Language   

Qué saco rogar al cielo

Víctor Jara
Back to the song page with all the versions


OriginalTentativo di traduzione italiana di Dead End.
QUÉ SACO ROGAR AL CIELO

Qué saco rogar al cielo
si en tierra me han de enterrar,
la tierra me da comida,
la tierra me hace sudar.

Qué saco sudando tanto,
y comiendo poco y nada,
si mi tierra no es mi tierra
y el cielo, cielo nomás.

A dónde pongo mis manos,
brotan claveles y rosas,
brotan y brotan las cosas
que no aprovecha mi mano.

Una espiga hay en el campo,
una espiga colorada,
si juntos la cosechamos
grande será nuestro pan.‎

CHE INUTILE PENITENZA PREGARE IL CIELO

Che inutile penitenza pregare il cielo
Se è nella terra che mi devono seppellire
La terra mi dà il cibo
La terra mi fa sudare

Che inutile tortura sudare tanto
E mangiare poco o nulla
Se la terra non è mia
E quanto al cielo, neppure quello.‎

Sotto le mie mani
Fioriscono garofani e rose
Spuntano e germogliano le cose
Di cui la mia mano poi non dispone

C’è un spiga nel campo
Una spiga matura
Se la raccogliamo insieme
Abbondante sarà il nostro pane ‎


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org