Lingua   

La ballata del Pinelli [Ballata dell'anarchico Pinelli, o Il feroce questore Guida]

Autori Vari / Different Authors / Différents Auteurs
Pagina della canzone con tutte le versioni


Originale4. La versione in lombardo.
LA BALLATA DEL PINELLI [BALLATA DELL'ANARCHICO PINELLI, O IL FEROCE QUESTORE GUIDA]

1. Versione originale
1. Original Version
1. Version originale
1. Alkuperäisen versio


La prima versione, quella degli anarchici (incisa ad, esempio, da Cesare Bermani nel 1978), oltre a presentare il riferimento alle "nere bandiere", presenta altre strofe con un chiaro riferimento all'anarchismo: «Calabresi e tu Guida assassini / che un compagno ci avete ammazzato / l'anarchia non avete fermato / ed il popolo alfin vincerà» (o la variante «Guida, Allegra, Pagnozzi assassini» e «se un compagno è stato ammazzato»; vi era una strofa con protagonista Guida, poi tagliata nelle versioni successive: «L'hanno ucciso perché era un compagno / non importa se era innocente / "Era anarchico e questo ci basta" / disse Guida il feroce questor» (o «il fascista questor»). La musica è del tutto simile a Il feroce monarchico Bava, senza arrangiamenti ulteriori. Le strofe "anarchiche", sono state rimosse (tranne una) nelle versioni successive. - it.wikipedia

Quella sera a Milano era caldo,
Ma che caldo che caldo faceva,
"Brigadiere, apra un po' la finestra",
Ad un tratto Pinelli cascò.

"Signor questore, io gliel'ho già detto,
Lo ripeto che sono innocente,
Anarchia non vuol dire bombe
Ma giustizia, amor, libertà."

"Poche storie, confessa Pinelli,
Il tuo amico Valpreda ha parlato,
È l'autore del vile attentato,
E il suo socio, sappiamo, sei tu."

"Impossibile!", grida Pinelli,
"Un compagno non può averlo fatto,
E l'autore di questo misfatto
tra i padroni bisogna cercar".

"Stiamo attenti, indiziato Pinelli,
Questa stanza è già piena di fumo,
Se tu insisti apriam la finestra,
Quattro piani son duri da far."

Quella sera a Milano era caldo,
Ma che caldo, che caldo faceva,
"Brigadiere, apra un po' la finestra",
Ad un tratto Pinelli cascò.

L'hanno ucciso perché era un compagno,
Non importa se era innocente
"Era anarchico e questo ci basta",
Disse Guida, il feroce questor.

C'è un bara e tremila compagni,
Stringevamo le nere bandiere,
In quel giorno l'abbiamo giurato,
Non finisce di certo così.

Calabresi e tu Guida assassini [1]
Che un compagno ci avete ammazzato,
L'Anarchia non avete fermato
Ed il popolo alfin vincerà. [2]

Quella sera a Milano era caldo,
Ma che caldo, che caldo faceva
"Brigadiere, apra un po' la finestra",
Ad un tratto Pinelli cascò.

LA BALADA DEL PINELLI

Chela sira a Milàn l'era calt
Calabresi nervùs el fümava
"Ti Lograno derva'n püü la finestra"
una rüzada e'l Pinelli 'l va jò.

Sciur cüestùr mi ghe lu jamò dii
ghe repeti che sunt inucent
Anarchia vör dì minga bumb
ma jüstisia in de la libertaa.

Poch stori indiçiaa Pinelli
el to amis Valpreda l'ga cantaa
l'è l'aütuùr de stu atentaa
de següra t'el gheet spalejaa.

Impusibel el vuza el Pinelli
un cumpagn el pö minga avèl faa
ma l'aütuùr de stu atentaa
in mes ai padrùn el ga de truàl.

Sta atent indiçiaa Pinelli
sta stança l'è jamò piane de füm
se te insistet la fenestra nün dervum
cüater pian hin dür d'andà jò.

El gan masaa perchee l'era 'n cumpagn
poch el cunta se l'era inucent
l'era anarchech e chest l'è fin trop
el vuza el Guida, balòs d'un cüestùr.

Na casa de mort e trimila cumpagn
e strenjevum i noster bander
nü chel dì laa ghe l'em jüraa
el finis nò in alter maner.

Calabresi e ti Guida, malnàt
un cumpagn gavii purtaa via
la bataya gavit nò fermaa
püsee düra vendèta la saraa.

Chela sira a Milàn l'era calt
ma che calt, cha calt el fazeva
l'è sta asee de dervì la fenestra
na rüzada e'l Pinelli 'l va jò.
[1] Var. Guida, Allegra, Pagnozzi, assassini

[2] Var. intera strofa:

E tu Guida, e tu Calabresi,
Se un compagno ci avete ammazzato
Per coprire una strage di stato
Questa lotta più dura sarà.





Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org