Lingua   

Maurizio Ferrara: Er puzzone. La storia der fascismo

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Giordano Bruno
(Stefano Rosso)
Alla Lungara
(Alvaro Amici)
Cella 33
(Il muro del canto)


Ottobre/Novembre 1975
Maurizio Ferrara
di Maurizio Ferrara (1921–2000)

Pubblicato in

Anonimo Romano (1978), Er communismo co' la libbertà. A cura di Maurizio Ferrara,con Introduzione di Tullio De Mauro. Editori Riuniti


Un poemetto in romanesco, composto da 41 strofe, ciascuna strofa è un sonetto. Si tratta di una storia del fascismo che pare abbastanza accurata storicamente. Per quanto ne so, l'autore è Maurizio Ferrara.

Il testo è accompagnato da una mia vecchia traduzione/spiegazione, alla lettera, parola per parola, in italiano e in inglese.

Er Puzzone


È un testo contro la guerra? Non lo so, però sicuramente è un testo che chiama alla resistenza armata, ad oltranza, contro il fascismo.

L.E.
1 - Il figlio del fabbro

Lui era er fijo d’un fabbro de Romagna,
‘n bravomo, giacubbino socialista,
ch’a sapéllo ch’er fijo era fascista
te l’allessava come ‘na castagna.

‘Nfatti quannoché lui, pe’ ‘r verbo màgna,
svortò bandiera e se cammiò de lista
je toccò ‘nnasse a métte fori vista
pe’ nun finì a fà er morto de campagna.

Lassò er paese e dov’annò? A Milano,
‘ndove fra tanti torzi lui fu un genio
e se fece portà in parma de mano.

Trovò sòrdi a caretti, ‘sto ruffiano,
pe’ oprì er Covo der Fascio primiggenio [1],
ché mica è nato a Roma: è cispatano.

2 - Il covo

Chiuso drento ‘sto Covo lui covava
come poté fà fòri er communismo
e fu pe’ questo ch’inventò er fascismo
pe’ fàcce tornà ar tempo de la clava.

‘Nfatti mentre l’Italia se lograva
cor parlamento annàto ar cretinismo,
mentre noi penzavamo ar socialismo
lui nun penzava un cazzo ma menava.

E in quell’Italia vecchia, stracca, sfitica,
co’ la Camera fatta un carosello,
lui der menà ne fece ‘na pulitica.

Mena e mena convince er generone [2]
ch’ar dilemma tra legge e manganello
la borghesia à da sceje San Bastone.

3 - Lo squadrismo di stato

Però ‘sto gran menà che lui faceva
era a botta sicura un pijà er terno,
perché lui se copriva cor governo
ch’ar brutto l’aiutava e proteggeva.

‘Nfatti si ‘no squadrista se moveva
p’abbrucià un sinnacato e fà l’inferno
dietro c’era un guardione de l’Interno
che invece d’arestàllo l’assorvéva.

Lo Stato, inzomma, mica fu ‘mparziale
a dì «chi rompe paga», «c’è la legge»,
come riporta er codice penale.

‘Sto Stato come palo ar forilegge,
confermò Marz, che scrisse ar Capitale:
«Le libbertà borghesi sò scoregge».

4 - Il tradimento del re

‘Nfatti mentre er Puzzone già ‘nzorgeva,
er re, che dello Stato à d’èsse er perno,
facendo finta de tenesse esterno
je faceva er basista, je faceva.

Lo Sciabboletta [3] loffio ce friggeva
a volé un boja a capo der governo,
magara protemporibbus, no eterno,
p’incarcà er popolino che spigneva.

‘Nzomma quer re de coppe in quer cimento
pe’ nun volélla dà vinta a la massa
se buttò ar Fascio de combattimento.

Così ‘sto re Sordato, gran cornuto,
nun solo cacò in testa ar parlamento
ma se rimagnò puro lo Statuto.

5 - Il 28 ottobre 1922

Quanno er ventottottobbre ventidue,
a cavacecio [4] de li questurini,
je se presenta a casa Musolini
pe’ pià er potere da le mani sue,

‘nvece de dije: «Ma le corna tue!»
er re j’aggiusta ar culo li cuscini,
l’abbraccica e je fa: «Semo cuggini!». [5]
A ‘sto bigonzo fracico de lue!

Ài capito che coppia! C’è un zovrano
che puro de potè sarvà la cassa
se ‘mparentela co’ un repubbricano.

L’antro, ‘n ecsenarcoide prudoniano
che se converte e pe’ fà più manbassa
va a leccà ‘r culo ar re, ‘sto gran ruffiano.

6 - La rivoluzione fascista

Fu ‘na rivoluzzione? ‘Nzia mai detto!
Quella la fece Lenin co’ Baffone
che sparorno ar Palazzo cor cannone
poi annorno su a pijà lo zar pe’ ‘r petto.

Ma er Puzza p’annà a Roma pijò er letto,
cor prefetto a ‘spettallo a la stazzione,
e agnede ar Quirinale in proscessione,
co’ le ghette, la bomba [6], er doppiopetto.

Lui rivoluzzionario? Sì, de pezza!
A ‘sto borzo je diedero le chiavi
pe’ fà entrà a Roma lui e la su’ monnezza.

‘Nzomma pe’ lui la marcia fu ‘no sguazzo,
co’ preti, generali e ladiclavi [7]
a faje strada a ‘sto Dantò der cazzo.

7 - Il fascismo dei ricchi

Dice: fu ‘no sbarbajo, fu ‘n’ufòria,
tutta ‘na trapparenti, un carnovale,
‘na specie de peccato origginale
der quale è mejo pèrde la memoria. [8]

Manco pe’ ‘r cazzo! Fu ‘n pezzo de storia,
e de storia de classe, è naturale,
‘ndove er ricco a paràsse er capitale
finanziò er Fascio pe’ cantà vittoria.

S’erimio tutti quanti poveracci
chi je lo dava er grano a Mussolini
pe’ le squadre de Barbo e Farinacci?

‘Nvece Agnelli je diede li quatrini,
cusì a noi ce pistorno come stracci
e su Roma marciorno li burini.

8 - L’errore

Quant’a noi, ce fregò perché quell’era
era ‘n’era confusa e baccajona,
cor socialismo fatto a la strappona
e er communismo che nimmanco c’era.

Li proletari, gente assai sincera,
penzànno che la Russia solo è bona,
pijaveno de petto ‘gni perzona
e sputaveno puro alla bandiera.

Che ce vòi fà? Era come ‘n’idolàtria
a cantà solo «L’internazzionale»
e a nun capì mai un cazzo de la patria.

‘Nvece ‘sta patria c’è, nun c’è quistione,
e fu ‘no sbajo propio madonnàle
a rigalàlla tutta a quer Puzzone.

9 - La sconfitta

C’è da capì, li tempi ereno scuri,
co’ ‘n doppoguera peggio de la guera,
co’ li braccianti ‘gnudi e senza tera,
l’agrari cor fuscile a fà li duri.

Noi erimio gneonati, pochi e puri,
sempre a lottà e morì alla berzajera,
co’ scritto in fronte come ‘na chimera:
«Semo pochi ma boni e gnente impuri».

Co’ ‘sti sistemi da sabbatossera
era distino che buttasse male,
restamio soli a cantà «‘spetta e spera».

Non solo ce fregorno la bandiera
ma toccò fà er saluto nazzionale
all’antre due, la tricolore e nera.

10 - Il fascismo al governo

Basta. Doppo che cià l’investitura
er Puzzone se chiama li partiti e fa:
«Pe’ voi già ciò la dittatura
si nun ve dimostrate assai pentiti».

Quell’antri mezzi morti de paura
d’avecce l’ossa rotte da l’arditi,
penzando fra de sé: «Tanto nun dura»,
je fecero de sì, ‘sti rimbambiti.

Anzi ce fu puro un democristiano,
cor primatur der papa a sarvatacco,
che j’entrò ner governo a dà ‘na mano.

Sortanto la sinistra in quer palazzo
‘ndoveché lui voleva fà er bivacco
je fece, dice: «Ma nun róppe er cazzo!».

11 - Le divisioni della sinistra

Ma mò era tardi a rimedià quer guaio,
stava ar rifrusso la rivoluzzione,
e pe’ tigna settaria e divisione
la sinistra già ‘nnava a lo sbarajo.

Bordiga pe’ ‘no Stato più operaio,
Turati pe’ ‘na lenta ‘voluzzione
litigaveno, e quello cor bastone
menava a tutt’e due, de punta e tajo.

