Language   

Italiella

Nuova Compagnia di Canto Popolare
Back to the song page with all the versions


OriginalVersione italiana di Saponara Leonardo
ITALIELLAITALIELLA
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
Oh Italiella, oh Italià,
Oh Italiella, Oh Italià.
'Mmiez''e cosce d'a frescura
llà se ferma 'o nainanà,
'a bannera 'e tre culure
mò ce ha dato 'a libbertà...
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
In mezzo alle cosce della frescura [1]
la si è fermato il nainanà [2]
la bandiera di tre colori
ora ci ha dato la libertà
Oh Italiella, Oh Italià
Oh Italiella, Oh Italià
T'he fatto la vunnella talià,
T'he fatto la vunnella talià...
te l'è fatta de tre culure,
e nuje simmo rimaste annure
comme ce ha fatto mamma,
scauze annure e muorte 'e famma.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
Ti sei fatta la gonnella Italia,
Ti sei fatta la gonnella Italia,
te la sei fatta di tre colori
e noi siamo rimasti nudi
come mama ci ha fatto:
scalzi, nudi e morti di fame.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.
'A mugliera 'e Garibaldi
vend 'a 'nzogna e accatt''o lardo,
'a mugliera e Carlo Alberto
tene sempe 'a cascia aperta,
'a mugliera 'e Napulione
sape fà 'nu cuppulone,
'a mugliera 'e Manuele
vasa 'o pesce 'e san Rafele.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
La moglie di Garibaldi
vende la sogna e compra il lardo
la moglie di Carlo Alberto
tiene sempre le cosce aperte
la moglie di Napoleone
è brava a fare le seghe
la moglie di Emanuele
bacia il pesce [3] di San Raffaele.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.
T'he fatto la carrozza talià,
T'he fatto la carrozza talià...
t'he l'è fatta bella mia
'nzuoccolo 'nzuoccolo pe' la via,
pe' la via te la purtammo,
e nuie da sotto la carriammo.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
Ti sei fatta la carrozza Italia,
Ti sei fatta la carrozza Italia.
Te la sei fatta bella mia
va dolcemente per la via
per la strada te la trasportiamo
e noi da sotto la portiamo.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.
'Mmiez''e cosce d'a frescura
là se ferma 'o nainanà,
'a bannera 'e tre culure
mò ce ha dato 'a libbertà...
'A mugliera 'e Garibaldi
vend 'a 'nzogna e accatt''o lardo,
'a mugliera 'e Napulione
sape fà nu cuppulone,
e s''o ffà matin'e sera,
e le pror''a tabacchera...
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
In mezzo alle cosce della frescura
la si è fermato il nainanà
la bandiera di tre colori
ora ci ha dato la libertà
La moglie di Garibaldi
vende la sogna e compra il lardo,
la moglie di Napoleone
è brava a fare le seghe
e le fa mattina e sera
è proprio una tabaccaia(??)
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.
T'he fatto lu stivale talià,
T'he fatto lu stivale talià...
te l'he fatto bello e pronto
'ncoppa ce stà Turino ca conta
'ncoppa Turino conta
e nuie simmo lu tacco 'e ponta.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
Ti sei fatto lo stivale Italia,
Ti sei fatto lo stivale Italia
te lo sei fatto bello e pronto
Sopra c'è Torino che vale
sopra Torino vale
e noi siamo la punta del tacco [4]
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.
'A mugliera e Carlo Alberto
tene sempe 'a cascia aperta,
'Mmiez''e cosce d'a frescura
là se ferma 'o nainanà,
'a bannera 'e tre culure
mò ce ha dato 'a libbertà...
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
La moglie di Carlo Alberto
tiene sempre le cosce aperte
In mezzo alle cosce della frescura
là si ferma il nainanà
la bandiera di tre colori
ora ci ha dato la libertà.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.
T'he fatto la pettenessa talià,
T'he fatto la pettenessa talià...
te l'he fatta cu li turnese
ca pigliaieno 'a 'stu paese,
pò ce dettero pe' surpresa
la muneta cartaginesa...
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
Ti sei fatto il pettine Italia,
ti sei fatto il pettine Italia
te lo sei fatto coi tornesi [5]
che presero da questo paese [6]
poi ci diedero per sorpresa
la moneta cartaginese [7]
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.
'Mmiez''e cosce d'a frescura
là se ferma 'o nainanà,
'a bannera 'e tre culure
mò ce ha dato 'a libbertà...
'A mugliera 'e Garibaldi
vend 'a 'nzogna e accatt''o lardo,
'a mugliera e Carlo Alberto
tene sempe 'a cascia aperta,
'a mugliera 'e Napulione
sape fà 'nu cuppulone,
e s''o ffà matin'e sera,
e le pror''a tabacchera...
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
In mezzo alle cosce della frescura
la si è fermato il nainanà
la bandiera di tre colori
ora ci ha dato la libertà
La moglie di Garibaldi
vende la sogna e compra il lardo,
la moglie di Napoleone
è brava a fare le seghe
e le fa mattina e sera
è proprio una tabaccaia(??)
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh Italiella, Oh Italia.
T'he fatto lu cursetto talià,
T'he fatto lu cursetto talià...
te l'he fatto cu la credenza
'stu cursetto de Firenze,
Firenze è capitale
e Turino se n'have a male.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
Ti sei fatto il corsetto Italia,
ti sei fatto il corsetto italia
te lo sei fatto con la credenza
questo corsetto di Firenze,
Firenze è capitale
e Torino se ne dispiace [8]
Oh Italiella, oh Italia,
Oh Italiella, oh Italia.
'A mugliera 'e Ferdinando
s'ha cuseva 'na mutanda,
'a mugliera 'e re Vittorio
fà 'nu pireto e scioglie 'a gloria,
'A mugliera e Carlo Alberto
tene sempe 'a cascia aperta,
'A mugliera 'e Garibaldi
vend 'a 'nzogna e accatt''o lardo,
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
La moglie di Ferdinando
si cuciva una mutanda
la moglie di re Vittorio
scoreggia e scioglie la gloria,
la moglie di Carlo Alberto
tiene sempre le cosce aperte,
la moglie di Garibaldi
vende la sugna e si compra il lardo.
Oh Italiella,oh Italia
Oh Italiella, Oh Italia.
Te vuò fà nu cappiello talià,
Te vuò fà nu cappiello talià...
lu cappiello bene mio
t'è venuto 'stu vulìo,
lu vuò levà' a lu Papa
e già te lu sì miso 'ncapa.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
Ti vuoi fare un cappello Italia,
ti vuoi fare un cappello Italia
Il cappello, bene mio,
ti è venuta questa voglia
lo vuoi levare al Papa
e già te lo sei messo in testa.[9]
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh italiella, Oh Italia.
'A mugliera e Carlo Alberto
tene sempe 'a cascia aperta,
'a mugliera 'e Manuele
vasa 'o pesce 'e san Rafele.
'A mugliera 'e Ferdinando
s'ha cuseva 'na mutanda,
'a mugliera 'e re Vittorio
fà 'nu pireto e scioglie 'a gloria,
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
La moglie di Carlo Alberto
tiene sempre le cosce aperte
la moglie di Emanuele
bacia il pesce di San Raffaele
la moglie di Ferdinando
si cuciva una mutanda
la moglie di re Vittorio
scoreggia e scioglie la gloria
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh italiella, Oh Italia.
T'he fatto li cazette talià,
T'he fatto li cazette talià...
te l'he fatte de seta 'ngrese
e nuie avimmo fatto li spese,
pavammo nuie da sotto
e Manuele se ne fotte.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
Ti sei fatta le calzette Italia,
ti sei fatta le calzetta Italia
te le sei fatta di seta Inglese[10]
e noi ne abbiamo fatto le spese,
paghiamo noi da sotto
ed Emanuele se ne fotte.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh italiella, Oh Italia.
T'he fatto la vunnella talià,
t'he fatto la carrozza talià,
t'he fatto lu stivale talià,
t'he fatto la pettenessa talià,
t'he fatto lu cursetto talià,
t'he fatto lu cappiello talià,
t'he fatto li cazette talià,
t'he fatto la bannera talià,
la bannera de tre culure,
e nuje simmo rimaste annure
comme ce ha fatto mamma,
scauze annure e muorte 'e famma.
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià,
O Italiella, o Italià...
Ti sei fatta la gonnella Italia,
ti sei fatta la carrozza Italia,
ti sei fatta lo stivale Italia,
ti sei fatto il pettine Italia,
ti sei fatto il corsetto Italia,
ti sei fatto il cappello Italia,
ti sei fatto le calzette Italia,
ti sei fatto la bandiera Italia,
La bandiera di tre colori,
e noi siamo rimasti nudi
come ci ha fatto mamma:
scalzi, nudi e morti di fame.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh italiella, Oh Italia.
Oh Italiella, Oh Italia,
Oh italiella, Oh Italia.
Oh Italiella, Oh Italia.

