Language   

Addio padre e madre addio

Anonymous
Back to the song page with all the versions


“O Germania che sei la più forte” è stata scritta durante la...
Addio padre e madre addio
che per la guerra tocca di partir
ma che fu triste il mio destino
che per l'Italia mi tocca di morir.

Lascio la moglie con due bambini
o cara mamma pensaci tu
quand sarò in mezzo a quegli assassini
mi uccideranno e non mi vedrai più.

Quando fui stato in terra austriaca
subito l'ordine a me m'arrivò
mi dan l'assalto la baionetta in canna
addirittura un macello diventò.

E fui ferito ma da una palla al petto
i miei compagni li vedo a fuggir
ed io per terra rimasi costretto
mentre quel chiodo lo vedo a venir.

Fermati o chiodo che sto per morire
pensa a una moglie che piange per me
ma quell'infame col cuore crudele
col suo pugnale morire mi fé.

Voialtre mamme che soffrite cosí tanto
per allevare la bella gioventú
nel cuor vi restano lacrime e pianto
pei vostri figli che muore laggiú.

Sian maledetti quei giovani studenti
che hanno studiato e la guerra han voluto
hanno gettato l'Italia nel lutto
per cento anni dolor sentiranno.
O GERMANIA CHE SEI LA PIÙ FORTE

O Germania che sei la più forte
fatti avanti se ci hai del coraggio
se la repubblica ti lascia il passaggio
noi partigiani fermarti saprem.
Se la repubblica ti lascia il passaggio
noi partigiani fermarti saprem.

Al comando dei nostri ufficiali
caricheremo fucile e mitraglia
ma se per caso il colpo si sbaglia
a bombe a mano l'assalto si dà.

Quanti morti e quanti feriti
quanto sangue s'è sparso per terra
ma il partigiano sul campo di guerra
sarà difficile poterlo fermar.


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org