Fu ‘na prova der nove e me ce rode
che ‘nvece d’èsse uniti p’annà avanti
fra li du’ litiganti er terzo gode.

E nun servì alla fine d’èsse tanti:
spaccati l’abbuscassimo più sode
e annassimo pe’ ciche tutti quanti.

12 - Le connivenze liberali

Ma j’annò storta puro ar libberale
che pe’ scampà dalla rivoluzzione
s’aggregò ar Puzza drento ner listone [9]
purché lui je sarvasse er capitale.

Lui je lo sarva e poi, papal papale,
fa: «Bravi, mò però, care perzone,
commanno io e chi fa l’opposizzione
je faccio un mazzo com’un orinale».

E quelli che je s’erano accodati
finché lui je menava i socialisti
li buttò alla monnezza sputtanati.

Je stette bene a tutti ‘st’avvocati
che doppo dato er culo a li fascisti
se trovorno contenti e cojonati.

13 - Papato e regime

‘Nquant’ar papa, un papaccio de Milano,
in primis p’ingrazziasse lo squadrista
a Sturzo, ch’era un prete antifascista,
lo mise a cuccia e lo spedì lontano.

Doppo convoca er Puzza e a quer ruffiano
je fa: «Non è eccellenza che c’inzista,
ma si je serve Dio lo fo fascista
purché lei me finanzi er Vaticano».

Er Puzza penza: «È fatta». E co’ osseguenza
je fa de sì e quer papa fu capace
de dì: «Ecco l’omo de la provvidenza».

Così tra Stato e Chiesa ce fu pace
ma da quer giorno puro a su’ ‘minenza
je toccò de dì messa co’ l’orbace.

14 - I frutti del caos

Ciebbe conzenzi? Pochi, e fu dovuto
che lui sfruttò li sbaji der passato
e ingannò er cetro medio abbituato
a annà cor vento, quest’è risaputo.

Poi c’era er caos. E lui, baron fottuto,
proprio de quello s’è più approfittato,
je dà ‘na sistemata e fa ‘no Stato
ch’ar popolino je dà qualche ajuto.

Così, cor treno a orario e la stazzione,
‘npo’ più d’ordine e meno contrattempi
fece scordà siqquanto era puzzone.

Questo vòr dì ch’er popolo è cojone?
No: ma ch’er caos pò fà rompe li tempi
e che doppo er tronà viè lo sgrullone.

15 - L’opposizione proletaria

Però quannoché lui pijò er timone
e dar governo scatenò er terore
er popolo capì, se magnò er core,
e je se mise a fà Popposizzione.

Popolo, sì, e no vórgo pecorone
che marcia sempre ‘ndove vò er pastore.
Quello ce fu ma più che un sdisonore
fu ‘n quipproquoque, ‘na contraddizzione.

Ma l’antri no. Benché morto de fame,
ce fu er fior fiore der proletariato
sotto sotto a resìste a quell’infame.

Questo spiega perché a quer criminale,
margrado un conzenzaccio arimediato,
je serviva er tortóre e er tribbunale.

16 - L’OVRA e il tribunale speciale

‘Nfatti pe’ garantisse in sempiterno
pia er codice e lo fa tutto penale,
pe’ cui ‘gni cittadino è un criminale
basta che parla male der governo.

Poi pe’ stà più guardato ne l’interno
pia un tribbunale e te lo fa speciale
‘ndove er giudice in toga è un generale
più peggio de Caronte ne l’Inferno.

Poi pe’ spià fa l’Ovra, ‘na congrega
che fa’ che sparli a béve all’osteria
lei soffia e viè er carubba che te lega.

Bastava, a bon bisogno, che ‘na spia
te sentiva a dì: «Er duce? E chemmefrega»
‘nnavi ar confino de Pantelleria.

17 - L’olio di ricino

Poi pe’ fà stà la gente assoggettata
ne’ ‘gni paese c’era ‘no squadrista
che a chi ‘gn’annava a salutà fascista
nottetempo je dava ‘n’incarcata.

A dieci contro uno e all’imboscata,
si t’aveva segnato su la lista,
er Fascio te faceva carne pista
o cor tortóre o co’ ‘na cortellata.

Ma ‘r servizzio più ‘nfame era quell’ojo
che quann’uno pe’ forza lo beveva
te l’umijava drento ne l’orgojo.

Lo diedero a mi’ nonno. E ‘sto poraccio
mentre un lago de mmerda lo sciojeva
piagneva com’un pupo, era ‘no straccio.

18 - La repressione di massa

Si poi eri inzovverzivo e cospiravi
pe’ fà er soccorso rosso der partito,
sàrvete fio, a cascacce eri fenito,
pòi stà sicuro nun te la cavavi.

Pe’ quanto ch’eri tosto e che negavi
e facevi lo gnori e l’impunito,
te daveno trentanni, garantito,
margrado l’avvocati li più bravi.

E, dice, in quer frangente, er peggio male
era che stavi solo a fà le spese,
nun facevi parlà manco un giornale.

Sparivi ner silenzio generale,
no come mò che si te danno un mese
lo deve dì puro er teleggiornale.

19 - Matteotti

C’era er terore. E quanno Matteotti
j’annò sotto de brutto co’ l’accuso,
er Puzza biastimò, storcette er muso
e zagajò: «Mò questo me l’à rotti!».

Poi chiama tre squadristi galeotti,
je dice come perpetrà l’abbuso,
quelli vanno e la sera fu concruso
er fatto loffio, senza strilli e botti.

Lo ritrovorno poi alla Quartarella [10]
massacrato de córpi de pugnale,
a faccia a tera, giù, drento la zella.

Lui quanno stava già ferito male
j’uscì ‘na frase celebre ch’è quella:
«M’ammazzerete a me, no l’ideale».

20 - Gramsci

Gramsci era un gobbo ma però gigante.
‘N antro genio così chi se lo sogna?
E er duce, pe’ smorzàllo, ‘sta carogna,
je dà er ‘gastolo peggio ch’un brigante.

Je ne fece passà de tutte e tante
drento a ‘na cella peggio de ‘na fogna,
j’impiombava deppiù sempre la gogna
fino a ridùllo un schertro diambulante.

Ma prima de morìcce ne ‘st’inferni
stette sempre a penzà, sera e matina,
puro de notte a scrìve li quaderni.

La profezzia più sua ‘nze pò scordàlla:
«Stronzi, co’ voi l’Italia andrà in rovina
e a noi ce toccherà poi de sarvàlla».

21 - Il tradimento dei chierici

Doppodeché co’ l’ojo e la galera
liquidò li nimichi più giurati,
l’antri avverzari ‘npo’ più spampanati
li coruppe e je fece fà cariera.

Fu ‘n obbrobbio er véde ‘na tiritera
d’ecchise oppositori patentati
dì: «Mbè, vor dì che s’erimio sbajati»
e annà cor fezze e la camiscia nera.

E si pòi perdonà che l’impiegati
pe’ ‘r pane annorno a fà l’arzabandiera
vestiti da ammiraji e da sordati, [11]

nun ze spiega, fu propio ‘na schifezza,
sentì tanti povèti laureati
a cantà: «Giovinezza, giovinezza».

22 - L’abbaglio

E poi certe mignotte, ‘tàcci loro,
je se misero tutte a fà la rota,
strillànno: «Che fustaccio, che pilota»,
perdenno puro l’urtimo decoro.

‘Nzomma all’intorno je se fece un coro
de ruffiani, magnaccia, gente sciota,
laichi, preti, burini, gente nota,
morti de fame in cerca de lavoro.

Ereno troppi. E quando all’adunate
a mijara se daveno a ‘st’inganno
te sentivi l’idee più disperate.

Mi’ patre, avanti a tutto quer malanno,
s’ingrugnava, sbiancava e borbottava:
«‘Mmazzeli quante merde che ce stanno».

23 - I colpevoli del consenso

Ereno merde o no? Questo è er problema.
Er più era genterella sempriciona
educata da piccola a èsse bona,
a penzà senza tanto tevorema.

Che mò vòi dà a la massa l’anatema?
Quello je tocca ar papa e a la corona,
propenzi a ‘na cultura stramiciona
pe’ cui la gente allora era più scema.

Er popolo che c’entra? Sdottrinato
a créde ch’er re è sagro, er papa è dio,
nun à da créde a un «duce consagrato»?

L’anatema va a chi s’è cortivato
er popolo da pollo, cor «pio pio»,
pe’ fallo ar dunque còtto e cucinato.

24 - L’era fascista

Basta. Er Puzzone, doppo avé schiaffato
l’opposizzione drento ‘na galera,
fa ar re: «Qui, maestà, ce vò ‘n’antra era,
ciovè ‘n’era fascista pe’ lo Stato».

