Lingua   

Georges Moustaki: Le facteur [Ο ταχυδρόμος πέθανε - Μάνος Χατζιδάκης]

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG

Lista delle versioni e commenti

Guarda il video


Georges Moustaki, Le facteur


Altri video...


Ti può interessare anche...

Τα λουστράκια
(Manos Hatzidakis / Μάνος Χατζιδάκις)
Il y avait un jardin
(Georges Moustaki)
Via della Croce
(Fabrizio De André)


O tachydrómos péthane
[1970]
Testo originale greco e musica di Manos Hatzidakis
Interpretato da Nikos Xylouris
Testo francese di Georges Moustaki
Paroles originelle grecques de Manos Hatzidakis
Interprétée par Nikos Xylouris
Paroles françaises de Georges Moustaki


Louise Labé, Sonetto XIV, 1524.
Louise Labé, Sonetto XIV, 1524.


Come primo "extra post-7000" mi sono permesso di scegliere un'altra canzone della mia vita, che poi con questo sito ha ben più di una cosa a che fare. Prima di tutto perché la canzone greca originale, O ταχυδρόμος πέθανε, è stata cantata (su testo del grande Manos Hatzidakis) da Nikos Xylouris e tradotta in francese da Giuseppe Mustacchi, più noto come Georges Moustaki: due tra le pietre miliari, anche in senso propriamente antimilitarista, di questo sito; poi perché, come sempre accade quando c'è in ballo il sottoscritto, una gran parte ce l'hanno i ricordi, o meglio il ricordo dei ricordi. Una canzone d'amore perduto di cui Francesco Senia ebbe giustamente a dire: "Altre canzoni, come 'Le facteur', possono, a mio avviso, essere considerate "deandreiane". E con questo intendo dire che se Fabrizio De André ne avesse fatto una "cover", con la sua voce, le avrebbe rese immortali." Più semplicemente ancora, una canzone comunque grande cui mi piace dedicare una pagina. [RV]

Le jeune facteur est mort
Il n'avait que dix-sept ans

L'amour ne peut plus voyager
Il a perdu son messager

C'est lui qui venait chaque jour
Les bras chargés de tous mes mots d'amour
C'est lui qui portait dans ses mains
La fleur d'amour cueillie dans ton jardin

Il est parti dans le ciel bleu
Comme un oiseau enfin libre et heureux
Et quand son âme l'a quitté
Un rossignol quelque part a chanté

Je t'aime autant que je t'aimais
Mais je ne peux le dire désormais
Il a emporté avec lui
Les derniers mots que je t'avais écrit

Il n'ira plus sur les chemins
Fleuris de roses et de jasmins
Qui mènent jusqu'à ta maison
L'amour ne peut plus voyager
Il a perdu son messager
Et mon cœur est comme en prison

Il est parti l'adolescent
Qui t'apportait mes joies et mes tourments
L'hiver a tué le printemps
Tout est fini pour nous deux maintenant

inviata da Riccardo Venturi - 4/7/2008 - 02:19




Lingua: Italiano

Versione italiana di Riccardo Venturi
(dal testo francese)
5 luglio 2008, per Daniela


Interpretata da Zoi Fytousi
IL POSTINO

Il giovane postino è morto,
aveva solo diciassette anni.

L'amore non può più viaggiare,
ha perduto il suo messaggero.

È lui che veniva ogni giorno,
le braccia cariche di tutte le mie parole d'amore,
è lui che teneva nelle sue mani
il fiore d'amore colto nel tuo giardino.

È andato via nel cielo blu
come un uccello finalmente libero e felice
e quando la sua anima l'ha abbandonato
un usignolo, da qualche parte, ha cantato.

Ti amo come ti amavo allora,
ma oramai non posso più dirlo.
S'è portato via con lui
le ultime parole che ti avevo scritto.

Non andrà più sui sentieri
fioriti di rose e gelsomini
che portano fino a casa tua.
L'amore non può più viaggiare,
ha perso il suo messaggero
e il mio cuore è come in prigione.

Se n'è andato via, il ragazzo
che ti portava le mie gioie e le mie pene.
L'inverno ha ucciso la primavera,
tutto è finito fra noi, ora.

4/7/2008 - 03:01





Il testo originale greco di Manos Hatzidakis

Στίχοι: Μάνος Χατζιδάκις
Μουσική: Μάνος Χατζιδάκις
Πρώτη εκτέλεση: Ζωή Φυτούση
Άλλες ερμηνείες: Μαρινέλλα, Nίκος Ξυλούρης
Testo: Manos Hatzidakis
Musica: Manos Hatzidakis
Prima interprete: Zoi Phytousi
Altri interpreti: Marinella, Nikos Xylouris


 Μάνος Χατζιδάκις. Manos Hatzidakis.
Μάνος Χατζιδάκις. Manos Hatzidakis.


