Lingua   

Wormwood And Flame

Michał Turowski
Lingua: Strumentale

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Alturas
(Inti-Illimani)
Canzone per Vladimir Pravik
(Alex Cambise)
Welcome! (Cold Fusion)
(Flying Tadpole)


2019
flame

Concept album Ambient/industrial sull'incidente nucleare di Chernobyl

(note tratte da wikipedia)
26th April 1986(1)




Pripyat(2)



Black Wind




Sarcophagus(3)




Red Forest(4)




The Woodpecker(5)




Azure Swimming Pool(6)




Polissya Hotel(7)




Avanhard Stadium(8)




Samosely(9)




Life After People

(1) Il disastro di Černobyl' avvenne il 26 aprile 1986 alle ore 1:23:45 del mattino, presso la centrale nucleare V.I. Lenin, situata in Ucraina settentrionale (all'epoca parte dell'Unione Sovietica), a 3 km dalla città di Pryp"jat' e 18 km da quella di Černobyl', 16 km a sud del confine con la Bielorussia. È stato il più grave incidente nucleare mai verificatosi in una centrale nucleare, e uno dei due incidenti classificati come catastrofici con il livello 7 (massimo della scala INES) dall'IAEA

(2) Pryp"jat' (in ucraino: Прип'ять?, traslitterato: Pryp'jať) è una città fantasma dell'oblast' di Kiev, a circa 110 km dalla capitale ucraina. La città è stata abbandonata dopo il disastro nucleare avvenuto nel 1986 alla centrale di Černobyl', che si trova a circa 2 km di distanza, e si trova all'interno della zona di alienazione.
Pryp"jat' era una città moderna, che al momento dell'abbandono aveva 49 000 abitanti e possedeva due ospedali, di cui uno pediatrico, un centro commerciale, due hotel, numerosi bar e ristoranti, un cinema, un teatro, un centro polifunzionale. La piscina coperta fu lasciata attiva fino al 2000, al servizio del personale che continuava a lavorare presso la centrale.

(3) Tra i 600 000 liquidatori si trovano anche coloro che si adoperarono per la costruzione del sarcofago esterno. I primi due anni 1986-1987 circa 226 000 ~ 240 000 persone si alternarono per la pulizia e la realizzazione dello scudo protettivo. Il reattore necessitava di essere isolato al più presto assieme ai detriti dell'esplosione, che comprendevano 180 tonnellate di combustibile, pulviscolo altamente radioattivo e 740 000 metri cubi di macerie contaminate. Fu quindi progettata la realizzazione di un sarcofago di contenimento per far fronte all'emergenza.
Il sarcofago è stato creato a tempo record tra il maggio e il novembre 1986, ma ogni anno, proprio per la povertà dei materiali usati e per la mancanza di una più seria progettazione, nuove falle si aprivano continuamente nella struttura, per un totale di oltre 1.500 metri quadrati di superficie. Alcune fessure raggiungevano i 10 metri quadrati di superficie, tali da potervi lasciar passare tranquillamente un'automobile

(4) La Foresta rossa (in ucraino: Рудий ліс?, traslitterato: Rudyj lis; in bielorusso: Руды лес?, traslitterato: Rudy les; in russo: Рыжий лес?, traslitterato: Ryžij les) era una pineta di circa 4 km² situata nell'area compresa in un raggio di 10 km dalla centrale nucleare di Černobyl', in Ucraina, che in seguito al disastro nucleare del 26 aprile 1986, subì un fallout radioattivo fino a 4,81 GBq/m² che la fece dapprima virare verso il colore rosso e quindi morire. Vicine foreste di betulle e di pioppi tuttavia restarono verdi e sopravvissero


(5) Woodpecker ("picchio") era il soprannome dato ad un segnale radio militare ad onde corte, proveniente dall'Unione Sovietica, che poteva essere ricevuto in tutto il mondo tra il 1976 e il 1989, anno in cui è cessata la sua trasmissione. Soprannominato woodpecker a causa del suo caratteristico battito 10 Hz con il quale disturbava le emittenti radio, il segnale fu causa di diversi disturbi a canali radio in tutto il mondo. L'esatta posizione di queste installazioni radio era, all'epoca della guerra fredda, nota in occidente esclusivamente alla NATO, che soprannominò l'installazione radio nei pressi di Pripjat "Steel Yard" (acciaieria).