L’antro, purché nun sii mai lui toccato,
conzente a métte er fascio a la bandiera,
ch’er sabbato se va in camicia nera
e ch’a casa ciài un capofabbricato.

Poi er Puzza che te fa? Er Dopolavoro,
er Luce, Tespi, er treno popolare, [12]
e sventra Roma pe’ dà l’aria ar Foro.

Poi cor métte più tasse fa Littoria,
che si pe’ li buzzurri fu ‘n affare
pe’ li burini fu pane e cicoria. [13]

25 - La premilitare

Poi er Puzza, già co’ Hitler pe’ compare,
descide che l’Italia è assai gueriera,
ch’è ‘na razza de prodi, forte e fiera,
e inventa puro la premilitare.

Ciovè ‘gni giovenotto co’ ‘st’affare
era un milite, ossia er sabbatossera
‘nnava in caserma pe’ giocà a la guera
e a cantà in coro er Carmo Secolare. [14]

Lui se credeva co’ ‘sta gran fregnaccia
che l’italiano, poco imbellicista,
l’addestrava a guardà la morte in faccia.

Sta’ fresco! Se n’accorze, ‘sto giggione,
che l’italiano, nato pacifista,
si ‘na guera ‘gne piace pia er fugone.

26 - Le sanzioni

Daje e daje a giocà a fà lo sbrasone,
l’economia j’annò culo pe’ tera
e lui se la pijò co’ l’Inghirtera
p’i cinque pasti e la perfidarbione. [15]

Dice ch’appetto d’ogni antra nazzione
l’Italia nun potrà mai fà cariera,
perché è povera, senza ‘na mignera,
e chi nun cià l’Impero è ‘n accattone.

Dice: si nun me date ‘na colonia
vòr dì, co’ le cattive o co’ le bone,
io me la pijo e fo ‘na Babbilonia.

Ar sentillo zazzà co’ ‘sta manfrina
Ciurcill s’incazza, j’arma la sanzione
e l’Italia fu messa a columbrina.

27 - I gerarchi

Cominciorno così li tempi scuri,
‘ndove l’Italia, presa ne la stretta,
se rivelò ‘no straccio d’Italietta,
margrado li gerarchi e li tammuri.

‘Nvece de dàsse pace e stà sicuri
‘sti bulli, pett’in fori e fava eretta,
coreveno a pedagna e in bicicretta
pe’ fàsse véde tosti, usteri e puri.

‘Nvece ereno eroi da baraccone
come tanti piroli de bijardo
che come soffi vanno a pecorone.

Ereno puro ladri: er più gajardo
fu Ciano, ch’era genero ar Puzzone,
e che, a quer tempo, s’arubbò un mijardo.

28 - La guerra in Africa Orientale

Quanno la lira j’annò a quota zero,
pe’ riparà la disoccupazzione
‘nvece de fà la cassa integrazzione
‘sto sgorgio[16]1 che te fa? Te fa l’Impero.

Fu ‘n Impero straccione, quest’è vero,
ma er popolo affamato più accattone
ciannò come pe’ fà l’emigrazzione
e no perché era un popolo gueriero.

Ma a li negri ‘gne piacque ‘sto concetto,
e come ciaffacciassimo ar confino
co’ le frecce ce presero de petto.

Scajassimo de brutto pe’ ‘n annetto,
poi er Puzza tirò er gasse, ‘st’assassino,
e strinze er Negus drento ar vicoletto.

29 - L’Impero

L’Impero c’era, però er verbo magna
s’era aggravato co’ ‘sta gran follia
e er Puzza, co’ l’apprausi in sagristia,
rimobbilita e fa la guera in Spagna.

E poi doppo ‘st’obbrobbrio de campagna
ciariciccia e ar re Zogghe d’Arbania
je zompa addosso e poi lo caccia via
pe’ fà re Sciabboletta. È ‘na cuccagna.

Da quer giorno, ci’avessimo l’onore
d’avecce come capo de lo Stato
un re du’ vòrte e puro imperatore.

Ma Sciabboletta je cambiò er favore,
lo fece maresciallo e fu ordinato
ch’er Puzza se chiamava er Fondatore.

30 - La seconda guerra mondiale

Poi Hitler fa la guera, ‘sta gran jena,
e er Puzza lì pe’ lì restò neutrale;
ma poi casca la Francia, e ‘st’animale
je dà ‘na cortellata ne la schiena.

Poi vò spezzà la Grecia. Fu ‘na pena.
Quella ‘nze spezza e ce se messe male,
pijàssimo ‘na biada [17] incolossale
finché nun ‘rivò er crucco a cammià scena.

‘Nzomma fu chiaro come er paternostro
a vedecce smagrà a quella magnera
che la guera nun è mestiere nostro.

‘Nvece ‘sto sgrancio, già cor culo a tera,
c’intigna, strilla: «Vojo er marenostro»,
e va a sfidà la Russia e l’Inghirtera.

31 - Otto milioni di baionette

E mò pò èsse solo un rimbambito
a dì che vò rivalutà er Puzzone.
Ma quello fu ‘na pippa, ‘n imbrojone,
e pe’ quello fenì com’è fenito.

Te basterebbe che se fece ardito
de fà la guera a Ciurcille e Baffone
senz’avecce li tanki e l’aviazzione.
Che ciavéa? Li gerarchi der partito?

Bboni quelli! Ma pe’ giocà a tresette!
Avecceli a nimichi era ‘no sguazzo,
puro er Negus stava a fàlli a fette.

Lui poi bluffò, lo viddero e perdette;
e così je toccò stoppasse ar cazzo
l’otto mijoni sui de bajonette.

32 - La guerra perduta

Mamma che sveje! Neve o solleóne,
li nostri, in Russia o ar Continente nero,
s’ereno fanti annorno ar cimitero,
si generali a casa, cor fugone.

Ne pijassimo tante sur groppone
e annassimo tarmente sottozzero
tra bombe, caristia, mercatonero,
ch’erimio un mortimpiede appecorone.

Quannoché Ikke [18] poi sbarcò in Sicija
Sciabboletta, sbiancato de paura,
fa: «Cazzo, qui me gioco la famija».

Poi chiama Grandi e quello je conzija:
«Maestà, qui ce vò ‘na gran congiura
pe’ levà er Puzza senza parapija».

33 - La notte del Gran Consiglio

Detto e fatto. ‘Na sera, a mezzanotte,
quanno er Puzza riduna er Gran Conzijo,
Grandi s’arza e fa: «Duce, semo ar cijo,
o te levi de mezzo o qui sò bòtte».

Intramezzo a ‘ste facce galeotte
er Puzza smiccia Ciano e co’ ‘n bisbijo
je fa: «Tuquoque puro, me sei un fijo».
Ma l’antro: «A no’ 1, stavorta ce l’ài rotte»

Votorno. Er Puzza casca in minoranza,
s’incazza ma poi leva la seduta
e sorte in fretteffuria dalla stanza.

Poi va dar re, speranno la speranza
che quello, che j’è comprice, l’aiuta
a fregà Grandi e l’antri sottopanza.

34 - Il 25 luglio

Quanno er Puzzone j’arivò a palazzo,
fa er re: «Duce, m’ài rotto li cojoni».
E lui: «Sagra maestà, lei mi perdoni».
E Sciabboletta: «Nun perdóno un cazzo».

E intigna: «Qui sta annà tutto a rampazzo,
manco l’arpini vònno stà più boni,
sfottono puro a me co’ le canzoni [19]
pe’ cui ò desciso, do a Badojo er mazzo».

Er duce sbianca e senza più cipijo
tartaja: «Ma pe’ me nun c’è speranza?».
E l’antro: «Vàllo a dì ar tu’ Gran Gonzijo».

Poi l’accongeda. E lì, mentre un famijo
j’opre la porta, ariva l’ambulanza
e se lo suca su come un conijo.

35 - I 45 giorni

Durante li quarantacinque giorni [20]
ar Puzza, in un arbergo pe’ confino,
je telefona Hitler da Berlino
e je fa: «Sta tranquillo ch’aritorni».

Po’, a nun poté pia er toro pe’ li corni,
perché Badojo gioca a rimpiattino,
Hitler scoggita un piano soprafino;
piazza li crucchi a tutti li dintorni.

Sicché all’istante stesso all’armistizio,
zac, de sanbrutto [21], giù a tutta callara
l’essèsse occupa tutto a precipizzio.

L’esercituccio nostro, un San Cilizzio,
ner dubbio si se spara o nun se spara,
se sbraga e venne er giorno der giudizzio.

