Lingua   

Buttitta e Balistreri

Salvo Ruolo
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleTraduzione italiana
BUTTITTA E BALISTRERIButtitta & balistreri
Au tu
Ascaru ‘nfamuni ca ti nni futti
Si llu sebbu vadda e mancia lu patruni
Cu la mano tisa cuannu ceni i spattiri
Au tu
Ccu jummu e ccu ssa’ miragghia i cattuni
‘mpizzata o pettu da lu statu talianu
Cu llu me sangu e chiddu
Di lli me figghi?
Au tu statu fallutu ca rummichi’i prumissi
E ssi na lapa i meli cuannu a pigghiari
E all’ura ca’ a pagari ti ‘mmucci a manu
Au tu cu ssa’ schizzera arredi a lu’ capizzu (3)
‘n vidi ca la fami ti mancia l’occhi
‘un a’ russura cuannu gghighi a schedda?
Au tu
Chi ppari fatta o tornu e ssi’ riggina
U to’ mari e a to’ lingua parunu canzuna
Chi si ghisi l’occhi jetti a majaria
Chi si ghisi l’occhi jetti a majaria
Hei tu ascaro infame che te ne fotti
Se il servo guarda ed il padrone mangia
Che ti da’ la mano solo quando
Ha qualcosa da avere
Hei tu con il pon pon
E quella medaglia di cartone
Attaccata al petto dallo stato italiano
Con il mio sangue e quello dei miei figli
Hei tu stato fallito che
Blateri promesse
E sei dolce come il miele
Quando devi avere
E quando c’e’ da pagare
Nascondi la mano
Hei tu
Cu ssa schizzera arredi a lu capizzu (3)
Non vedi che la fame ti mangia gli occhi
Non hai vergogna quando pieghi la schiena?
Hei tu che sembri fatta al tornio e sei regina
Il tuo mare e la tua lingua sembrano canzoni
Che se guardi negli occhi regali una magia
Note

(1) IIgnazio Buttitta scrittore siciliano fu definito da pasolini uno dei più grandi scrittori dialettali mai esistiti
(2) Rosa Balistreri grandissima folksinger siciliana
(3) letterale: una perenne fontanella gocciolante di acqua sulla testa
(3) letterale: una perenne fontanella gocciolante di acqua sulla testa


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org