Manos Hatzidakis compose originariamente la canzone per una rappresentazione teatrale: precisamente Απόψε αυτοσχεδιάζουμε, la versione greca di "Questa sera si recita a soggetto" di Luigi Pirandello, rappresentata al Θέατρο Αθηνών ("Teatro di Atene") tra il 1961 e il 1962. Nikos Xylouris la interpretò più tardi in una trasmissione televisiva, Μουσική βραδιά ("Serata musicale") di Giorgos Papastefanou.


Un "collage di interpretazioni: Nikos Xylouris e Natasha Bofiliou
O ΤΑΧΥΔΡΌΜΟΣ ΠΈΘΑΝΕ

Κι ήταν παιδί στα δεκαεφτά
που τώρα έχει πετάξει
Κι ήταν παιδί στα δεκαεφτά
που τώρα έχει πετάξει...

Ποιος θα σου δώσει, αγάπη μου,
Το γράμμα που 'χα τάξει;
Ποιος θα σου φέρει, αγάπη μου,
Το γράμμα που 'χα τάξει;

Kαι σαν πουλί που πέταξε
η πικραμένη του ζωή,
πέταξε πάει και τού 'φυγε
η δροσερή πνοή

Ποιος θα σου δώσει αγάπη μου
το τελευταίο φιλί μου;
Ποιος θα σου δώσει αγάπη μου
το τελευταίο φιλί μου;

Ο ταχυδρόμος πέθανε
στα δεκαεφτά του χρόνια
κι ήταν αυτός η αγάπη μου.
H κουρασμένη του σκιά
τώρα πετά στα κλώνια,
φέρνει δροσιά στ' αηδόνια.

Ποιος θα σου δείξει, αγάπη μου,
πού 'ναι του ονείρου ο δρόμος;
Aφού πεθάναμε μαζί,
εγώ κι ο ταχυδρόμος.

inviata da Riccardo Venturi - 4/7/2008 - 02:34





La trascrizione fonetica del testo greco assecuta al canto:
['kjitan pe'δi sta.'δekaef'ta
pu.'tora 'eçi pe'ta"ksi
'kjitan pe'δi sta.'δekaef'ta
pu.'tora 'eçi pe'ta"ksi

pjos.θa"su'feri..a'γapi."mu
to.'γrama pu..'xa 'ta"ksi
pjos.θa"su'feri..a'γapi.mu
to.'γrama pu..'xa 'ta"ksi

kje."sa(m).bu'lji pu.'peta"kse
i.pikra'menji tu..zo'i
'petakse 'pai kje tu.'fi"je
i."δrose'ri…pno'i

pjos.θa"su.'δosi..a'γapi."mu
to.telef'teo..fi'lji.."mu
pjos.θa"su.'δosi..a'γapi."mu
to.telef'teo..fi'lji.."mu

o.taçi'δromos 'peθane
sta."δekaef'ta."tu 'xro"nja
'kjitan af'tos i.a'γapi.."mu
'fernji δro'sja stai'δo"nja

pjos.θa"su.'δiksi..a'γapi."mu
'pune tu.o'njiru..o'δro"mos
a'fu pe'θaname "ma'zi
e'γo kjo."taçi'δro"mos ]

inviata da Riccardo Venturi - 4/7/2008 - 03:26




Lingua: Italiano

Versione italiana del testo originale greco
di Riccardo Venturi, 5 luglio 2008

Come si può vedere, Moustaki si è preso notevoli libertà rispetto all'originale greco. Che è, a mio parere, assai più scarno ma anche più bello.


Interpretata da Sabina Giannatou
IL POSTINO È MORTO

Era un ragazzo di diciassett'anni
ed ora è morto
Era un ragazzo di diciassett'anni
ed ora è morto.

Chi ti darà, amore mio,
la lettera che avevo imbucato?
Chi ti porterà, amore mio,
la lettera che avevo imbucato?

E come un uccello che è volato via,
la vita sua raggelata
è volata, e se n'è andato via
il suo respiro caldo.

Chi ti darà, amore mio,
l'ultimo mio bacio?
Chi ti darà, amore mio,
l'ultimo mio bacio?

Il postino è morto
a diciassette anni,
ed era lui l'amore mio.
La sua ombra stanca
ora vola sulle gemme,
porta rugiada alle rondini.

Chi ti indicherà, amore mio,
dov'è la strada del sogno?
Da allora siamo morti
io e il postino, assieme.

4/7/2008 - 03:35



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org