36 - La fuga di Pescara

Er re Sordato (ch’omo de corata!)
s’era squajato già a prima matina
co’ Badojo, co’ Umberto, la reggina,
lassànno Roma sola abbandonata.

Fori Porta San Paolo ‘na brigata
ciebbe trecento morti, ‘na rovina,
e co’ loro la gente cittadina
sparò dall’arba fino alla nottata.

Poi fenì tutto. E cominciò er terore.
Ma cominciò puro la Resistenza
pe’ sarvà ‘npo’ la pelle ‘npo’ l’onore.

Poi Hitler mannò a Campo Imperatore
l’essèsse a prelevà co’ tutta urgenza
er Puzza già ridotto un cacatore.

37 - La Repubblica Sociale

Come ch’er Puzza venne libberato
ciariòca e, benché vecchio balucano, [22]
rifà er fascio e lo fa ripubbricano,
ciovè si nun è zuppa è pan bagnato.

Co’ ‘st’accrocco balordo e rimediato
s’alloga su ner norde cispatano,
fa er traditore com’un Coriolano,
e contro Roma vò fà ‘n antro Stato.

Ciovè fa ‘na Ripubbrica sociale,
ma er popolo ‘nce casca, resta assente
da quer giogo servaggio e criminale.

Lui, vecchio, se ‘ncarogna e gioca duro;
basti a penzà, benché j’era parente,
pijò Ciano e lo fece sbàtte ar muro.

38 - Il 25 aprile

Durò du’ anni er regno der terore,
un camaro de morti senz’uguale.
Però mentreché a lui j’annava male
stavòrta er vento a noi ce fu a favore.

Sicché, quannoché già contava l’ora
pe’ via della rivorta generale,
er Puzza pija, va dar cardinale 1
p’arèndese a l’inglesi co’ l’onore.

Trattò puro co’ noi. Ma Longo, duro
je disse de piantàlla ch’era l’ora
e lui smammò de notte a cielo scuro.

Ma quanno stava già guasi ar sicuro,
guasi in Svizzera su ‘na scorciatora,
‘ntoppò li partiggiani e finì ar muro.

39 - Dongo

Come er Puzza smicciò li partiggiani
a scoprillo vestito da tedesco,
sortì dar càmio e disse, fresco fresco:
«Pace e bene, semo tutti italiani».

Uno je fece: «E tira su le mani».
Lui abbozza e poi co’ nunzocché furbesco
je fa: «Si me sarvate io ce riesco
da fàvve a tutti ricchi pe’ domani».

E se riccomannava, ‘sto gran boja,
dicenno ch’era sempre socialista
e ch’era tutta córpa dei Savoja.

Ma venne er capo e disse: «Sì, ciài voja!
Tu se’ segnato, er primo de la lista».
Je sparò ‘n petto e ce levò ‘sta noja.

40 - Piazzale Loreto

Li gerarchi che funno fuscilati
l’attaccorno a ‘na pompa de benzina,
sicché li milanesi a la matina
pe’ li piedi li viddero appiccati.

C’era er Puzza e li mejo potentati
che commannorno la ripubbrichina
e restò esposta, ‘sta genìa assassina,
‘ndove tanti n’aveva truscidati.

Mò, dice, fu ‘no sfreggio e certa gente
vò ch’a Loreto avemo esaggerato,
e c’è puro qualcuno che se pente.

Io no. Pe’ chi la fa da prepotente
la Bibbia già l’aveva degretato:
la legge è “occhio a occhio dente a dente”.

41 - Vigilanza

Così finì er Puzzone. Ma la storia
ce ‘nzegna che ce tocca restà attenti,
perché si è vero che nun stàmo ar venti
solo un cojone se pò dà all’ufòria.

‘Nfatti er fascismo è come la cicoria,
pò crésce dappertutto e nun la senti;
quindi è sbajato fà li corcontenti,
scordà er passato e pèrde la memoria.

Ar contrario! Ce vò più viggilanza
e operà, co’ le bone e le cattive,
perché lui resti sempre in minoranza.

Così si lui, dioguardi, passa er fosso
sò cazzi sua, ce trova sur chi vive
e allora, core mio, taja ch’è rosso!
[1] Il Covo, così era denominata la sede del primo Fascio di combattimento («il Fascio primogenito») in via Paolo da Cannobio, in Milano.

[2] Generone, medio ceto mercantile, ricco.

[3] Sciabboletta, nomignolo affibbiato dai romani a Vittorio Emanuele III.

[4] A cavacecio sta per sulle spalle.

[5] Vittorio Emanuele III conferì a Mussolini il Collare dell’Annunziata, il cui possesso elevava al rango di «cugino» del re.

[6] La bomba, il cappello duro.

[7] Ladiclavi sta per laticlavio, simbolo senatoriale.

[8] Benedetto Croce ebbe a dichiarare la inutilità di una storia del fascismo, ch’egli defini una parentesi.

[9] Listone, la lista per le elezioni del 1924 nella quale, insieme ai fascisti, si presentarono molti, e noti, candidati del mondo democratico-liberale

[10] Località vicino a Roma dove fu ritrovato Matteotti

[11] Il regime fascista ideò per gli impiegati statali delle divise di tipo militare, con i gradi

[12] Dopolavoro, Film Luce, Carro di Trespi, treni popolari: iniziative di tempo libero e propagandistiche del regime fascista.

[13] È noto l’antagonismo fra gli assegnatari settentrionali («buzzurri») delle terre di bonifica e le popolazioni locali dell’Agro Romano e dei Monti Lepini («burini»).

[14] I fascisti adottarono come proprio l’inno di Orazio.

[15] La propaganda fascista definiva l’Inghilterra (la perfida Albione) «il popolo dai cinque pasti».

[16] Sgorgio sta per sgorbio.

[17] Biada sta per sconfitta.

[18] Ikke sta per Ike (Eisenhower).

[19] Nella “Storia di un anno”, lo stesso Mussolini dirà che, a inizio del colloquio, il re gli disse in tono agitato: «Così non si va più avanti. L’Italia è in tocchi. L’esercito è moralmente a terra. I soldati non vogliono più battersi. Gli alpini cantano una canzone nella quale dicono che non vogliono più fare la guerra per conto di Mussolini».

[20] Dal 25 luglio all’8 settembre 1943.

[21] Sanbrutto sta per ex abrupto (Belli, 1547)

[22] Balucano, semicieco, che va a tentoni.

inviata da L.E. - 25/4/2020 - 12:01




Lingua: Italiano

Traduzione italiana di L.E.
IL PUZZONE. LA STORIA DEL FASCISMO

1 - Il figlio del fabbro

Lui era il figlio di un fabbro di Romagna,
un brav’uomo, giacobino socialista,
che, a saperlo, che il figlio era fascista
te lo allessava [= avrebbe allessatto] come una castagna.

Infatti quando lui, per la voce del verbo mangiare [= rubare],
svoltò [= cambiò] bandiera e si cambiò di lista
gli toccò andarsi a mettere fuori vista
per non finire a fare il morto di campagna.

Lasciò il paese e dove andò? A Milano,
dove fra tanti sciocchi lui fu [= sembrò] un genio
e si fece portare in palmo di mano.

Trovò soldi a carretti, questo ruffiano,
per aprire [= fondare] il Covo del Fascio primogenito,
perché mica è nato a Roma: è cispadano.

2 - Il covo

Chiuso dentro questo Covo lui rimuginava
su come riuscire a far fuori il comunismo
e fu per questo che inventò il fascismo
per farci tornare al tempo della clava.

Infatti mentre l’Italia si logorava
con il parlamento andato al cretinismo,
mentre noi pensavamo al socialismo
lui non pensava un cazzo ma menava.

E in quell’Italia vecchia, stracca [= stanca], asfittica,
con la Camera dei Deputati diventata un carosello,
lui del menare ne fece una linea politica.

Mena e mena [= a furia di menare], convince il ceto medio
che al dilemma tra legge e manganello
la borghesia ha da [= deve] scegliere San Bastone.

3 - Lo squadrismo di stato

Però questo gran menare che lui faceva
era, a colpo sicuro, un pigliare il terno [al lotto],
perché lui si copriva con il governo
che alle brutte lo aiutava e proteggeva.

Infatti se uno squadrista si muoveva
per bruciare un sindacato e sollevare un inferno
dietro c’era una spia del Ministero dell’Interno
che invece di arrestarlo lo assolveva [= lasciava libero].

Lo Stato, insomma, mica fu imparziale
a dire «chi rompe paga», «c’è la legge»,
come riporta il codice penale.