(6) The Azure Swimming Pool (ucraino: Басейн Лазурний; russo: Бассейн Лазурный) è una delle piscine coperte nella città abbandonata di Pripyat, colpita dal disastro di Chernobyl.
Fu costruito negli anni '70 e fu usato fino al 1998 (12 anni dopo il disastro di Chernobyl); durante quei 12 anni la piscina fu utilizzata principalmente dai liquidatori. Attualmente, la piscina e l'adiacente campo da basket al coperto sono abbandonati.


(7) L'Hotel Polissja (in ucraino: Готе́ль Полісся?; in russo: Гостиница Полесье?) è uno degli edifici più alti della città fantasma di Pryp"jat'. Fu costruito a metà degli anni '70 per ospitare delegazioni e ospiti che visitavano la centrale nucleare di Černobyl'. Il 26 aprile 1986, a seguito del disastro di Černobyl' durante le azioni di bonifica emessa in sicurezza, l'edificio dell'hotel fu utilizzato dai liquidatori. Dopo la fine della liquidazione l'edificio fu abbandonato.


(8) Lo Stadio Avanhard (ucr. Стадіон «Авангард» ) è un impianto sportivo ucraino abbandonato che si trova a Pryp"jat'
Lo stadio è stato costruito nel 1986. L'apertura ufficiale era prevista per il 1 maggio 1986, ma a seguito del disastro di Černobyl' il 26 aprile 1986, l'arena non fu mai aperta. Lo stadio di fatto è stato chiuso senza mai essere aperto, in quanto non ha mai avuto luogo alcuna partita o evento culturale. Sarebbe dovuto essere il terreno di casa dell'FC Stroitel Pripyat. Ora gli alberi crescono sul campo dello stadio, e le tribune vengono gradualmente distrutte. L'arena è una attrazione popolare tra i turisti che visitano la zona di esclusione di Chernobyl.



(9) Samosely (ucraino: самосели, russo: самосёлы, bielorusso: самасёлы - "auto-coloni") sono residenti nella zona di alienazione di 30 chilometri che circonda le aree più fortemente contaminate vicino alla centrale nucleare di Chernobyl in Bielorussia e Ucraina.
La zona contiene un numero di città e villaggi abbandonati la cui popolazione attuale è composta da persone che si sono rifiutate di evacuare l'area o che si sono reinsediate segretamente nella regione relativamente non protetta dopo che è stata isolata. La maggior parte degli ammalati sono persone anziane che hanno abitato nella zona prima del disastro di Chernobyl del 1986, sebbene alcuni siano coloni disaffezionati dall'esterno della regione. Quando la popolazione è stata evacuata, inizialmente gli è stato detto che avrebbero potuto tornare in pochi giorni e molti hanno subito discriminazioni nelle aree di reinsediamento del governo. A partire dal 2009, si ritiene che ci siano meno di 400 rimanenti di una popolazione precedente stimata in oltre 10.000. La maggior parte sono concentrati nella stessa città di Chernobyl, con circa metà della popolazione dispersa in altri villaggi in tutta la zona: la popolazione è stata stimata a 197 nel 2012, in calo rispetto a 328 nel 2007 e 612 nel 1999. Negli ultimi 25 anni, ci sono stati più di 900 decessi e un solo parto nella zona di esclusione di Chernobyl. L'unica nascita conosciuta è avvenuta il 25 agosto 1999, quando Lydia Sovenko, 46 ​​anni, ha dato alla luce una ragazza sana. Sia Lydia che suo marito Mikhail Bedernikov erano tornati a Chernobyl qualche mese prima. La bambina, Maria Sovenko, ha vissuto a Chernobyl fino al 2006. Attualmente vive in un villaggio fuori dalla zona di esclusione, frequentando un collegio. Maria ritorna a Chernobyl solo nei fine settimana, per incontrare sua madre che vive ancora lì.
L'età media di un Samosel era di 63 anni nel 2007. Nel 2012, l'amministrazione locale ha concesso ufficiosamente ai Samosely anzinai di vivere nella zona, ma ha ordinato a tutti gli abitanti più giovani di trasferirsi. La popolazione totale nel 2009 era di 271. Nel 2016 la popolazione totale era scesa a circa 180 persone, la maggior parte delle quali donne.

Si veda il documentario: Samosely i sopravvissuti di Chernobyl di Fabrizio Bancale

inviata da Dq82 - 27/4/2020 - 21:22


Questo disco era stato inizialmente stato inserito il 27 aprile, oggi ho completato l'inserimento e aggiunto le note

Dq82 - 29/4/2020 - 20:23



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org