[1] Per frescura si intende probabilmente il meridione.
[2] Soprannome riferito a persona boriosa e/o arrogante
[3] Metafora per il pene, non ho ben capito il senso però. (integrazione di amedeo: indica il famoso pesce di San Raffaele presente nell'omonima chiesa sita a Napoli nel rione Mater Dei. Secondo la tradizione, le donne che volevano uscire incinte, dovevano baciare proprio il pesce che la statua di San Raffaele ha (ancora oggi) tra le sue mani.)
[4] Metafora per dire che il Meridione dopo l'unità non vale niente e sta in basso come la punta del tacco
[5] Moneta in uso nelle Due Sicilie di cui tra l'altro non esisteva versione cartacea ma circolavano solo monete.
[6] Si riferisce alle Due Sicilie
[7] Dopo l'annessione l'Italia si portò via il capitale monetario ed introdusse delle banconote che, a causa dei debiti contratti per via della guerra contro l'Austria e della seguente inflazione, valevano pochissimo.
[8] Nel 1865 la capitale fu trasferita da Torino a Firenze. I torinesi non la presero bene e ci furono scontri duramente repressi che causarono almeno 55 morti e 133 feriti. (Evento noto come Strage di Torino).
[9] Lo stato pontificio verrà annesso solo nel 1870 ma già nel 1868, anno di scrittura della canzone erano chiare le sue intenzioni.
[10] Con questa strofa si vuole sia rimandare al consistente aiuto inglese nell'annessione delle Due Sicilie sia si vuole dare più valore alle "calzette" in quanto la seta inglese era costosa e di lusso.


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org