Language   

Il disertore

Kalashnikov collective
Back to the song page with all the versions


OriginalTraduzione inglese da bandcamp
IL DISERTORE

Non c'è una lama che non tagli, un taglio che non faccia male
Non c'è sangue che si possa lavare, ferita che si possa rimarginare
Con il mio fucile costruisco un crocefisso e prego sulle tombe dei nemici
Con la mia bandiera costruisco un aquilone e dimentico le menzogne della guerra
Non c'è una lama che non tagli, un taglio che non faccia male
Non c'è sangue che si possa lavare, ferita che si possa rimarginare
Con i libri sacri di ogni religione innalzo le colonne del mio tempio
Nemici di ogni razza guardate le mie mani, gettate via le armi, io sono il disertore
THE DESERTER

There isn't a blade that can't cut
A wound that doesn't hurt
There isn't blood that can be washed away
A Wound that can heal

With my gun I build a crucifix
And I pray on my enemy's tomb
I build a kite with my banner
And I forget the war's lies !

There isn't a blade that can't cut
A wound that doesn't hurt
There isn't blood that can be washed away

I raise the columns of my temple
With the sacred books of every religion
Enemies of every race, look at my hands
Get down your weapon I'm the deserter !


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org