Lingua   

Sovietica vesuvianità

Daniele Sepe
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleVersione italiana
SOVIETICA VESUVIANITÀ

A nu' pal' stann' appis'
stann' appis' tutt'e tre.
Na fulat' 'e vient' 'e mmove
mmove 'o pret' 'o fant' e 'o rre.

Stann' appis' a capa sotto,
comm'è bell' a lle vere'
nun so' loro cchiù 'e patrun'
‎'e chesta terra, né de me…

Ah fosse bell', né sant' né guerr'
sulo 'o mare e 'a terra
libera
si overo 'e appennessemo
tutt'e tre!‎
SOVIETICA VESUVIANITÀ

Stanno appesi a un palo
stanno appesi tutti e tre.‎
Una folata di vento li smuove
muove il prete, il fante e il re.

Stanno appesi capovolti,‎
come sono belli da vedere
non son più loro i padroni
di questa terra, né di me...

Ah, sarebbe bello, né santi né guerra
solo il mare e la terra
libera
se li appendessimo davvero ‎
tutti e tre!‎


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org