Lingua   

El me gatt

Ivan Della Mea
Pagina della canzone con tutte le versioni


Versione in fiorentino di periferia dell'Anonimo Toscano del...
E ME GATI' MI' GATTO
I l'an catà giaca di mezz ai ort
E ioech ierne russ e un po' arblaa
Em piasrè saver chi l'è cle staa
A sbludlam e gat in mez a e praa.
L'ànno troàto steso lì a' giardini
in Torcihoda, gli occhi arrovesciahi,
Dare' unzocché pe' sapé chi ll'è staho
a sbudellàmmi i'gatto, disgrazziaho.
L'era csi bell e csi dastuus
Nigre e bianc propria na blaezà
Sa chiap quael che l'ha cupà
Ga spac e cül cun e gavà.
L'era bellino, propio un chicchino,
tutto bianchennèro, parèa giuventino
se becco a quello 'he l'ha ammazzaho,
gni spacco iccùlo, po' ripiglio fiaho.
I amig ian dit clè stada la Iusfina,
Cuala d'la gamba tuüta stravlada
L'han vista in mez ai ort in tla spianada
La feva la posta a e gat cun e curtell.
M'han detto ai' bàrre: è staha la Cesira,
quella befana lì di via Sernesi,
s'è vista 'ntorno ai' gatto là iersera,
la lo puntava sa' hon cert'arnesi.
L'è inghiuriusa, na gran bruta ghigna,
Nas a patada e crochia plada,
A veodla in gir la fa propria schiv
E tuch i murgai ig dan ados.
Ah, lei? Qui' ròito, la cimbardosa,
E con qui' naso tutto haccoloso,
Quando la piglio, huella merdosa,
Pe' du' o tre mesi la mett'a riposo.
Incoe a l'ho aspetada in via dagl'Ost
Al dopmezdì quand le la turna a cà,
Ag sun arvà addrè a zit e chioca
E po' già bot da orb a la gamba buna.
Ieri l'ho vista ai' bar dell'Argingrosso,
Tutta briaha, gni garba i' gottino,
Con quattro sàrti gni so' andaho addosso,
E giù pedahe e càrci a qui' bottino.
I'ho santù e croch di oss aspaca
L'è andada in tera c'mun perbatachià,
E la vuseva, “O mama ie”,
Am sun cagà ados, a sun turnà indrè.
Gliè andaha in terra home un fagotto,
Ugnèra restato manc'un osso sano,
E qui' nasaccio, gnelò tutto rotto,
Mi so' fatto male anc'a una mano.
Stasira a vag a let a la parsuun,
In quala in via de Bus ae numer duü,
M'han det de bun da gnent, de bigulduun,
Ma a sun cunvint listass d'aveg rasuun.
Stanotte vo a dormire a Sollicciano,
mi sa che ci resto un bei' po' d'anni,
m'ha daho di teppista la “Nazione”,
m'importasega, tanto ciò ragione.
Sa g'ho da div, o brav ragacch,
Adla Iusfina m'in frega un cass
L'è la giustesia cl'am fa tort,
La Iusfa l'è viva, e me gat l'è mort
Sahevvidìho, o brava gente,
della Cesira 'ummimporta niente,
l'è la giustizia 'he mi fa torto,
quella gliè viva, ma i' gatto gliè morto,
Sa g'ho da div, o brav ragacch,
Adla Iusfina m'in frega un cass
L'è la giustesia cl'am fa tort,
La Iusfa l'è viva, e me gat l'è mort.
E in ospedale ripensi ai' fatto,
Così gnimpàra a toccàmmi i' gatto.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org