Lingua   

No More Lockdown

Van Morrison
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Saremo uomini
(Agnese Ginocchio)
Climate Emergency
(Massive Attack)
La solitudine social
(Anonimo Toscano del XXI secolo)


[2020]
Lyrics and music / Parole e musica / Paroles et musique / Sanat ja saevel: Van Morrison

Van Morrison


Il cantautore irlandese Van Morrison ha annunciato venerdì di aver scritto tre “canzoni di protesta” contro le misure restrittive adottate dal governo britannico.

Il 75enne musicista irlandese, dopo aver pubblicato a fine agosto sul proprio sito web una lettera attraverso la quale ha preso posizione contro le misure che impongono agli spettatori di mantenere tra loro la distanza di sicurezza ai concerti, ha ora annunciato di aver registrato tre “canzoni di protesta” – così le definisce lui – contro le misure restrittive adottate dal governo britannico per limitare i contagi e impedire l’ulteriore diffusione del virus. I titoli sono: “Born to be free”, “As I walked out” e “No more lockdown”, le canzoni usciranno a intervalli, la prima il 25 settembre, la seconda il 9 ottobre e la terza il 23. Nel comunicato, pubblicato sul suo sito web, si legge: “Nelle nuove canzoni Van Morrison rende chiaro quanto sia infelice il modo in cui il governo ha privato i cittadini delle libertà personali”.

In uno dei tre dischi, il musicista canta: “Niente più sbalzi del governo / Niente più bulli fascisti / Disturbare la nostra pace”. In un altro, canta: “Basta con la nostra libertà / E il nostro Dio ha dato i diritti / Fingendo che sia per la nostra sicurezza / Quando è davvero da schiavizzare”.

Morrison ha detto in una dichiarazione che “non sto dicendo alla gente cosa fare o pensare”. “Si tratta di libertà di scelta, credo che le persone dovrebbero avere il diritto di pensare da sole”.

L’artista aveva già suscitato polemiche il mese scorso quando, secondo quanto riferito, esortava le persone a “combattere la pseudoscienza” intorno al Covid-19, prima di mettere in scena diverse esibizioni socialmente distanti in Inghilterra.

“Non è economicamente fattibile fare concerti a distanza sociale”, ha detto, esortando l’industria musicale “a combattere con me su questo”.

La Gran Bretagna è stata il paese più colpito in Europa dalla pandemia di coronavirus e attualmente sta assistendo a una recrudescenza dei casi, dopo un blocco di mesi all’inizio di quest’anno.

Morrison ha detto che debutterà con le sue nuove canzoni alla fine di questo mese in spettacoli al London Palladium Theatre e le renderà disponibili per il download e lo streaming. - Kmetro0
No more lockdown
No more government overreach
No more fascist police
Disturbing our peace
No more taking of our freedom
And our God-given rights
Pretending it's for our safety
When it's really to enslave
Who's running our country?
Who's running our world?
Examine it closely
And watch it unfurl
No more lockdown
No more threats
No more Imperial College
Scientists making up crooked facts
No more lockdown
No more pulling the wool over our eyes
No more lockdown
No more celebrities telling us
Telling us how to feel
No more status quo
Gotta put your shoulder to the wheel

No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown

No more lockdown
No more government overreach
No more fascist police
Disturbing our peace
No more taking of our freedom
And our God-given rights
Pretending it's for our safety
When it's really to enslave
Who's running our country?
Who's running our world?
Examine it closely
And watch it unfurl
No more lockdown
No more threats
No more Imperial College scientists
Making up crooked facts
No more lockdown
No more pulling the wool over our eyes
No more celebrities telling us
How we're supposed to feel
No more status quo
Gotta put your shoulder to te wheel

No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown

No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown
No more lockdown

24/11/2020 - 04:10


Da Miguel Bosé ce lo potevamo anche aspettare, nonostante sua madre sia morta di Covid, ma che anche Van Morrison diventasse cospirazionista (non mi piace la parola negazionista che viene ormai affibbiata a chiunque dubiti dell'efficacia delle misure adottate dai governi) non me lo sarei aspettato.

thumb

Van Morrison Shares 'No More Lockdown,' Abandons Subtlety Entirely

The third and final Van Morrison 'anti-lockdown protest song' is here, and "No More Lockdown" makes his stance as clear as can be.