Questo Stato, come palo al fuorilegge,
confermò Marx, che scrisse nel Capitale:
«Le libertà borghesi sono scorregge [= aria maleodorante]».

4 - Il tradimento del re

Infatti mentre il Puzzone già insorgeva,
il re, che dello Stato ha da [= deve] essere il perno,
facendo finta di mantenersi esterno [= neutrale]
gli faceva il basista, gli faceva.

Lo Sciaboletta insulso ci friggeva [i.e. dal desiderio]
a volere un boia a capo del governo,
magari pro tempore e non indefinitamente,
per calpestare il popolino che spingeva.

Insomma quel re di coppe in quella prova
per non volerla dare vinta alla massa
si buttò al Fascio da combattimento.

Così questo re Soldato, gran cornuto,
non solo cacò in testa al parlamento
ma si rimangiò pure lo Statuto Albertino.

5 - Il 28 ottobre 1922

Quando il ventotto ottobre del ventidue [= 1922],
sulle spalle dei questurini,
gli si presenta a casa Mussolini
per pigliare il potere dalle mani sue,

invece di dirgli: «Ma le corna tue!»
il re gli aggiusta al culo i cuscini,
lo abbraccia e gli fa: «Siamo cugini!».
A questo sacco fradicio di lue [= sifilide].

Hai capito che coppia! C’è un sovrano
che pur di riuscire a salvare la cassa
si imparentela con un repubblicano.

L’altro, un ex-anarcoide prudoniano
che si converte e per far più manbassa
va a leccare il culo al re, questo gran ruffiano.

6 - La rivoluzione fascista

Fu una rivoluzione? Non sia mai detto!
Quella la fece Lenin con Baffone [= Stalin]
che spararono al Palazzo con il cannone,
poi andarono su a pigliare lo zar per il petto.

Ma il Puzza per andare a Roma pigliò il vagone letto,
con il prefetto ad aspettarlo alla stazione,
e salì al Quirinale in processione,
con le ghette [≈ stivali], la bombetta, il doppiopetto.

Lui rivoluzionario? Sì, con le pezze!
A questo grassone gli diedero le chiavi
per fare entrare a Roma lui e la sua immondizia.

Insomma per lui la marcia fu uno sguazzo [= gioco in acqua],
con preti, generali e senatori con il laticlavio
a fargli strada, a questo Danton del cazzo.

7 - Il fascismo dei ricchi

[Qualcuno] Dice: fu un barbaglio [= abbaglio], fu un’euforia,
tutta una tra-parentesi, un carnevale [= una farsa],
una specie di peccato originale
del quale è meglio perdere la memoria.

Neanche per il cazzo! Fu un pezzo di storia,
e di storia di classe, è naturale,
dove il ricco per pararsi [= proteggersi] il capitale
finanziò il Fascio per cantare vittoria.

Se eravamo tutti quanti poveri
chi glielo dava il grano [o la grana] a Mussolini
per le squadre di Balbo e Farinacci?

Invece Agnelli gli diede i quattrini,
così a noi ci pestarono come stracci
e su Roma marciarono i burini.

8 - L’errore

In quanto a noi, ci fregò perché quell’era
era un’era confusa e chiassosa,
con il socialismo fatto alla facilona
e il comunismo che neanche c’era.

I proletari, gente assai sincera,
pensando che la Russia solo è buona,
pigliavano di petto ogni persona
e sputavano pure alla bandiera [tricolore].

Che ci vuoi fare? Era come un’idolatria
a cantare solo «L’internazionale»
e a non capire mai un cazzo della patria.

Invece questa patria c’è, non c’è questione,
e fu uno sbaglio proprio madornale
regalarla tutta a quel Puzzone.

9 - La sconfitta

C’è da capire, i tempi erano oscuri,
con un dopoguerra peggio della guerra,
con i braccianti nudi e senza terra,
i possidenti agrari con il fucile a fare i duri.

Noi eravamo [come] neonati, pochi e puri,
sempre a lottare e morire alla bersagliera,
con scritto in fronte come una chimera:
«Siamo pochi ma buoni, e niente impuri».

Con questi sistemi da sabato sera [= improvvisati]
era destino che buttasse [= dovesse andare] male,
restammo soli a cantare «Aspetta e spera».

Non solo ci fregarono la bandiera [rossa]
ma toccò fare il saluto nazionale
alle altre due, quella tricolore e quella nera.

10 - Il fascismo al governo

Basta. Dopo che ha [= riceve] l’investitura [= incarico]
il Puzzone chiama i partiti a sé, e fa:
«Per voi già ho la dittatura
se non vi dimostrate assai pentiti».

Quegli altri mezzi morti di paura
di averci le ossa rotte dagli arditi,
pensando fra sé e sé: «Tanto non dura»,
gli fecero di sì, questi rimbambiti.

Anzi ci fu pure un democristiano,
con l’imprimatur del papa a [fare da] salvatacco,
che gli entrò nel governo a dare una mano.

Soltanto la sinistra in quel palazzo
dove lui voleva fare il bivacco [= accampamento notturno]
gli fece, dice: «Ma non rompere il cazzo!».

11 - Le divisioni della sinistra

Ma adesso era tardi per rimediare a quel guaio,
stava a reflusso la rivoluzione,
e per testardaggine settaria e divisione
la sinistra già andava allo sbaraglio.

Bordiga per uno Stato più operaio,
Turati per una lenta evoluzione
litigavano, e quello con il bastone
menava a tutt’e due, di punta e taglio.

Fu una prova del nove e mi ci rode
che invece di essere uniti per andare avanti
fra i due litiganti il terzo gode.

E non servì alla fine di essere in tanti:
spaccati, le buscammo [= le prendemmo] più sode
e andammo per ciche tutti quanti.

12 - Le connivenze liberali

Ma gli andò storta pure al liberale
che per scampare alla rivoluzione
si aggregò al Puzza dentro nel listone
purché lui gli salvasse il capitale.

Lui glielo salva e poi, papale papale,
fa: «Bravi, adesso però, care persone,
comando io e chi fa l’opposizione
gli faccio un mazzo come un orinale».

E quelli che gli si erano accodati
finché lui gli menava i socialisti
li buttò nell’immondizia sputtanati.

Gli stette bene a tutti questi avvocati
che dopo [aver] dato il culo ai fascisti
si trovarono contenti e coglionati.

13 - Papato e regime

In quanto al papa, un papaccio di Milano,
in primis per ingraziarsi lo squadrista,
a Sturzo, ch’era un prete antifascista,
lo mise a cuccia e lo spedì lontano.

Dopo convoca il Puzza e a quel ruffiano
gli fa: «Non è, eccellenza, che c’insista,
ma, se le serve, Dio lo faccio [diventare] fascista
purché lei mi finanzi il Vaticano».

Il Puzza pensa: «È fatta». E con ossequiosità
gli fa di sì e quel papa fu capace
di dire: «Ecco l’uomo della provvidenza».

Così tra Stato e Chiesa ci fu pace
ma da quel giorno pure a sua eminenza
gli toccò di dire messa con l’orbace.

14 - I frutti del caos

Ebbe consensi? Pochi, e furono dovuti al fatto
che lui sfruttò gli sbagli del passato
e ingannò il ceto medio abituato
a andare con il vento, questo è risaputo.

Poi c’era il caos. E lui, baron fottuto,
proprio di quello si è più approfittato:
gli dà una sistemata e fa uno Stato
che al popolino offra qualche aiuto.

Così, con il treno in orario e la stazione,
un po’ più d’ordine e meno contrattempi
fece scordare quanto era puzzone.

Questo vuol dire che il popolo è coglione?
No: ma che il caos può far rompere i tempi
e che dopo il tuonare viene lo sgrullone [= temporale].

15 - L’opposizione proletaria

Però quando lui pigliò il timone
e dal governo scatenò il terrore,
il popolo capì, si mangiò il cuore,
e gli si mise a fare opposizione.

Popolo, sì, e non volgo pecorone
che marcia sempre dove vuole il pastore.
Quello ci fu ma più che un disonore
fu un qui pro quo, una contraddizione.

Ma gli altri no. Benché morto di fame,
ci fu il fior fiore del proletariato
sotto sotto a resistere a quell’infame.

Questo spiega perché a quel criminale,
malgrado un consensaccio rimediato [alla bell’e buona],
gli serviva il carnefice/l’aguzzino e il tribunale.

16 - L’OVRA e il tribunale speciale

Infatti per garantirsi per sempre
piglia il codice e lo fa [diventare] tutto penale,
per cui ogni cittadino è un criminale
basta che parli male del governo.

