Language   

Le Père Noël et la petite fille, incl.Leggenda di Natale; La canzone di Marinella; Bocca di Rosa

Georges Brassens
Back to the song page with all the versions


‎Bocca di Rosa - Versione siciliana di Mario ‎Incudine‎ (Bocc...
BOCCA DI ROSA

Tutti me chiammano Bocca di Rosa
sentite che musso, che schiocche addirose
tutti me chiammano bocca di rosa
pe' mme l'ammore è 'a primma cosa.

Quanno scennette dint' 'a piazza
di un paesino vicino Avellino
subito 'a voce currette sicura:
‎" 'nunn'è 'na monaca 'e clausura!"

Ce sta chia ammore 'o ffa 'pe' 'nziria
e chi 'o 'ffà pe' prufessione
Bocca di Rosa né l'uno né l'altro
‎"'o ffaccio sulo pe' divozione".‎

Però 'a divozione diventa passione
e mentre spalpito per le mie voglie
‎'o sangue dal cuore mi sale in testa
mi scordo di chiedere all'uomo se ha moglie.

E allora 'e femmene d' 'o paese
comme si fossero cane mulosso
s'arrevutaiene tutte m'paranza
pecché me stevo futtenno l'uosso.

Ma li bizzoche di un paesello
songo 'mpechere che non fanno danno
allucche 'e papera, strille 'e gallina
‎'o core che tremma, 'o ciato c'affanna.‎

‎'O munno è chino di gente per bene
che Cristo all'altare servire si vanta
e quanno le voglie non può phiù sfamare
pe dint' 'o velliculo piscia acqua santa.

Così una vecchia rimasta zitella
pecchè nisciuno l'ha aizata 'a gunnella
se pigliaie 'o mpiccio, e tanto fuie 'nzista
me scassaie ll'ova cu tutto 'o canistro.

Chiammaje a raccolta 'e scurnacchiate
e le dicette cu voce 'ncazzata
‎"Bocca di Rosa è mariola d'ammore,
punisca la legge stu disonore!"‎

Curretero allora addò maresciallo
quarantasei zizze pe' ventitre scialli
chella cchiù scura de carnagione
facette 'a parte d' 'o lione:

"Mò so' tre mise che dura st'andazzo
all'uommene nuoste ha fatto ascì pazzo
chella nun è femmena onesta
chissà ch'annasconne sotto 'a veste".

Vennero a casa col foglio di via
Pasquale e Luigino Santamaria
sete d'ammore dint' 'e penziere
sotto 'e divise d' 'e carabiniere.‎

Nientedimeno che alla stazione
ce steva 'na folla da fare impressione
me ne partevo purtanneme appresso
quel libero amore a tutti concesso.

Dal maresciallo al parrocchiano
lacreme all'uocchie, cappello nmano.
Firmato da tutti vulaje 'nu messaggio
col fiocco attaccato a una rosa di maggio.

In stretto anonimato
cu' lettere 'ncullate
‎"Bocca di rosa, tiempo e furtuna
veneno e vanno come fa 'a luna!"‎

Primma del tuono arriva la luce,
accussì corrono tutte 'e 'nciuci
‎"Mò arriva 'o treno cu Bocca di Rosa
currite currite, lassate ogni cosa!"

Alla stazione subito appresso
truvaje a ricevermi un comitato
musica, fiori, sindaco in testa
manco si fossi 'nu capo 'e Stato.

Mo' pure 'o prevete s'é fissato
che stongo cca' per una missione
me vo' vicino int' 'a prucessione
pecché adda vencere 'a tentazione.‎

Cu' Maria Vergine in prima fila
me tiene d'uocchio 'nu poco 'a luntano
purtannese a spasso pe' tutto 'o paese
l'ammore sacro e l'ammore profano.‎
VUCCUZZA DI CIURI

Era chiamata Vuccuzza di Ciuri
faceva l’amuri, faceva l’amuri
e lu faceva di tutti i maneri
di ‘ncapu, di sutta, davanti e darreri.

Quannu scinniu a la stazioni
Di un paesiddu cca vicinu
Si n’addunarunu vecchi e carusi
Ca ugn’era un monicu ne un parrinu

C’e cu lu fa picchì cci siddia
C’e cu ‘nveci si cci ni preja
Vuccuzza di Ciuri ne l’unu ne l’autru
Ppi didda l’amuri è na puisia.‎

Ma la passioni unni ti fa ghiri
A fari li cosi ca fannu piaciri
Senza capiri su ‘u disgraziatu
E zitu, schettu o maritatu.

Ed accussì ca di oggi a dumani
Vuccuzza di Ciuri unn’avi cchiu spassu,
mentri ca tutti ddi cani arraggiati
ci iettanu ‘u sali a chiuirci ‘u passu.

Ma li cummari d’un paiseddu
Talianu ‘ntunnu e unn’hanu cchi fari
E mentri ca perdunu a corda e lu sceccu
Su rusicanu sulu l’ossa cc’o sali.‎

Si sapi ca ‘a genti duna cunsigliu
Sintennusi cumu Dominneddiu
Grapunu a’a vucca ma all ’occurrenza,
un sanu diri mancu piu.

Accussi ‘na vecchia schittusa e acita,
senza né figli e senza cchiù vogli,
si pigliò ‘u culu a puzzuluna
e ghiva dittannu la so dottrina.

Si la pigghiava ccu li cornuti,
dicennuci a tutti mali paroli:
cu rubba l’amuri avrà punizioni
di carrabbunera e guardi riali.‎

Currerru tutti a parlari ch’è guardi
Ci dissiru senza menzi paroli
dda tappinara avi troppi clienti
Chiossà di chidda ca vinni pani

E arrivarru quattru gendarmi
Ccu li cappedda e ccu li pennacchi
Arrivarunu ‘ncapu e cavaddi
ccu li pistoli e li scupetti

Ma puru i sbirri e i carrabbunera
un fanu mai u propriu duviri,
ma quannu si misiru l’alta uniformi
l’accumpagnarunu alla stazioni.‎

Alla stazioni c’eranu tutti
dai guardi riali o sagristanu
Alla stazioni c’eranu tutti
Ccu l’occhi vagnati e ‘u cori in manu

A salutari cu ppi tanticchia
Senza pritenniri e senza aviri
A salutari cu ppi du jorna
Purtò l’amuri ne ddu quarteri

C’era un cartellu ranni
e l’occhi chini ‘i pena
dicivunu addiu Vuccuzza di Ciuri
ccu ti si ni và la primavera.‎

Ma na notizia di sta purtata
Un’avi bisugnu di carta stampata
Cumu lu metri e lu pisari
Fici lu giru di lu quartieri.

Alla stazioni ca veni d’appressu
C’è chiossà genti di chidda ca lassu
C’e cu s’asciuca l’occhi di chiantu
Cu si prenota p’un mumentu.

E puru u parrinu ca murmuriava
Si dici mutu ‘na santa orazioni
E sta Madonna china ‘i biddizzi
a voli accanto pp’a procissioni.‎

E cu la Vergini in prima fila
Vuccuzza di Ciuri manu ccu manu
Si porta appressu ppi lu paisi
L’amuri sacru e chiddu buttanu!‎


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org