Lingua   

L'elettore

Mario Buffa Moncalvo
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Rivolta al raggio 3
(Mario Buffa Moncalvo)
La canzone delle donne carcerate
(Mario Buffa Moncalvo)
Viaggio in città
(Mario Buffa Moncalvo)


[1970]
Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel: Mario Buffa Moncalvo
Album / Albumi: Moncalvo

Mario Buffa Moncalvo.
Mario Buffa Moncalvo.
E se il sole
Non si sposta
Si sposta
La Svezia
E fa freddo per tutti
La la la la la

Io, l'elettore
Un salto fra un freddo e l'altro
Ma giusto il tempo di votare
Oggi è domenica, si vota qui in provincia
Piene le urne son di pioggia
La tariffa è speciale, il viaggio è lungo
I giornali politici li ho
Con gli occhiali da sole mi dileguo
Tanto io non porto novità
Certo che anche degli altri
Ben poco c'è da dire
Nunca pasa nada
Nessuno cambia
Ne fosse cambiato uno
E invece tutt'al più
Qualcuno non c'è più

Per esempio dieci ex bellissime donne
Grandi occhi della provincia e
Quelle che ora rimangono stan lì
D'impronta alle urne stile rustico della scuola democratica
E aspettan di votare e aspettan di votare

Per esempio venti ex combattenti
Inabbattibili duci... provincia
E quelli che ancora rimangono son paonazzi
Perché gli hanno cambiato tutte le carte in tavola
E aspettan di votare e aspettan di votare

Io, l'elettore
Un salto fra un'urna e un'altra
Riconosco un parente che commenta
Lui tira calci e vota come sempre
E piene le urne son di pioggia
Ed io occhiali da sole e tiro dritto
Incrocio un vedovo che prima non lo era
C'è una sedia ed io gliela tolgo
Pazienza, ora tocca a me
Capirà, ho viaggiato tanto
No, e vabbè, si sieda, si sieda
Nunca pasa nada
Nessuno cambia
Ma non saluto nessuno
Oppure tutt'al più
Io darei del tu

Cento matricole politiche, cento
Tutte presenti ed armate fino ai denti
Boh! Vengono e votano tutte in un lampo
Sì! Pare che han cambiato tutte le carte in tavola
Chi vivrà vedrà! Chi vivrà vedrà!

Almeno quaranta nuove famiglie
Tutte ben grassottelle e fottute
Col pupo seduto, olè, sul volante
E... e tuo papà e mamma votan per la sveglia città

Un salto fra un treno e l'altro
Nella pioggia antica delle urne
Sembran donne bellissime tutte le donne
Pre belle donne morte
Ahi! Ma son meno miope in provincia
Ahi! Che voglia di adulterio
Ma occhiali da sole e tiro dritto
Come i vivi ai funerali
Tanto qui non ride mai nessuno
E nulla sembra cambiar mai
Nunca pasa nada
Nessuno cambia

E se il sole
Non si sposta
Si sposta
La Svezia
E fa freddo per tutti
La la la la... la

inviata da Alberto Scotti - 18/9/2020 - 04:36



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org