Lingua   

Chanson pour l'auvergnat

Georges Brassens
Pagina della canzone con tutte le versioni


Versione catalana di Miquel Pujadó dal suo disco “Pujadó can...

CANZONE PER IL RIGATTIERE

Canto per te la mia canzone
tu il rigattiere, tu il mio barbone,‎
che m'hai dato un po’ da mangiare
quando sono rimasto senza casa
che mi hai dato un pezzo di pane duro
quando le barbone che avevo in giro
i signori e la gente per bene
mi avevano trattato peggio di un cane
Era soltanto un pezzo di pane
ma è stato sufficiente per tirare avanti
ed il suo profumo lo sento ancora:‎
mi sembra di stare ancora a morsicarlo.‎

Tu il mio barbone, quando andrai di là
quando il Signore ti chiamerà
andrai dritto, tu e i tuoi baffoni
a stare in paradiso.‎

Canto per te la mia canzone
tu il rigattiere, tu il mio barbone,‎
che mi hai dato il tuo cappotto vecchio
quando ero stracciato e pieno di freddo
che mi hai fatto scaldare un po' le ossa
quando sono rimasto con niente addosso
quando hanno bruciato anche le panchine
ed io ero senza calze
Era soltanto un pezzo di straccio
ma è stato sufficiente per tirare avanti
ed il suo calore lo sento ancora
mi sembra ancora di indossarlo.‎

Tu il mio barbone, quando andrai di là
quando il Signore ti chiamerà
andrai dritto, tu e i tuoi baffoni
a stare in paradiso.‎

Canto per te la mia canzone
tu il rigattiere, tu il mio barbone
che hai pianto e mi hai guardato
quando ero nascosto e mi hanno preso
che m'hai dato un po' del tuo cuore
quando i padroni ed i commendatori
hanno fatto e disfatto fra di loro
ed hanno portato me a San Vittore
Era soltanto un po' d'amore
ma è stato sufficiente per tirare avanti
ed il tuo sorriso lo vedo ancora
come se fosse dipinto.‎

Tu il mio barbone, quando andrai di là
quando il Signore ti chiamerà
andrai dritto, tu e i tuoi baffoni
a stare in paradiso.‎
CANÇÓ PER A UN CAMPEROL

És per a tu, aquesta cançó.
Tu, el camperol d’aquell racó,
que vas donar-me fusta, quan
el fred ja m’estava gelant.
Tu, que em vas escalfar les mans
quan els ganàpies dels voltants
‎-la gent com cal, gent de diner-
m’havien deixat al carrer.
No va ser un foc gaire brillant
‎-sols un grapat de branquillons-
p’rò m’espurneja encara al fons
talment un foc de Sant Joan.

Tu, el camperol, quan moriràs,
quan cap Enllà te n’aniràs,
que el qui t’enterri, per poc preu,
et dugui fins ‘Déu.

És per a tu, aquesta cançó.
Tu, la mestressa del racó,
que em vas donar un crostó de pa
després de temps de dejunar,
i em vas obrir el teu rebost, quan
tots els ganàpies del voltant
‎-la gent com cal, de dret camí-
fruïen en veure’m sofrir.
No fou res més que un poc de pa,
p’rò va saber escalfar-me el cor,
i em nodrirà fins a la mort
com una mena de mannà.

Mestressa, quan tu moriràs,
quan cap Enllà te n’aniràs,
que el qui t’enterri, per poc preu,
et dugui fins ‘Déu.

És per a tu, aquesta cançó.
Tu, l’estranger d’aquell racó,
que em vas somriure un xic dolgut
quan se’m van endur detingut.
Tu, que no vas picar de mans
quan els ganàpies dels voltants
‎-la gent com cal, tot el ramat-
se’n reien, de veure’m lligat.
No fou res més que un poc de mel,
p’rò va saber escalfar-me el cor,
i hi brillarà fins a la mort
com brillen els astres al cel.

Tu, l’estranger, quan moriràs,
quan cap Enllà te n’aniràs,
que el qui t’enterri, per poc preu,
et dugui fins ‘Déu.‎


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org