Lingua   

Stucky

Gualtiero Bertelli
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleTraduzione italiana da ‎‎La ‎Musica de L’Altra Italia‎
STUCKYSTUCKY
  
Stucky xe un palassonStucky è un palazzone
in fondo a la Giudecain fondo alla Giudecca
coi muri a picoloncoi muri cadenti
che par che no'l resistache sembra non resista
vardandolo cussìguardandolo così
te fa da maravegiati meravigli
ch'el possa esser stache possa essere stato
el pan de 'na famegia.‎il pane di una famiglia.‎
  
El g'ha dà da lavorarHa dato da lavorare
a tanta e tanta gentea tanta e tanta gente
che se g'ha consumàche si è consumata
e no xe restà niente.e non ne è rimasto niente.
‎'Na rabia che te serauna rabbia che ti chiude
la gola co ti ricordila gola quando ricordi
speranze e pauresperanze e paure
in 'sti bruti momenti.‎in quei brutti momenti.‎
  
Quando che i lo g'ha fatoQuando lo han fatto
un sogno, 'na speranzaun sogno una speranza
barconi che rivavabarconi che arrivavano
col gran de l'abondanzacol grano dell'abbondanza
lavoro, tanto lavorolavoro, tanto lavoro
la paga xe al sicurola paga è al sicuro
te masena 'sto mulinmacina questo mulino
‎'na farina che xe oro.‎una farina ch'è oro.‎
  
Un oro mal goduoUn oro goduto male
dentro a 'sti casarmonidentro a questi stanzoni
col gran spacà ne l'ariacon la farina nell'aria
che entra nei polmoni.che entra nei polmoni.
Bianchi semo restaiBianchi siamo rimasti
più bianchi de la farinapiù bianchi della farina
quando che i te g'ha ditoquando ci hanno detto
‎«La fine xe vissina».‎‎«La fine è vicina».‎
  
No ti volevi crederNon ci volevi credere
né ti, né tuti 'st'altriné tu né tutti gli altri
dentro ve se seraivi siete chiusi dentro
sperando in tuti i santisperando in tutti i santi
più de sinquanta giornipiù di cinquanta giorni
vegno matina e seravengo la mattina e la sera
te porto da cambiarti porto la roba da cambiare
e l'aria de la to famegia.‎e l'aria della tua famiglia.‎
  
Po un giorno quei barconiPoi un giorno quei barconi
fermi e intristiifermi e intristiti
s'ha impegnio de novosi sono nuovamente riempiti
in aqua i xe tornaiin acqua sono tornati
ma sora no ghe gerama sopra non c'erano
i sachi de farinai sacchi di farina
ma tuti i operaima tutti gli operai
ognun co la so famegia.‎ognuno con la sua famiglia.‎
  
E tanta, tanta zenteE tanta tanta gente
de la riva ne sigavadalla riva ci gridava
‎«Coragio fioi ste duri‎«Coraggio ragazzi, tenete duro
xe vostra la vitoria».che è vostra la vittoria».
Soeranze ancora e dopoSperanze ancora e dopo
a uno a uno tutia uno a uno tutti
se g'ha trovà un lavorosi sono trovati un lavoro
e i g'ha serà 'sto Stucky.‎hanno chiuso questo Stucky.‎
  
Adesso tutti i giorniAdesso tutti i giorni
ti va fin a Margheravai fino a Marghera
ti te g'ha abituàti sei abituato
ma la xe stada durama è stata dura
e duro anca par mie dura anche per me
vederte sempre mancovederti sempre meno
e averte qua vissine averti accanto
sempre più stanco.‎sempre più stanco.‎


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org