Lorenzo - 24/11/2020 - 09:14


Eh, Lorenzo, ci ho pensato, ti giuro, prima di approvare questa canzone (sembra tra l'altro che Van Morrison ne abbia scritte altre due di simili). Poi però mi sono detto che questo sito avrà mille difetti, ma non quello di essere granitico, monolitico, "duro e puro" e altre cose del genere. Non piacciono manco a me cospirazionisti, complottisti e quant'altro, anzi attualmente li aborro totalmente. Ma se un Van Morrison scrive una canzone del genere, si va a vedere quel che dice, e pure quel che direbbe Miguel Bosé se scrivesse una canzone al riguardo. Almeno io la penso così, sia pure dopo essermi beccato il mio bravo Covid ed essermi fatto due settimane di quarantena chiuso in casa. Con tanti auguri a Van Morrison.

Riccardo Venturi - 24/11/2020 - 09:39


Mi chiedo, Lorenzo, se sia il caso di accogliere una canzone cospirazionista / negazionista / antiscientifica, che dir si voglia...

Mi pare anche che il testo non sia molto corretto (rigts, wen,...)

B.B. - 24/11/2020 - 10:28


"No more taking of our freedom / And our God-given rights", sembra estratto da qualche twitter di Trump...

A Van, come ti sei invecchiato!

Ma va' 'n morrison, va'!

B.B. - 24/11/2020 - 16:31


Che dire? Non sono e non posso essere nella “capa” né di Van Morrison, né di chiunque altro (negazionisti, complottisti, “riduzionisti” ecc.). Più o meno, però, sono nella mia; e dico quanto segue. Il “canzoniere del Coronavirus”, nei limiti del suo possibile, è stato creato per seguire la pandemia attraverso canzoni e brani musicali, in tutti i suoi aspetti quali che fossero. Anche quelli che non garbano, sgradevoli, scorretti, persino imbecilli. Del resto, questo sito si chiama “Canzoni contro la guerra” e non “Canzoni contro la guerra che ci piacciono”, dico bene? Poi, credo che sia un po' la storia di tutti noi di fronte alla pandemia: all'inizio la abbiamo sottovalutata (“è solo un'influenza” ecc.), ci abbiamo scherzato sopra, la abbiamo presa come una specie di scampagnata; e poi il lockdown, l'economia, le terapie intensive, gli intubati, “andrà tutto bene”, i gran libertari, i dati, il bla bla generalizzato, la paura, lo scetticismo, l'ottimismo, il pessimismo, i complotti, gli egoismi, gli altruismi e chi più ne ha, più ne metta. Tutto sommato, credo che abbiamo seguito abbastanza bene tutto questo marasma, in alcuni casi rendendoci finalmente conto delle idiozie che sono state e che continuano ad essere sparate in giro (anche in forma di canzone), in altri seguitando imperterriti a seminare scemenze, ed in altri ancora non sapendo veramente più che fare o che pensare. Secondo me non ci resta altro che continuare a seguire tutto quanto; vincendo anche e soprattutto ciò che ci fa più intimamente schifo e ci disturba, ma non dando ostracismi. La canzone di Van Morrison è tutta un'infinita serie di boiate? Sono perfettamente d'accordo: l'ho approvata proprio per questo (naturalmente, è stata proposta dal solito anonimo). Ci metto pure, motu proprio, il “bollino bleah”; ma censura, mai. Attendendo qualcuno che scriva, in forma di canzone, una riflessione veramente seria su quel che sta succedendo; ma, forse, è ancora troppo presto. Saluti.

Riccardo Venturi - 24/11/2020 - 19:01


PUODARSI che lui esageri con tutti questi complotti, ma che ci abbiano fatto un lavaggio del cervello su questa pandemia ,e' sicuro , non ha torto a scrivere una canzone del genere,la gente e' veramente alienata,appena uno si abbassa un attimo la mascherina o per respirare o per fumarsi una sigaretta viene insultato come se fosse il piu' vile assassino,anche stando a distanza, l'ho visto coi miei occhi.
Poi le cose importanti non te le dicono sui media,scarsi sono i protocolli nel caso ti ammali,nessuno ti consiglia il saturimetro da tenere in casa come una reliqua,hanno accellerato la ricerca sul vaccino,ma nessuna accelerazione sulle cure ,che stando all'istituto Negri di Bergamo , se attuate immediatamente ai primi sintomi,riducono e di molto il ricorso in ospedale,e e le morti, allora viva il grande VAN MORRISON.Oltretutto i ricavi delle canzoni scritte da Van e suonate anche da ERIC CLAPTON andranno a questi tantissimi musicisti che da marzo stanno facendo la fame-non tutti sono cosi' ricchi come loro.tanto di cappello.

MILANO - 30/12/2020 - 14:07



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org