Poi per stare più in guardia nell’interno
piglia un tribunale e lo fa [diventare] speciale
dove il giudice in toga è un generale
peggiore di Caronte nell’Inferno.

Poi per spiare fa l’Ovra, una congrega
che - immagina che sparli mentre stai a bere all’osteria -
lei soffia e viene il carabiniere che ti ammanetta.

Bastava, a buon bisogno, che una spia
ti sentisse dire: «Il duce? E che mi frega?»
e andavi al confino di Pantelleria.

17 - L’olio di ricino

Poi per fare stare la gente assoggettata
in ogni paese c’era uno squadrista
che a chi non ci andava, a fare il saluto fascista,
nottetempo gli dava una batosta.

In dieci contro uno, e all’imboscata,
se t’aveva segnato sulla lista,
il Fascio ti faceva carne pesta
o con il tortóre [= manganello] o con una coltellata.

Ma il servizio più infame era quell’olio
che quando uno per forza lo beveva
telo umiliava dentro nell’orgoglio [= dignità].

Lo diedero a mio nonno. E questo poveraccio
mentre un lago di merda lo scioglieva
piangeva come un pupo, era [ridotto] uno straccio.

18 - La repressione di massa

Se poi eri un sovversivo e cospiravi
per fare il soccorso rosso del partito,
sàlvati figlio, a cascarci eri finito [= se, allora],
puoi stare sicuro che non te la cavavi.

Per quanto eri [= potessi essere] tosto e negavi [= negassi]
e facevi [= facessi] lo gnorri e l’impunito [= sfrontato, insolente],
ti davano trent’anni [= di carcere], garantito,
malgrado gli avvocati più bravi.

E, [qualcuno] dice, in quel frangente, il peggior male
era che rimanevi solo a farne le spese,
non facevi parlare neanche un giornale.

Sparivi nel silenzio generale,
non come adesso che se ti danno un mese [= di carcere]
lo deve dire pure il telegiornale.

19 - Matteotti

C’era il terrore. E quando Matteotti
gli andò giù di brutto con l’accuso [= j’accuse],
il Puzza bestemmiò, storse il muso
e zagaiò [= balbettò]: «Adesso questo me l’ha rotti!».

Poi chiama tre squadristi galeotti [= da galera],
gli dice come perpetrare l’abuso,
quelli vanno e la sera fu concluso
il fatto indegno, senza strilli e botti.

Lo ritrovarono poi alla Quartarella
massacrato di colpi di pugnale,
a faccia a terra, giù, dentro la sporcizia.

Lui quando stava già ferito gravemente
gli uscì [detta] una frase celebre che è quella:
«Riuscirete ad ammazzare me, non l’ideale».

20 - Gramsci

Gramsci era un gobbo ma gigante.
Un altro genio così chi se lo sogna?
E il duce, per affievolirlo, questa carogna,
gli dà l’ergastolo peggio che a un brigante.

Gliene fece passare tante e di tutti i colori
dentro una cella peggiore di una fogna,
gli impiombava sempre di più la gogna
fino a ridurlo a uno scheletro deambulante.

Ma prima di morirci in questi inferni
stette sempre a pensare, sera e mattina,
pure di notte a scrivere I Quaderni.

La sua più importante profezia non si può scordarla:
«Stronzi! Con voi l’Italia andrà in rovina
e a noi ci toccherà poi di salvarla».

21 - Il tradimento dei chierici

Dopodiché con l’olio e la galera
liquidò i nemici più giurati,
gli altri avversari un po’ più spregiudicati
li corruppe e gli fece fare carriera.

Fu un obbrobrio il vedere una tiritera
di ex-oppositori patentati
dire: «Bè, vuol dire che c’eravamo sbagliati»
e andare con il fez e la camicia nera.

E se puoi perdonare che gli impiegati
per il pane andarono a fare l’alzabandiera
vestiti da ammiragli e da soldati,

non si spiega, fu proprio una schifezza,
sentire tanti poeti laureati
cantare: «Giovinezza, giovinezza».

22 - L’abbaglio

E poi certe mignotte, mortacci loro,
gli si misero tutte a fare la ruota,
strillando: «Che fustaccio, che pilota»,
perdendo pure l’ultimo decoro.

Insomma tutt’intorno gli si fece un coro
di ruffiani, magnaccia, gente sciocca,
laici, preti, burini, gente nota,
morti di fame in cerca di lavoro.

Erano troppi. E quando alle adunate
a migliaia si davano a quest’inganno
ti capitava di sentire le idee più disparate/disperate.

Mio padre, davanti a tutto quel malanno,
s’ingrugnava, sbiancava e borbottava:
«Ammàzzali! Quante merde che ci stanno!».

23 - I colpevoli del consenso

Erano merde o no? Questo è il problema.
Il più era genterella sempliciona
educata da piccola a stare buona,
a pensare senza tanto senso critico [= senza analisi/logica].

Che?, adesso vuoi dare alla massa l’anatema?
Quello gli tocca al papa e alla corona,
propensi a una cultura sciattona
per cui la gente allora era più scema.

Il popolo che c’entra? Indottrinato
a credere che il re è sacro, il papa è dio,
nun ha da [= deve] credere a un «duce consacrato»?

L’anatema va a chi si è coltivato [= allevato]
il popolo da pollo, con il «pio pio»,
per farlo al dunque còtto e cucinato.

24 - L’era fascista

Basta. Il Puzzone, dopo avere schiaffato [= gettato]
l’opposizione dentro una galera,
fa al re: «Qui, maestà, ci vuole una nuova era,
cioè un’era fascista per lo Stato».

L’altro, purché non sia mai lui toccato,
acconsente a mettere il fascio sulla bandiera,
che il sabato si va in camicia nera
e che a casa ci hai un capofabbricato.

Poi il Puzza che ti fa? Il Dopolavoro,
il Luce, Tespi, il treno popolare,
e sventra Roma per dare l’aria al Foro.

Poi con il mettere più [= aumentando le] tasse fa Littoria,
che se per i buzzurri fu un affare
per i burini fu pane e cicoria.

25 - La premilitare

Poi il Puzza, già con Hitler per compare [= alleato],
decide che l’Italia è assai guerriera,
che è una razza di prodi, forte e fiera,
e inventa pure la premilitare.

Cioè ogni giovanotto con quest’affare [= invenzione]
era un milite, ossia il sabato sera
andava in caserma per giocare alla guerra
e a cantare in coro il Carme Secolare.

Lui si illudeva con questa gran fregnaccia
che l’italiano, poco bellicista,
lo addestrava a guardare la morte in faccia.

Sta’ fresco! Se ne accorse, questo gigione [= presuntuoso],
che l’italiano, nato pacifista,
se una guerra non gli piace piglia il fugone [= la fuga].

26 - Le sanzioni

Dagli e dagli a giocare a fare lo sbruffone/spaccone,
l’economia gli andò con il culo per terra
e lui se la pigliò con l’Inghilterra
per i cinque pasti e la Perfida Albione.

Dice che rispetto ad’ogni altra nazione
l’Italia non potrà mai fare carriera [= progredire],
perché è povera, senza una miniera,
e chi non ha l’Impero è un accattone [= un poveraccio].

Dice: se non mi date una colonia
vuol dire, con le cattive o con le buone,
io me la piglio e faccio una Babilonia.

A sentirlo spacconeggiare con questa messinscena
Churchill s’incazza, gli arma la sanzione
e l’Italia fu messa in ginocchio.

27 - I gerarchi

Cominciarono così i tempi scuri,
dove l’Italia, presa alle strette,
si rivelò uno straccio d’Italietta,
malgrado i gerarchi e i tamburi.

Invece di darsi pace e stare sicuri
questi bulli, petto in fuori e pene eretto,
correvano a piedi e in bicicletta
per farsi vedere tosti, austeri e puri.

Invece erano eroi da baraccone
come tanti pirolini da biliardo
che, come soffi, vanno a pecorone [= volano via].

Erano pure ladri: il più gagliardo [= valoroso]
fu Ciano, che era genero al Puzzone,
e che, a quel tempo, rubò un miliardo.

28 - La guerra in Africa Orientale

Quando la lira andò a quota zero,
per riparare alla disoccupazione
invece di fare la cassa integrazione
questo sgorbio che ti fa? Ti fa l’Impero.

Fu un Impero straccione, quest’è vero,
ma il popolo affamato più accattone
ci andò come per fare l’emigrazione
e non perché era [= fosse] un popolo guerriero.

Ma ai neri non gli piacque questo concetto,
e appena ci affacciammo al confine
con le frecce ci presero di petto.

