Lingua   

Sidùn

Fabrizio De André
Pagina della canzone con tutte le versioni


Versione in lingua ligure trascritta con la "Grafîa ofiçiâ" ...
SIDONESIDÓN
Il mio bambino il mio
il mio
labbra grasse al sole
di miele di miele
tumore dolce benigno
di tua madre
spremuto nell'afa umida
dell'estate dell'estate
e ora grumo di sangue orecchie
e denti di latte
e gli occhi dei soldati cani arrabbiati
con la schiuma alla bocca
cacciatori di agnelli
a inseguire la gente come selvaggina
finché il sangue selvatico
non gli ha spento la voglia
e dopo il ferro in gola i ferri della prigione
e nelle ferite il seme velenoso della deportazione
perché di nostro dalla pianura al molo
non possa più crescere albero né spiga né figlio
ciao bambino mio l'eredità
è nascosta
in questa città
che brucia che brucia
nella sera che scende
e in questa grande luce di fuoco
per la tua piccola morte.
O mæ nìn
o mæ, o mæ
lèrfe gràsse a-o sô
d'amê, d'amê
tumô dôçe, benìgno
de teu moæ
spremûo 'nta macàia
de stæ, de stæ
e òua grùmmo de sàngoe, oêge, dénti de læte
e i éuggi di sordàtti, chén aragiæ
co-a scciùmma a-a bócca, cacioéi de bæ
a scorî a génte cómme servagìnn-a
finch'o sàngue sarvægo o no gh'à smortòu a coæ
e dòpp'i færi in gôa, i færi da prixón
e 'nte ferîe a seménsa velenóza da deportaçión
perché de nòstro da-a cianûa a-o meu
no péu ciù crésce ni èrbo, ni spîga, ni figeu.
Ciào mæ nìn
l'ereditæ-a l'é ascôza
'nte sta çitæ
ch'a brûxa, ch'a brûxa
inta séia ch'a chìnn-a
e in sto gràn ciæo de fêugo
pe a teu mòrte picìnn-a.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org