Language   

Le Déserteur

Boris Vian
Back to the song page with all the versions


OPEN LETTER TO PAUL FABER, TOWN COUNCILLOR
No, signor Faber, non cerchi l'insulto dove non esiste e, se lo trovate, sappiate che siete voi ad avercelo messo. Dico chiaramente quel che voglio dire; e mai ho voluto insultare gli ex combattenti delle due guerre, i resistenti (tra i quali conto numerosi amici) e i morti in guerra (tra i quali ne contavo molti altri). Quando insulto (e non mi succede mai), lo faccio francamente, mi creda. Non insulterò mai delle persone come me, dei civili, che sono stati rivestiti con un'uniforme per poterli ammazzare come oggetti e nulla più, riempiendo loro la testa di vuote parole d'ordine e di scuse fallaci. Combattere senza sapere perché si combatte è proprio di un imbecille, e non di un eroe; eroe è colui che accetta la morte quando sa che essa sarà utile ai valori che difende. Il disertore della mia canzone altro non è che un uomo che non sa; e chi glielo spiega? Non so di quale guerra lei sia ex combattente; ma se ha fatto la prima, riconosca di essere stato più dotato per la guerra che per la pace. Chi, come me, aveva vent'anni nel 1940, ha ricevuto proprio un bel regalo di compleanno. Non faccio finta di inserirmi tra i coraggiosi: sono stato riformato in seguito a una malattia cardiaca, non ho combattuto, non sono stato deportato, non ho collaborato; e sono rimasto, per quattro anni interi, un imbecille mezzo denutrito in mezzo a tanti altri, uno che non capiva perché, per capire, sia necessario che qualcuno glielo spieghi. Oggi ho trentaquattro anni, e le dico: se si tratta di difendere coloro che amo, combatterei immediatamente. Se si tratta di morire di napalm per una guerra ignobile, come oscura pedina in una mischia guidata da interessi politici, mi rifiuto e mi do alla macchia. Farò la mia propria guerra. Il paese intero è insorto contro la guerra in Indocina quando finalmente ha saputo che cosa fosse veramente; e i giovani che si sono fatti ammazzare laggiù perché credevano di servire a qualcosa -come avevano loro detto-, io non li insulto, li piango. Tra di loro si trovavano, chissà, dei grandi pittori , dei grandi musicisti; e, sicuramente, della brava gente. Quando si vede una guerra finire in un mese per volontà di uno che non si nega certo, su questo argomento, di ricorrere a parole gloriose e fumose, si è portati a credere per forza, se mai non lo si fosse capito, che quella guerra non fosse per nulla inevitabile.No, Mr Faber, you should not look for an insult where it does not exist and, if you should find it, it is you who have put it there, I tell you. What I exactly mean does not allow misunderstanding: I have never wished to offend the veterans from both world wars, the Partisans (I have many friends among them) and the Victims of the war (and, among them, I had many friends, too). My insults are always frank and open-hearted, though very rare. I shall never insult people like myself, civilians who have been given a uniform only to be killed as things, and nothing more, and who have had their heads filled with empty words and pointless excuses. Only an idiot, not a hero, fights without knowing what is the fight for; a hero is he, who accepts death if he knows that it will be useful to the values he is defending. The Deserter of my song does not know why; who will explain it to him? I do not know from which war you are a veteran; but, if you are a veteran from the First world war, so you must admit that you have more talent for war than for peace. Those, who, just like me, were twenty years old in 1940, have been given a nice birthday present indeed. I do not pretend to be counted among the brave: I have been rejected for a heart disease, I have not fought, I have not been deported, I have not collaborated; and I have remained four years a poor, half-starved idiot in the crowd, and I could not understand why one needs explanations to understand what is perfectly clear. I am thirty-four today, and I want to tell you: should I be called to defend those whom I love, I would fight straight away. But should I be ordered to die by napalm in an ignoble war, as an obscure pawn in a fight the true reasons of which are merely political interests and manoeuvres, so I will desert and take to the bush. I will make my own war. The whole Country has risen up against the war of Indochina when everyone has become really aware of what it was for; and all the boys who have been slaughtered there believing they were ‘serving’ anything or anyone –as they were told-, well, I do not insult them. I do grieve for them. Among them, who knows, there were great painters or great musicians and, no doubt, a lot of good people. You see, when a war ends in one month only by the will of someone who cannot help resorting even to falsely ‘glorious’ words for his argumentations, of course one is led to believe, if ever he should not have fully understood it yet, that the war in question were not inevitable at all.


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org