Language   

Tammurriata nera

E.A. Mario
Back to the song page with all the versions


OriginalLa versione italiana alternativa di Willy Bruschi (napoletano),...
TAMMURRIATA NERATAMMURRIATA NERA
Io nun capisco 'e vvote che succere
e chello ca se vere nun se crere.
E' nato nu criaturo, è nato niro,
e 'a mamma 'o chiamma gGiro,
sissignore, 'o chiamma gGiro.
Io non capisco, a volte cosa succede…
E quello che si vede,
non si crede! Non si crede!
E' nato un bambino nero, nero…
e la mamma lo chiama Ciro,
sissignore, lo chiama Ciro…
Seh, vota e gira, seh
seh, gira e vota, seh
ca tu 'o chiamme Ciccio o 'Ntuono,
ca tu 'o chiamme Peppe o gGiro,
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche...
Séh! gira e volta, séh...Séh! volta e gira, séh...
Sia che tu lo chiami Francesco o Gaetano,
sia che lo chiami Giuseppe o Ciro,
quello, il fatto, è nero, nero,
nero, nero, non so come!
S''o contano 'e cummare chist'affare
sti cose nun so' rare se ne vedono a migliare.
'E vvote basta sulo 'na 'uardata,
e 'a femmena è rimasta sott''a botta 'mpressiunata.
Lo raccontano le comari questo fatto:
"Queste cose non sono rare,
se ne vedono a migliaia!
A volte basta solo una guardata,
e la donna è rimasta,
dal fatto, impressionata…"
Seh, 'na 'uardata, seh
seh, 'na 'mprissione, seh
va truvanno mò chi è stato,
c'ha cugliuto buono 'o tiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche...
Séh! una guardata, séh...
Séh! una impressione, séh...
Chi sa chi è stato
che ha fatto centro:
quello il fatto, è nero, nero,
nero, nero, non so come!
E dice 'o parulano, Embè parlammo,
pecché si raggiunammo chistu fatto ce 'o spiegammo.
Addò pastin' 'o grano, 'o grano cresce
riesce o nun riesce, semp'è grano chello ch'esce.
Ha detto il contadino: "Ebbene, parliamo,
perché, se ragioniamo,
questo fatto ce lo spieghiamo!
Dove semino il grano, il grano cresce…
va bene o non va bene,
sempre grano è quello che esce!"
Meh, dillo a mamma, meh
meh, dillo pure a me
conta 'o fatto comm'è ghiuto
Ciccio, 'Ntuono, Peppe, gGiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a che...
Mé', dillo a mamma, mé'...
Mé', dillo pure a me...
Sia che tu lo chiami Francesco o Gaetano,
sia che lo chiami Giuseppe o Ciro,
quello, il fatto, è nero, nero,
nero, nero, non so come!
Seh 'na 'uardata seh
seh 'na 'mprissione seh
và truvanno mò chi è stato
c'ha cugliuto buono 'o tiro
chillo 'o fatto è niro niro, niro niro comm'a cche...
Le signorine di Capodichino
fanno l'amore con i marocchini
i marocchini se ne approfittano
e le signorine con la pancia d'avanti
'E signurine 'e Caporichino
fanno ammore cu 'e marrucchine,
'e marrucchine se vottano 'e lanze,
e 'e signurine cu 'e panze annanze.
American espresso,
dammi il dollaro che ho fretta
sennò viene la polizia,
mette le mani dove vuole lui
American espresso,
ramme 'o dollaro ca vaco 'e pressa
sinò vene 'a pulisse,
mette 'e mmane addò vò isse.
Ierisera a piazza Dante
il mio stomaco era vagante
se non era per il contrabbando
gia' stavo al camposanto
Aieressera a piazza Dante
'o stommaco mio era vacante,
si nun era p''o contrabbando,
ì' mò già stevo 'o campusanto.
E levate 'a pistuldà
uè e levate 'a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate 'a pistuldà
E levate 'a pistuldà
uè e levate 'a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate 'a pistuldà.
Le signorine napoletane
fanno i figli con gli americani
noi ci vediamo oggi e domani
in mezzo a Porta Capuana
'E signurine napulitane
fanno 'e figlie cu 'e 'mericane,
nce verimme ogge o dimane
mmiezo Porta Capuana.
Sigarette papà
caramelle mammà,
biscuit bambino
dduie dollare 'e signurine.
Sigarette papà
caramelle mammà,
biscuit bambino
dduie dollare 'e signurine.
A Concetta e Nanninella
piacevano le caramelle
mo si fanno passare per zitelle
e fanno a finire nei bordelli
A Cuncetta e a Nanninella
'e piacevan'e caramelle,
mò se presentano pe' zitelle
e vann'a fernì 'ncopp'e burdelle.
E Circillo (=Churchill) il vecchio pazzo
si e' rubato il materasso
e l'America per dispetto
gli ha scippato i peli dal petto
E Ciurcillo 'o viecchio pazzo
s''è arrubbato 'e matarazze
e ll'America pe' dispietto
ce ha sceppato 'e pile 'a pietto.
Ierisera mangiai pellecchie
i capelli sopra le orecchie
i capelli i capelli
e il decotto di camomilla
Il decotto, il decotto
e la fresella con la carne sopra
la fresella, la fresella*
e zio monaco con la testa rapata
ha la testa rapata avanti e indietro
e puzza di cane morto
uh per l'anima come puzza
uh per l'anima quello e' morto
Aieressera magnai pellecchie
'e capille 'ncopp''e recchie
e capille e capille
e 'o recotto 'e camumilla...
'O recotto,'o recotto
e 'a fresella cu 'a carna cotta,
'a fresella 'a fresella
e zì moneco ten''a zella.
tene ‘a zella ‘nnanze e arreto
uffa uffa e comme fete
e lle fete e cane muorto
uè pe ll’anema e chillemmuorto.
E levate 'a pistuldà
uè e levate 'a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate 'a pistuldà
E levate 'a pistuldà
uè e levate 'a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate 'a pistuldà.
*Piatto tipico napoletano


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org