Lingua   

Venessia in afito

Pitura Freska
Lingua: Italiano (Veneto veneziano)


Ti può interessare anche...

Vusto meter
(Gualtiero Bertelli)
Cavàrte dal fredo
(Alberto D'Amico)
Marghera
(Pitura Freska)


[1993]
Scritta da Francesco Duse, Marco Forieri e Gaetano Scardicchio (AKA Sir Oliver Skardy)
Nell'album "Duri i banchi"
Testo trovato sul sito di Marco Forieri

Duri i banchi
Go’ pensà massa, go’ fato notolada
vista sta cità, come la se canbiada
Sumit, Expo, festa de la pantegana
altro che Pin Floi, li vol la metropoitana.

Filosofi, scritori, naviganti e pescaori
a Venessia fasemo i gran signori
che li se rosega da le bie,
che li va senpre a pie
e da senpre digerisse busie.

E te lo gavevo dito, te se rivà el sfrato
sta’ sito e va via da la to cità.

Gente che ride e che vive in strada
che fa fadiga a trovar na casa
pochi putei, canpi sensa un sogo
na cità che se na casa de riposo.

Me lo dise tuti, propio tuti cuei che trovo
i schei li ciapa chi che se rufiana
el piu’ schifoso.

E te lo gavevo dito,
te se rivà el sfrato
sta’ sito e va via da la to cità
Venessia in afito,
li se drio vender tuto
e ti senpre neto, rovinà.

Na cità da sbalo, altro che Disneyland
chi se diverte, oggi gnanca un can
Venessia vecia casba de mistici e de maghi
meta desso de miitari inbriaghi.

Via bancaree cavaeti e pitori
che ghe rovina la vista a lor signori
nobii del casso gavé propio un bel coragio
a dir che ste robe ve rovina el paesagio.

No ve lo rovina na nave da guera
un pe’r de elicoteri che fa tremar la tera
no ve lo rovina un “marins” col fusil
na ranpa lanciamissii sora el canpanil.

In rio col somergibie, na base americana
da ragiunger co la metropoitana.

E te lo gavevo dito,
te se rivà el sfrato
sta’ sito e va via da la to cità
Venessia in afito,
li se drio vender tuto
e ti senpre neto, rovinà.

Li vol far na metropoitana
par viagiar al de soto de la laguna
Mi che no so’ na pantegana
ve digo che li se fioi de putana.
Ghe se un progeto da diesemia miliardi
li va tuti in scarsea de chei bastardi
e noaltri che semo i venessiani
li ne trata da fioi de cani.
Alora è un incitamento ala rivolta
perché speremo che almanco cuesta volta
non ci faciamo abindolare
li mandemo tuti cuanti in culo a sa mare.
No ghe se, no’, no’, no’, no ghe se.

inviata da Bernart Bartleby - 31/10/2020 - 21:33



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org