Lingua   

Chanson pour l'auvergnat

Georges Brassens
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleTraduzione italiana della versione milanese di Nanni Svampa,...
CHANSON POUR L'AUVERGNAT

Elle est à toi cette chanson
Toi l´auvergnat qui sans façon
M´as donné quatre bouts de bois
Quand dans ma vie il faisait froid
Toi qui m´as donné du feu quand
Les croquantes et les croquants
Tous les gens bien intentionnés
M´avaient fermé la porte au nez
Ce n´était rien qu´un feu de bois
Mais il m´avait chauffé le corps
Et dans mon âme il brûle encore
A la manièr´ d´un feu de joie

Toi l´auvergnat quand tu mourras
Quand le croqu´mort t´emportera
Qu´il te conduise à travers ciel
Au père éternel

Elle est à toi cette chanson
Toi l´hôtesse qui sans façon
M´as donné quatre bouts de pain
Quand dans ma vie il faisait faim
Toi qui m´ouvris ta huche quand
Les croquantes et les croquants
Tous les gens bien intentionnés
S´amusaient à me voir jeûner
Ce n´était rien qu´un peu de pain
Mais il m´avait chauffé le corps
Et dans mon âme il brûle encore
A la manièr´ d´un grand festin

Toi l´hôtesse quand tu mourras
Quand le croqu´mort t´emportera
Qu´il te conduise à travers ciel
Au père éternel

Elle est à toi cette chanson
Toi l´étranger qui sans façon
D´un air malheureux m´as souri
Lorsque les gendarmes m´ont pris
Toi qui n´as pas applaudi quand
Les croquantes et les croquants
Tous les gens bien intentionnés
Riaient de me voir emmener
Ce n´était rien qu´un peu de miel
Mais il m´avait chauffé le corps
Et dans mon âme il brûle encore
A la manièr´ d´un grand soleil

Toi l´étranger quand tu mourras
Quand le croqu´mort t´emportera
Qu´il te conduise à travers ciel
Au père éternel

CANZONE PER IL RIGATTIERE

Canto per te la mia canzone
tu il rigattiere, tu il mio barbone,‎
che m'hai dato un po’ da mangiare
quando sono rimasto senza casa
che mi hai dato un pezzo di pane duro
quando le barbone che avevo in giro
i signori e la gente per bene
mi avevano trattato peggio di un cane
Era soltanto un pezzo di pane
ma è stato sufficiente per tirare avanti
ed il suo profumo lo sento ancora:‎
mi sembra di stare ancora a morsicarlo.‎

Tu il mio barbone, quando andrai di là
quando il Signore ti chiamerà
andrai dritto, tu e i tuoi baffoni
a stare in paradiso.‎

Canto per te la mia canzone
tu il rigattiere, tu il mio barbone,‎
che mi hai dato il tuo cappotto vecchio
quando ero stracciato e pieno di freddo
che mi hai fatto scaldare un po' le ossa
quando sono rimasto con niente addosso
quando hanno bruciato anche le panchine
ed io ero senza calze
Era soltanto un pezzo di straccio
ma è stato sufficiente per tirare avanti
ed il suo calore lo sento ancora
mi sembra ancora di indossarlo.‎

Tu il mio barbone, quando andrai di là
quando il Signore ti chiamerà
andrai dritto, tu e i tuoi baffoni
a stare in paradiso.‎

Canto per te la mia canzone
tu il rigattiere, tu il mio barbone
che hai pianto e mi hai guardato
quando ero nascosto e mi hanno preso
che m'hai dato un po' del tuo cuore
quando i padroni ed i commendatori
hanno fatto e disfatto fra di loro
ed hanno portato me a San Vittore
Era soltanto un po' d'amore
ma è stato sufficiente per tirare avanti
ed il tuo sorriso lo vedo ancora
come se fosse dipinto.‎

Tu il mio barbone, quando andrai di là
quando il Signore ti chiamerà
andrai dritto, tu e i tuoi baffoni
a stare in paradiso.‎


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org