Scagliammo [= subìmmo] di brutto per un annetto,
poi il Puzza lanciò il gas, quest’assassino,
e strinse il Negus dentro il vicoletto.

29 - L’Impero

L’Impero c’era, però il verbo mangiare [= rubare]
si era aggravato con questa gran follia
e il Puzza, con gli applausi in sacristia,
rimobilita [l’esercito] e fa la guerra in Spagna.

E poi dopo quest’obbrobrio di campagna [militare]
ci riprova e al re Zog d’Albania
gli salta addosso e poi lo caccia via
per fare re Sciabboletta. È una cuccagna.

Da quel giorno, avemmo l’onore
di averci come capo dello Stato
un re due volte e pure imperatore.

Ma Sciaboletta gli ricambiò il favore,
lo fece maresciallo e fu ordinato
che il Puzza si chiamasse il Fondatore.

30 - La seconda guerra mondiale

Poi Hitler fa la guerra, questa grande iena,
e il Puzza lì per lì restò neutrale;
ma poi casca la Francia, e quest’animale
le dà una coltellata nella schiena.

Poi vuole spezzare la Grecia. Fu una pena.
Quella non si spezza e ci si mise male,
pigliammo [= subìmmo] una sconfitta colossale
finché non arrivò il crucco [= tedesco] a cambiare scena.

Insomma fu chiaro come il paternoster
a vederci smagrare a quella maniera
che la guerra non è mestiere nostro.

Invece questo sgrancio, già con il culo a terra,
ci insiste, strilla: «Voglio il marenostro»,
e va a sfidare la Russia e l’Inghilterra.

31 - Otto milioni di baionette

E adesso può essere solo un rimbambito
a dire che vuole rivalutare il Puzzone.
Ma quello fu una pippa, un imbroglione,
e per quello finì com’è finito.

Ti basterebbe che si fece ardito
di fare la guerra a Churchill e a Baffone [= Stalin]
senza avere i carrarmati e l’aviazione.
Che aveva? I gerarchi del partito?

Buoni quelli! Ma per giocare a tressette!
Averceli come nemici era uno sguazzo [= giocare in acqua],
pure il Negus stava a farli a fette.

Lui poi bluffò, lo videro [= vollero vedere] e perse;
e così gli toccò sfregarsi al cazzo
gli otto milioni suoi di baionette.

32 - La guerra perduta

Mamma che sveglie [= schiaffi]! Neve o solleóne,
i nostri, in Russia o al Continente nero,
se erano fanti andarono al cimitero,
se generali a casa, con il fugone [= fuga].

Ne pigliammo tante sul groppone
e andammo talmente sottozero
tra bombe, carestia, mercato nero,
che eravamo un morto sollevato sulle ginocchia.

Quando Ike [Eisenhower] poi sbarcò in Sicilia
Sciabboletta, sbiancato di paura,
fa: «Cazzo, qui mi gioco la famiglia».

Poi chiama Grandi e quello gli consiglia:
«Maestà, qui ci vuole una grande congiura
per toglier di mezzo il Puzza senza parapiglia [=trambusto]».

33 - La notte del Gran Consiglio

Detto, fatto. Una sera, a mezzanotte,
quando il Puzza raduna il Gran Consiglio,
Grandi si alza e fa: «Duce, siamo sul ciglio,
o ti togli di mezzo o qui sono bòtte».

In mezzo a queste facce galeotte
il Puzza scorge Ciano e con un bisbiglio
gli fa: «Tu quoque pure, mi sei un figlio».
Ma l’altro: «A nonno, stavolta ce l’hai rotte»

Votarono. Il Puzza va in minoranza,
s’incazza ma poi toglie la seduta
ed esce in fretta e furia dalla stanza.

Poi va dal re, sperando la speranza
che quello, che gli è complice, l’aiuti
a fregare Grandi e gli altri sottopancia [=tirapiedi].

34 - Il 25 luglio

Quando il Puzzone gli arrivò a palazzo,
fa il re: «Duce, m’hai rotto i coglioni».
E lui: «Sacra maestà, lei mi perdoni».
E Sciabboletta: «Non perdóno un cazzo».

E insiste: «Qui sta andando tutto a rampazzo [= all’aria],
neanche gli alpini vogliono stare più buoni,
sfottono pure me con le canzoni
per cui ho deciso, do a Badoglio l’incarico».

Il duce sbianca e senza più cipiglio [= espressione severa]
tartaglia [= balbetta]: «Ma per me non c’è speranza?».
E l’altro: «Vàllo a dire al tuo Gran Consiglio».

Poi lo congeda. E lì, mentre un famiglio [=domestico]
gli apre la porta, arriva l’ambulanza
e se lo tira su come un coniglio.

35 - I 45 giorni

Durante i quarantacinque giorni
al Puzza, in un albergo al confino,
gli telefona Hitler da Berlino
e gli fa: «Sta tranquillo che ritorni».

Poi, a non potere pigliare il toro per le corna,
perché Badoglio gioca a rimpiattino [= nascondino],
Hitler escogita un piano sopraffino;
posiziona i soldati tedeschi tutto intorno.

Cosicché nell’istante stesso dell’armistizio,
zac!, immediatamente, giù a tutta velocità
la SS occupa tutto a precipizio [= inarrestabilmente].

L’esercituccio nostro, un San Cilicio [=sottoequipaggiato],
nel dubbio se si spara o non si spara,
si sbraga [= cala le braghe] e venne il giorno del giudizio,

36 - La fuga di Pescara

Il re Soldato (che uomo coraggioso!)
se l’era squagliata [= era scappato] già di prima mattina
con Badoglio, con Umberto, la regina,
lasciando Roma sola abbandonata.

Fuori Porta San Paolo una brigata
ci ebbe trecento morti, una rovina,
e con loro la gente cittadina
sparò dall’alba fino alla nottata.

Poi finì tutto. E cominciò il terrore.
Ma cominciò pure la Resistenza
per salvare un po’ la pelle, un po’ l’onore.

Poi Hitler mandò a Campo Imperatore
la SS a prelevare con tutta urgenza
il Puzza già ridotto un cacatore [= cesso].

37 - La Repubblica Sociale

Come che [= appena] il Puzza venne liberato
ci riprova e, benché vecchio semicieco,
rifà il fascio e lo fa repubblicano,
cioè se non è zuppa è pan bagnato.

Con questo marchingegno balordo e rimediato
[disordinatamente] si posiziona su nel nord cispadano,
fa il traditore come un Coriolano,
e contro Roma vuole fare un altro Stato.

Cioè fa una Repubblica Sociale,
ma il popolo non ci casca, resta assente
da quel giogo selvaggio e criminale.

Lui, vecchio, si incarognisce e gioca duro;
basti pensare, benché gli era parente,
pigliò Ciano e lo fece sbattere al muro [= fucilare].

38 - Il 25 aprile

Durò due anni il regno del terrore,
un camaro [= fiume?] di morti senza eguale.
Però mentre a lui gli andava male
stavolta il vento a noi ci fu a favore.

Cosicché, quando già contava le ore
per via della rivolta generale,
il Puzza piglia, va dal cardinale [Schuster]
per arrendersi agli inglesi con onore.

Trattò pure con noi. Ma Longo, duro
gli disse di piantarla ché era l’ora
e lui scappò di notte a cielo scuro.

Ma quando stava già quasi al sicuro,
quasi in Svizzera su una scorciatoia,
intoppò [= incappò, si imbatté ne] i partigiani e finì al muro.

39 - Dongo

Come [= appena] il Puzza scórse i partigiani
a scoprirlo vestito da tedesco,
scese dal camion e disse, fresco fresco:
«Pace e bene, siamo tutti italiani».

Uno gli fece: «E tira su le mani».
Lui abbozza [= subisce] e poi con un non so che furbesco
gli fa: «Se mi salvate io ci riesco
di farvi tutti ricchi per domani».

E si raccomandava, questo gran boia,
dicendo che era sempre socialista
e che era tutta colpa dei Savoia.

Ma venne il capo e disse: «Sì, ci hai voglia [= ti piacerebbe]!
Tu sei segnato, il primo della lista».
Gli sparò in petto e ci tolse questa noia [= fastidio].

40 - Piazzale Loreto

I gerarchi che furono fucilati
li attaccarono a una pompa di benzina,
cosicché i milanesi la mattina
per i piedi li videro appesi.

C’era il Puzza e i migliori potentati
che comandarono la repubblichina
e restò esposta, questa genìa assassina,
lì dove tanti ne aveva trucidati.

