Langue   

Propagande des chansons

Eugène Pottier
Page de la chanson avec toutes les versions


Traduzione italiana di Cesare Bermani
CANZONI E PROPAGANDA

Il mondo cambierà pelle.
O miseria, evade dalla tua galera.
Ognuno s'incoccarda il cappello,
poi il solco dei carri e la montagna.
Zaino in spalla, riempite i bauli!
Su, forza, a far campagna,
canzoni!
Su, forza, a far campagna!

‎Assieme a voi, su nei granai
s'avventuri la speranza!
Pagliericci e piedi scalzi,
freddo che morde, pan che manca:
ci si muore in tanti modi...!
Entrate su in soffitta,
canzoni!
Entrate su in soffitta!

Che il povero lavoratore
possa vedere alla vostra luce
se la falce degli strozzini
miete il suo grano per prima.
Meglio la grandine sulle messi.
Entrate nelle stamberghe,
canzoni!
Entrate nelle stamberghe.

I bottegai ci piantano grane,
lo spirito democratico
cade a zero – e spesso più giù! -
nell'uomo che traffica merci.
Traete fuoco da questi ghiaccioli!...
Entrate nelle botteghe,
canzoni!
Entrate nelle botteghe!

Dice uno scaltro: vi prenderanno
la proprietà e la famiglia.
Il proprietario imbrogliato
si rinchiude per paura di razzie.
Per guarire questi lumaconi
entrategli nel guscio,
canzoni!
Entrategli nel guscio!

In pace, l'esercito è un bullone
in mano a chi governa
per stringere i ceppi al collo
del popolo inerme.
Sviteremo questo bullone...
Entrate nella caserma,
canzoni!
Entrate nella caserma.

PROPAGANDA DELLE CANZONI

Il mondo cambia pelle, fuggi il tuo ghetto miseria
ognuno metta la coccarda e il cappello
sulla strada e dalla montagna, sacco in spalla
stipate i bauli, presto mettetevi in marcia canzoni!

Mettetevi in marcia con noi, salendo nelle soffitte
s’avventuri la speranza, giacigli senza lenzuola piedi senza calzature,
freddo che morde, pane che manca
vi si muore in tante maniere, entrate nei sottotetti canzoni!

Entrate nei sottotetti
che il bracciante misero veda alla vostra luce, se la falce degli usurai
miete per primo le sue messi meglio allora la grandine sui campi,
entrate nelle capanne canzoni!

Entrate nelle capanne
i mercanti sono il nostro ostacolo, lo spirito democratico cade a zero
spesso più in basso presso l'uomo dedito ai traffici,
traete fuoco da questi ghiaccioli,
entrate nelle botteghe canzoni!

Entrate nelle botteghe
"vi prenderanno" dice il furbo "proprietà e famiglia",
il proprietario ingannato si rinchiude, crede al saccheggio
per guarire questi lumaconi,
entrate nel loro guscio canzoni!

Entrate nel loro guscio, in tempo di pace l'esercito è una morsa
nelle mani di chi governa per serrare la gogna al collo
del popolo senza giberne, questa morsa noi l'allentiamo!
Entrate nelle caserme canzoni!
Entrate nelle caserme canzoni!
Entrate nelle caserme canzoni!


Page de la chanson avec toutes les versions

Page principale CCG


hosted by inventati.org