Lingua   

La ballata del Pinelli [Ballata dell'anarchico Pinelli, o Il feroce questore Guida]

Autori Vari / Different Authors / Différents Auteurs
Pagina della canzone con tutte le versioni


2a. Traduzione inglese della versione di Joe Fallisi
Quella sera a Milano era caldo
Ma che caldo che caldo faceva
Brigadiere apra un po' la finestra
E ad un tratto Pinelli cascò.

"Commissario io gliel'ho già detto
Le ripeto che sono innocente
Anarchia non vuol dire bombe
Ma eguaglianza nella libertà."

"Poche storie, indiziato Pinelli
Il tuo amico Valpreda ha parlato
Lui è l'autore di questo attentato
E il suo socio sappiamo sei tu"

"Impossibile" - grida Pinelli -
"Un compagno non può averlo fatto
Tra i padroni bisogna cercare
Chi le bombe ha fatto scoppiar.

Altre bombe verranno gettate
Per fermare la lotta di classe
I padroni e i burocrati sanno
Che non siam più disposti a trattar"

"Ora basta indiziato Pinelli"
- Calabresi nervoso gridava -
"Tu Lo Grano apri un po' la finestra
Quattro piani son duri da far."

In dicembre a Milano era caldo
Ma che caldo che caldo faceva
È bastato aprir la finestra
Una spinta e Pinelli cascò.

Dopo giorni eravamo in tremila
In tremila al tuo funerale
E nessuno può dimenticare
Quel che accanto alla bara giurò.

Ti hanno ucciso spezzandoti il collo
Sei caduto ed eri già morto
Calabresi ritorna in ufficio
Però adesso non è più tranquillo.

Ti hanno ucciso per farti tacere
Perché avevi capito l'inganno
Ora dormi, non puoi più parlare,
Ma i compagni ti vendicheranno.

"Progressisti" e recuperatori
Noi sputiamo sui vostri discorsi
Per Valpreda Pinelli e noi tutti
C'è soltanto una cosa da far.

Gli operai nelle fabbriche e fuori
Stan firmando la vostra condanna
Il potere comincia a tremare
La giustizia sarà giudicata.

Calabresi con Guida il fascista
Si ricordi che gli anni son lunghi
Prima o poi qualche cosa succede
Che il Pinelli farà ricordar.

Quella sera a Milano era caldo
Ma che caldo che caldo faceva
Brigadiere apra un po' la finestra
E ad un tratto Pinelli cascò.
BALLAD OF ANARCHIST PINELLI

It was so hot that night in Milan,
How hot, how hot it was,
"Sergeant, please, open the window",
A push, and Pinelli fell down.

"Mr Inspector, I told you already,
I repeat that I am not guilty;
Anarchy doesn’t mean bombs
But equality in liberty."

"No more humbug! Confess, Pinelli!
Your friend Valpreda squealed;
He’s the author of this crime,
Sure you are his accomplice."

"That's impossible!", Pinelli shouts,
"A comrade could never do this!
You'd better looking among the masters
For those who placed the bombs.

"Other bombs will be thrown
To stop and empeach class struggle,
And the masters and the bureaucrats
Know so well we’ve had enough."

"That's enough, suspect Pinelli!"
Calabresi shouted, a bit edgy.
"Lo Grano, please, open the window,
It's hard falling from the third floor.”

It was so hot that night in Milan,
How hot, how hot it was.
Someone had only to open the window,
A push, and Pinelli fell down.

Two days later, we were 3,000,
3,000 attending your burial
And nobody of us will forget
What he swore before you coffin.

They killed you by breaking your neck
Then they dropped you down dead,
Calabresi returns to his office
But he’s a bit worried now.

They killed you to silence your voice
For you had understood all the matter.
Now you can’t speak anymore
But they’ll pay dearly for it.

Progressives and recuperators
We spit on all your idle talk,
For Valpreda, Pinelli and for us all
There’s nothing but one thing to do.

All the workers at work anyplace
Will sign your death warrant,
Your power begins to waver
And your justice’s going to be judged.

And you, Guida, and you, Calabresi,
If a comrade was killed
To cover a State organized massacre,
Well, this struggle will just get harder.

It was was so hot that evening in Milan,
How hot, how hot it was,
"Sergeant, please, open the window",
A push, and Pinelli fell down.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org