanne pure a mmḕ
mandeme chjamanne pure a mmḕ
mandeme chjamanne pure a mmḕ).

Paese mio te lascio con lu chjante all'òcchje,
mentre mi allontano su la strada polverosa
mi segue ancora la voce della campana grande,
chi sa se tornerò un giorno
stitevi bbóne gente de lu paese mio,
stitevi bbóne
e qualche volta parlate di me.

(Mē nē vajē mē nē vajē luntḗnō,
ej lassḗte gli amici e la chḗsā,
l’éj lassḗte cun tantā dulorē
ogni passo me dṓlē lū cṓrē.

Mē nē vajē mē nē vajē luntḗnō,
ej lassḗte gli amici e la chḗsā,
l’éj lassḗte cun tantā dulorē
ogni passo me dṓlē lū cṓrē).

(Mē nē sone jute a ffatijá
pē pputḗ pē pputḗ magná
Mē nē sone jute a ffatijá
pē pputḗ pē pputḗ magná).

NOSTALGIE DI UN EMIGRANTE

Ragazzo ragazzo stai bene stai bene,
buona fortuna buona fortuna
e se fai fortuna mandami a chiamare anche a me,
mandami a chiamare anche a me.

Paese mio ti lascio con le lacrime agli occhi,
mentre mi allontano sulla strada polverosa
mi segue ancora la voce della campana grande,
chi sa se tornerò un giorno,
state bene gente del paese mio, state bene
e qualche volta parlate di me.

Me ne vado me ne vado lontano,
ho lasciato gli amici e la casa,
li ho lasciati con tanto dolore
ogni passo mi duole il cuore.

Me ne sono andato a lavorare
per poter mangiare.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org