Lingua   

Le Déserteur

Boris Vian
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleVersione italiana della parodia precedente, di Riccardo Venturi 9...
LE DÉSERTEUR

Monsieur le Président,
Je vous fais une lettre
Que vous lirez, peut-être,
Si vous avez le temps.
Je viens de recevoir
Mes papiers militaires
Pour partir à la guerre
Avant mercredi soir.
Monsieur le Président,
Je ne veux pas la faire!
Je ne suis pas sur terre
Pour tuer des pauvres gens...
C'est pas pour vous fâcher,
Il faut que je vous dise:
Ma décision est prise,
Je m'en vais déserter.

Depuis que je suis né
J'ai vu mourir mon père,
J'ai vu partir mes frères
Et pleurer mes enfants;
Ma mère a tant souffert,
Elle est dedans sa tombe
Et se moque des bombes
Et se moque des vers.
Quand j'étais prisonnier
On m'a volé ma femme,
On m'a volé mon âme
Et tout mon cher passé...
Demain de bon matin
Je fermerai ma porte.
Au nez des années mortes
J'irai sur les chemins.

Je mendierai ma vie
Sur les routes de France,
De Bretagne en Provence
Et je dirai aux gens:
Refusez d'obéir!
Refusez de la faire!
N'allez pas à la guerre,
Refusez de partir.
S'il faut donner son sang,
Allez donner le vôtre!
Vous êtes bon apôtre,
Monsieur le Président...
Si vous me poursuivez,
Prévenez vos gendarmes
Que je n'aurai pas d'armes
Et qu'ils pourront tirer.
IL DISERTORE 2003

Signor Presidente
Le scrivo una lettera
che forse leggerà
se avrà la NATO [*]
Ho appena visto alla TV
le sue prove contro l'Iraq
e le dico che è uno schifo
e che puzza di truffa.
Signor presidente,
io non voglio la guerra,
non siamo sulla terra
per uccidere povera gente
Non è per farti arrabbiare
ma bisogna che te lo dica:
ti disprezzo, maledetto,
sei un perfetto imbecille.

Tuo padre non era meglio, [**]
correva dietro ai casini
e tu non sei che un povero succube
che si piega sotto il suo giogo
Vuoi tutto il loro petrolio
e la vita dei loro figli,
è agire da mongoloide
e manco te ne penti.
Quando l'ONU dichiara
che lui non ci ha le armi [***]
ti adombri e poi dichiari
"Siete tutti bugiardi!"
Domani al mattino presto
mi leggerò il giornale
vedrò che hai iniziato le danze
e ti augurerò di star nella merda.

Miri alla distruzione
di un popolo che chiede la grazia
e tutto questo per del petrolio,
e penso che sia vomitevole.
Rifiutate d'obbedire,
rifiutate di farla,
non approvate questa guerra,
rifiutate di subirla.
Anche se il prezzo della benzina
supera quello del dollaro,
è veramente cadere in basso,
non vale questa sofferenza.
E se malgrado tutto questo
lei vuole che la facciano
allora, buon pro le faccia,
non siete più miei amici.

[*] gioco di parole intraducibile tra "le temps" dell'originale e "l'OTAN" (= la NATO), che sono quasi omofoni (ndt)

[**] George Bush senior, ovviamente

[***] Le famose "armi di distruzione di massa", no?...




Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org