Lingua   

El me gatt

Ivan Della Mea
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleVersione in fiorentino di periferia dell'Anonimo Toscano del...
EL ME GATTI' MI' GATTO
  
A l'han trovàa distes in mezz a i ortiL'ànno troàto steso lì a' giardini
i oeucc a eren ross e un poo sversàain Torcihoda, gli occhi arrovesciahi,
me piasaria savè chi l'è quel ostiaDare' unzocché pe' sapé chi ll'è staho
che al me gatt la panscia al g'ha sbusàa.a sbudellàmmi i'gatto, disgrazziaho.
  
L'era insci bell, insci simpatichL'era bellino, propio un chicchino,
negher e bianch, propri on beléetutto bianchennèro, parèa giuventino
se ciapi quel che l'ha copàase becco a quello 'he l'ha ammazzaho,
mi a pesciàa ghe s'ceppi 'l dedrée.gni spacco iccùlo, po' ripiglio fiaho.
  
I amis m'han dit «L'è stada la NinettaM'han detto ai' bàrre: è staha la Cesira,
quella cont la gambetta sifolinaquella befana lì di via Sernesi,
l'emm vista in mezz a i orti ier matinas'è vista 'ntorno ai' gatto là iersera,
che la lumava 'l gatt cont on cortel».la lo puntava sa' hon cert'arnesi.
  
L'è malmostosa, de bruta cera,Ah, lei? Qui' ròito, la cimbardosa,
e l'ha g'ha on nas svisser e grossE con qui' naso tutto haccoloso,
vedella in gir fa propi pénaQuando la piglio, huella merdosa,
e tucc i fioeu ghe dann adoss.Pe' du' o tre mesi la mett'a riposo.
  
Incoeu a l'hoo spetada in via SavonaIeri l'ho vista ai' bar dell'Argingrosso,
dopo mezzdì, quand lee la torna a càTutta briaha, gni garba i' gottino,
ghe sont rivàa adrée a la barbonaCon quattro sàrti gni so' andaho addosso,
e su la gamba giusta giò legnàa.E giù pedahe e càrci a qui' bottino.
  
Hoo sentù on crach de ossa rottGliè andaha in terra home un fagotto,
l'è 'ndada in terra come on fagottUgnèra restato manc'un osso sano,
lee la vosava «oi mamma mia»E qui' nasaccio, gnelò tutto rotto,
me sont stremì, sont scapàa viaMi so' fatto male anc'a una mano.
  
Stasera voo a dormì al riformatóriStanotte vo a dormire a Sollicciano,
in quel di Filangieri al numer duumi sa che ci resto un bei' po' d'anni,
m'han dàa del teddy-boy, del brutt demonim'ha daho di teppista la “Nazione”,
mi sont convint istess d'avegh reson.m'importasega, tanto ciò ragione.
  
Se g'hoo de divv, o brava gentSahevvidìho, o brava gente,
de la Ninetta me frega niéntdella Cesira 'ummimporta niente,
l'è la giustissia che me fa tortl'è la giustizia 'he mi fa torto,
Ninetta è viva, ma el gatt l'è mort,quella gliè viva, ma i' gatto gliè morto,
  
l'è la giustissia che me fa tortE in ospedale ripensi ai' fatto,
Ninetta è viva, ma el gatt l'è mort.Così gnimpàra a toccàmmi i' gatto.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org