Language   

Salina

Mario Incudine
Back to the song page with all the versions


OriginalVersione italiana
SALINASALINA
  
Partu sempri di ccà, a lu scurariParto sempre da qui all'imbrunire
quannu l’acqua cangia ‘u so coluri.quando l'acqua cambia colore
Pigghiu stù cori e lu jettu a mariprendo il mio cuore e lo tuffo a mare
e fa cerchi di tutti li misuri.‎e lui fa onde di ogni misura
  
Ogni cerchiu è comu ‘na canzuniOgni onda è come una canzone
comu li nuciddi a notti di Natalicome le nocciole la notte di Natale
la me vuci nun si vota arreriil mio parlare non si cura di ieri,
l’occhi su oggi…lu pinzeri è già dumanigli occhi su l'oggi.. il mio pensiero è già domani
  
S’ un pozzu iri avantiSe non posso andare avanti
un mi mannati arrerinon mi rimandate indietro,
lassati muriri ammenz’o marilasciatemi morire in mezzo al mare...
  
Ti vulissi purtari intra li mè occhiTi vorrei portare nei miei occhi
intra stù iocufocu di ummiri e di specchiin questi giochi d'artificio d'ombre e di specchi
ammenzu a sti trazzeri di omini affunnatiin questi percorsi di uomini naufragati
ca ormai su sali e lampi e addumunu i nuttati.‎che sono ormai sale e lampi che squarciano le notti.
  
Ma iu caminu ancora ‘ncapu stà strata novaMa io sono ancora qui in questa strada nuova
e sentu sutta ‘o pedi ogni petra ca respirae avverto sotto il piede ogni sasso che respira
c’u sapi su daveru derrì ‘u suli c’è ‘a fortunaChissà se davvero dietro al sole c'è fortuna
o è sulu ‘na minzogna ca svapura di matina.‎o e solo una illusione che svanisce la mattina.
  
S’ un pozzu iri avantiSe non posso andare avanti
un mi mannati arrerinon mi rimandate indietro
lassati muriri ammenz’o marilasciatemi morire in mezzo al mare...
  
E’ già luci a Capu SpartiventuÈ già giorno a Capo Spartivento
un sacciu si è lu suduri o si è lu chiantunon so se sia sudore o pianto
ha passatu tantu tempu intra l’occhiquello che ci è colato per tanto sotto gli occhi
‎‘nta li manu haiu sulu arbuli sicchi.‎fra le mani ho soltanto rami secchi
  
M’abbrusciunu intra l’ossa ancora li feritiMi bruciano fino alle ossa le ferite
nautri trentunu jorna e trenta nuttati,altri trentuno giorni e trenta notti
ppi grapiri li porti e vidiri unni sitiper aprire le porte e vedere dove siete
ancora trenta notti e trentunu jurnati.‎ancora trenta notti e trentun giorni..
  
U respiru si fà chiantu, lu sangu fuddiaL'affanno si volge a pianto, il sangue impazzisce,
'u scuru diventa scantu e l'amuri malatìa.il buio diventa paura, l'amore malattia..


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org