Langue   

L'estaca

Lluís Llach
Page de la chanson avec toutes les versions


LIVORNESE [Riccardo Venturi]
IL PALOIR PALO
  
Il vecchio Siset mi parlavaUn vecchio mi stav'a parlà',
di buon'ora sul portoneera già sveglio a ragionà',
mentre aspettavamo il solea aspettà' ir zole sur portone,
e vedevamo passare i carrii 'arretti si stava a guardà'.
  
Siset, non vedi il paloDé! Ma lo vedi 'ver palo lì,
al quale siamo tutti legati?Legati tutti ci si stà.
Se non riusciamo a liberarceneE se quarcuno 'un lo tronca
non potremo mai camminare'un zi pòle mai 'amminà'.
  
Se tiriamo tutti insieme cadràTiràmo 'nzieme e cascherà,
e non può durare a lungoché tanto dé 'un pòle durà'!
di sicuro cade, cade cadeTanto si trònca, trònca, trònca
già dev'essere ben marcitoCh'è digià marcio da puzzà'!
  
Se io tiro forte di qui'Nàmo, io tiro forte di 'vì,
e tu tiri forte di là,Te tira forte, forte di là,
sicuro che cade, cade, cadeCosì si trònca, trònca, trònca
e potremo liberarciE si 'ammina in libertà.
  
Però, Siset, è già passato molto tempoDé, vecchio, a forza di tirà'
e le mani mi si stanno scorticandoLe mane mi stà a scortià',
e quando mi manca la forzaMi pare più duro e più grande,
diventa più spesso e più grande.La forza mi vien'a mancà'.
  
Lo so bene che è marcioBòia se è marcio da puzzà',
ma il fatto, Siset, è che pesa tantoPerò dé è peso da spiombà'!
che a volte le forze mi abbandonanoMa se 'un ce la fo più a tiràllo
Tornami a ripetere la tua canzoneTu me la devi riantà':
  
Se tiriamo tutti insieme, cadràTiràmo 'nzieme e cascherà,
e non può durare a lungoché tanto dé 'un pòle durà'!
di sicuro cade, cade cadeTanto si trònca, trònca, trònca
già dev'essere ben marcitoCh'è digià marcio da puzzà'!
  
Se io tiro forte di qui'Nàmo, io tiro forte di 'vì,
e tu tiri forte di là,Te tira forte, forte di là,
sicuro che cade, cade, cadeCosì si trònca, trònca, trònca
e potremo liberarciE si 'ammina in libertà.
  
Il vecchio Siset ormai non dice nienteQuer vecchio 'un dice nulla più,
se l'è portato via un vento cattivoSe l'è portato ir libeccio 'nzù,
lui sa bene in che direzioneE lu' lo sa 'n ché direzzione,
ed io sono ancora sotto il portoneE io sto ancora sur portone.
  
E quando passano i nuovi ragazziQuand'un ragazzo passa di là,
Alzo la voce per cantareDé urlo e mi rimetto a cantà
L'ultimo canto di Siset,L'ùrtimo 'anto che m'ha 'nzegnato
l'ultimo che mi insegnòQuer vecchio prima di stiantà':
  
Se tiriamo tutti insieme, cadràTiràmo 'nzieme e cascherà,
e non può durare a lungoché tanto dé 'un pòle durà'!
di sicuro cade, cade cadeTanto si trònca, trònca, trònca
già dev'essere ben marcitoCh'è digià marcio da puzzà'!
  
Se io tiro forte di qui'Nàmo, io tiro forte di 'vì,
e tu tiri forte di là,Te tira forte, forte di là,
sicuro che cade, cade, cadeCosì si trònca, trònca, trònca
e potremo liberarci.E si 'ammina in libertà.


Page de la chanson avec toutes les versions

Page principale CCG


hosted by inventati.org