Lingua   

Fildžan viška

Zabranjeno Pušenje
Lingua: Bosniaco

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Uspavanka (Nini sine, spavaj sine)
(Alma Bandić)
Raskrsnice Sarajeva
(Mugdim Avdić Henda)
Christmas Eve (Sarajevo 12/24)
(Savatage)


[1997]

fildzanviska


Ciao! Mi chiamo Mario, vivo a Torino sono appassionato di ogni angolo della ex-Yugoslavia (dove sono già stato 4 volte dal 1996), e ho scoperto i Zabranjeno Pušenje grazie a un viaggio recente e alla vostra bellissima traduzione di Kanjon Drine.

Mi sono imbattuto di recente in un altra canzone, "Fildžan viška", che merita di essere segnalata perché piena di nostalgia per la Sarajevo prima degli eventi 1992 ... un posto in cui si lasciava sempre una tazzina di caffé in più per gli ospiti o gli sconosciuti. Appartiene al primo album che gli Z.P. (intendo la parte del gruppo che è rimasta a Sarajevo, non chi ha seguito Kusturica a Belgrado) hanno scritto dopo la fine della guerra nel 1997.[Mario Ferrero]

69-a moj stari i ja,
na biciklima
Pa pravac Ilidža,
put rijeka, livada
Gdje teferići
raja iz Sarajeva

Ćebe, pivara,
roštilj i odbojka
Sve šareno poput ćilima
A sa radija
"Plima" od Indexa
I vijesti iz Vijetnama.

I stari reče tad:
"Vidiš tu svako zna
Politika je prosta stvar,
Kafu kad zakuvaš,
fildžan se ostavlja
Ako 'ko naiđe, jebi ga!"

To ovdje svako zna
To je raja iz Sarajeva
To ovdje svako zna
To je raja iz Sarajeva

84-e je pao snijeg
I skupio se čitav svijet
Pa skije na rame
I sanke u ruke
Put Rajske doline

Begovu džamiju
nekom kauboju
Jalija prodala
Strendžeri skontali
Da slava i novčići
I nisu najvažniji
U votaži

I stari reče tad:
"Vidiš sada Čitav svijet zna
Da postoji grad
Gdje se kafa zakuva,
I fildžan ostavlja
Ako 'ko naiđe, jebi ga!"

To ovdje svako zna
To je raja iz Sarajeva
To ovdje svako zna
To je raja iz Sarajeva

Proljeće '92. vreli čelik raznese
Sve komšiluke i sve derneke
Kažu, sve dosada
Je laž i obmana
Zavjera ustaško-džihadska
Il upali foluška

I stari reče tad,
čisteći zgarišta:
"Ne žalim žutog 'yugu', a ni stan
Već što više nikada
Kafu kad zakuvam,
fildžan neću ostavljat
Ako ko naiđe... jebi ga!"

To sada svako zna
To je raja iz Sarajeva
Iz moga Sarajeva
To je raja iz Sarajeva
Iz moga Sarajeva
To je raja iz Sarajeva
Iz moga Sarajeva...

inviata da Mario Ferrero (per tramite di RV) - 27/8/2007 - 23:48




Lingua: Inglese

English Version by Mario Ferrero
Versione inglese di Mario Ferrero

Traduzione "ripulita" da qualche anima gentile sul forum degli Zabranjeno Pusenje ... con un'avvertenza: il "f*ck it!" (traduzione letterale di "jebi ga") è di difficile interpretazione anche per loro.

Gli svarioni non erano poi tanti ... a parte aver fatto partire il nonno su una Yugo gialla distrutta dalla guerra, ed essersi perso la vendita della moschea del Bey all'americano (deve essere la versione locale della storiella sulla Fontana di Trevi) [Mario Ferrero]

THE SPARE CUP OF COFFEE

In '69, my old man and I
By bycicle towards Ilidža
Route river – meadow
Where the gang from Sarajevo has parties

Blanket, beer, grill and ball
everything coloured like a carpet
on the radio "Plima" by Indexi
and the news from Vietnam.

And my old man then said:
"See, everyone here knows
politics is a simple thing:
when you prepare coffee,
leave an extra cup
If someone passes, f*ck it!"

Everybody here knows it
It's the gang from Sarajevo
Everybody here knows it
It's the gang from Sarajevo

In '84, the snow fell down
And the whole world gathered
Take skis on shoulders
And sleighs in arms
Going to Rajska dolina

Bey's mosque was sold
To a cowboy by Jalija
Strangers became aware
That coins and fame
Aren't the most important
In life

And my old man then said:
"You see, the whole world knows now
That there's a town
Where, when you make coffee
You have an cup extra
If someone passes, f*ck it!"

Everybody here knows it
It's the gang from Sarajevo
Everybody here knows it
It's the gang from Sarajevo

Spring of '92,
Steel broke down all neighborhoods and parties
They said, everything till now
Was a conspiracy made by Ustashas and Jihadis
And others believed

And my old man then said,
cleaning up the ruins
"I don't feel sorry for yellow Yugo, neither for home
But because never more
When I will make coffee
I will have an extra cup
If someone passes, f*ck it!"

Everybody knows it now
It's the gang from Sarajevo
From my Sarajevo
It's the gang from Sarajevo
From my Sarajevo
It's the gang from Sarajevo
From my Sarajevo

inviata da Riccardo Venturi - 27/8/2007 - 23:52




Lingua: Italiano

Versione italiana di Mario Ferrero

Ho aggiunto una versione in italiano - la versione in inglese "riveduta e corretta" è di раскољников (Raskolinkov?) sul forum degli Z.P.
LA TAZZINA DI CAFFÉ IN PIÙ

Nel '69, il mio vecchio ed io
in bicicletta verso Ilidža
strada fiume - prati
dove la banda di Sarajevo festeggia

Coperta, birra, griglia e palla
tutto colorato come un tappeto
alla radio "Plima" degli Indexi
e le notizie dal Vietnam.

E il mio vecchio allora disse:
"Vedi, qui tutti sanno
che la politica è una cosa semplice:
quando prepari il caffé,
lascia una tazzina in più
e se qualcuno passa, #@*!"

Qui tutti lo sanno
è la banda di Sarajevo
Qui tutti lo sanno
è la banda di Sarajevo

Nell '84, la neve cadeva
e tutto il mondo si riunì qui
sci sulle spalle
e le slitte fra le mani
verso Rajska dolina

La moschea del Bey fu venduta
a un cowboy da Jalija
gli stranieri impararono
che i soldi e la fama
non sono la cosa più importante
nella vita

E il mio vecchio allora disse:
"Vedi, ora il mondo intero sa
che c'è una città
dove, quando si prepara il caffé
si lascia una tazzina in più
e se qualcuno passa, #@*!"

Qui tutti lo sanno
è la banda di Sarajevo
Qui tutti lo sanno
è la banda di Sarajevo

Primavera del '92,
il ferro distrusse tutti i vicinati e tutte le feste
qualcuno disse, tutto fino a adesso
è stato una congiura degli Ustasha e dei Jihadi

e altri ci credettero

E il mio vecchio allora disse,
ripulendo le rovine:
"Non sono dispiaciuto per la Yugo gialla, nè per la casa
ma perché mai più
quando preparerò il caffé
lascerò una tazzina in più
e se qualcuno passa, #@*!"

Qui tutti lo sanno ora,
è la banda di Sarajevo,
della mia Sarajevo.
È la banda di Sarajevo,
della mia Sarajevo
È la banda di Sarajevo,
della mia Sarajevo.

inviata da Mario Ferrero - 28/8/2007 - 11:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org