Adesso, [qualcuno] dice, fu uno sfregio e certa gente
vuole [= dice] che a Loreto abbiamo esagerato,
e c’è pure qualcuno che si pente.

Io no. Per chi la fa da prepotente
la Bibbia già lo aveva decretato:
la legge è “occhio per occhio, dente per dente”.

41 - Vigilanza

Così finì il Puzzone. Ma la storia
ci insegna che ci tocca restare attenti,
perché se è vero che non stiamo al venti [= 1920]
solo un coglione si può dare all’euforia.

Infatti il fascismo è come la cicoria,
può crescere dappertutto e non la senti [non te ne accorgi];
quindi è sbagliato fare i cuorcontenti,
scordare il passato e perdere la memoria.

Al contrario! Ci vuole più vigilanza
e operare, con le buone e le cattive,
affinché lui resti sempre in minoranza.

Così se lui, dio guardi!, passa il fosso [= cerca di tornare]
sono cazzi suoi, ci trova sul chi vive
e allora, cuore mio, taglia che è rosso [= l’anguria è matura]!

25/4/2020 - 12:13




Lingua: Inglese

Traduzione inglese di L.E.
THE STINKER. THE HISTORY OF FASCISM

1 - The son of the smith

He was the son of a smith of Romagna,
a good man, jacobin, socialist,
who, had he known that his son was a fascist,
would have roasted him like a chestnut.

Indeed, when he, for the verb “to eat” [= “to steal”],
swapped banner and changed his electoral list
he needed to go far out of sight
to avoid ending up like a countryside corpse [poor, unlucky].

He left his village and where did he go? To Milan,
where, among so many fools he seemed a genius
and he was carried over the palms of their hands.

He found wagons of money, this ruffian [thug, scoundrel, villain],
to set up the Lair of the firstborn “bundle” [= Fascist group]
‘cause it was not made in Rome: it is Cispadane.

2 - The Lair

Hidden in this Lair he kept brooding over
how to get rid of communism
and that was why he came up with fascism
to get us back to the time of the club [= caveman].

Indeed, while Italy was being worn out
with the parliament gone to cretinism,
as we were thinking about socialism
he wasn’t thinking shit but whacked.

And in that Italy, old, tired, asphyxiating,
with the House of Deputies turned a carousel
of this whacking he made out a political line.

Whack and whack, he persuades the middle class
that, given the dilemma between law and truncheon,
the bourgeoisie has to choose Saint Baton.

3 - State squadrismo

However, this great whacking he made
was like winning the lottery sure shot,
because he was covered by the Government
which, when things turned awry, helped and protected him.

Indeed, if a squadrist took action
to set fire to a trade union and raise hell,
behind him there was a spy of the Ministry of the Interior
who, instead of arresting him, would let him go free.

The State, in short, was not impartial at all,
to say «who breaks pays», «there’s the law»,
like recorded in the criminal code.

This State, like a pole to the outlaw,
confirmed Marx who wrote in The Capital:
«Bourgeois freedoms are farts».

4 - The king’s betrayal

Indeed, while the Stinker already rioted,
the king, who has to be the pivot of the State,
while pretending to remaining neutral,
acted as an insider accomplice, he acted.

The vapid Little Saber was frying
in the hope to get an executioner as head of the Government,
perhaps temporarily, not indefinitely,
to trample on the common people which pressed upwards.

In short, that playing card king of cups in that ordeal,
unwilling to let the masses win,
he threw himself into the combat Fascio.

And so, this soldier king, great horned one,
not only shat in the head of the parliament
but also reneged on the Statute.

5 - 28 October 1922

When on the 28th of October 1922,
on the shoulders of police agents,
Mussolini shows up at his place
to receive the power from his very hands,

instead of replying: «The horns of yours!»
the king adjusts the cushions to his butt,
he hugs him and says: «We are cousins!».
This syphilis soaking sack!

You get what a pair? There’s a sovereign
who just to get to save the cash
gets related with a republican.

The other, an ex-proudhonian anarchoid
who gets converted and to rob at full hands
goes licking the king’s arse, this great ruffian.

6 - The fascist revolution

Was it a revolution? Never let it be said!
That Lenin and Moustache [= Stalin] did it
who shot against the Palace with the cannon,
then went up to get the tsar chest to chest.

But the Stinker, to reach Rome, he got the wagon-lit,
with the prefect waiting for him at the station,
and he went up to the Quirinal Palace in procession,
with his gaiters, bowler hat, double-breasted coat.

He a revolutioner? Yes, with the patches!
This flabby, they gave him the keys
to get himself in Rome, and his garbage scavengers.

In short, to him the march was a fresh water dabbling,
with priests, generals and laticlave adorned senators
to make way, to this fucking Danton.

7 - The rich people fascism

[Some] say: it was a dazzle, a euphoria,
all a within-brackets, a carnival,
a sort of original sin
of which it’s best to lose memory.

No fucking way! It was a piece of our history,
and of working class history, that’s for sure,
where the rich, in order to parry their capital,
financed Fascism to sing victory.

Given that we were all poor,
who gave Mussolini the grain [or the money]
for the squads of Balbo and Farinacci?

Conversely, Agnelli gave them the shekels,
so they pounded us like rags
and on Rome marched the burini [peasants].

8 - The mistake

As to us, we got shafted because that era
was a confused and rowdy era,
with the socialism done sluttishly
and the communism which did not even exist.

Proletarians, very sincere people,
convinced that only Russia is good,
confronted everyone chest to chest
and spat also on the national flag.

What can you do? It was like an idolatry,
singing only «The Internationale»
and never understanding shit of the Fatherland.

However, this Fatherland is there, no question,
and it was a truly glaring error
to give it whole to that Stinker.

9 - The defeat

It's to be understood, the times were obscure,
with an after-war worse than the war,
with the farmhands naked and with no land,
the agrarian owners playing hardball with the rifles.

We were like newborn babies, few and pure,
always fighting and dying hard and fast, unyieldingly,
written on our forehead like a chimera:
«We are few but good, and no impure».

With these Saturday night [= improvised] methods
it was destiny it would turn ugly,
we ended up isolated and singing «Wait and hope».

Not only they robbed us of the red flag
but we ended up having to perform the national greeting
of the other two, the tricolour and the black ones.

10 - Fascism in power

Enough. After he got the appointment
the Stinker calls the parties to himself and says:
«For you all I already have the dictatorship
if you do not show you are greatly repented».

Those others, half scared to death
to have their bones broken by the intrepid ones,
thinking to themselves: «He won’t last anyway»,
they answered yes, these dimwits.

Furthermore, there was a Christian democrat,
with the pope’s imprimatur to serve as heeltap,
who entered in the government to lend a hand.

Only the left in that palace
where he intended to make a bivouac
they told him, like: «Don't go breaking the dick!».

11 - The divisions within the left

But now it was too late to remedy that havoc,
the revolution was flowing backward,
and due to sectarian stubbornness and division
the left was already falling into a rout/debacle.

Bordiga for a more working-class State,
Turati for a slow reform/evolution
quarreled, and that one with his baton
Kept whacking both of them, tip and cut.

It was a casting-out-nines test, and it gnaws at me
that, instead of staying united to move forward,
while two dogs strive for a bone a third runs away with it.

And it didn’t help at the end to be so many:
split, we were beaten hard
and ended up dispersed all of us.

12 - The liberal connivances

But things also went wrong for the liberal
who, to escape the revolution,
got themself aggregated to the Stinker’s broad list
just so he saved their capital.

He saves it for them, and then, bluntly and harshly,
he says: «Well done, now though, dear people,
I’m in charge and those at the opposition
I will have their arse open wide like a urinal».

And those who had tagged him along
insofar he whacked the socialists for them
he threw them in the garbage, disparaged/discredited.

It served them right, all these lawyers
who after offering their arse to the fascists
found themselves satisfied and defiled.

13 - Papacy and regime

As for the pope, an ugly pope from Milan,
in primis, to ingratiate himself with the squadrist,
Sturzo, who was an antifascist priest,
he ordered him down like a pup and then sent him far away.

Afterwards, he summoned the Stinker and to that ruffian
he says: «Not that I, your excellency, would insist,
but if it may serve you, God, I make him fascist,
as long as you finance the Vatican for me».

The Stinker thinks: «It’s done». And with subservience
he says yes, and that pope was able
to say: «Here is the man sent by providence».

And so, between State and Church there was peace,
but since that day his eminence too
had to say mass with the Sardinian orbace wool.

14 - The consequences of chaos

Did he have consensus? Little, and that was due to the fact
that he exploited the mistakes of the past
And deceived the middle class, used
to go with the wind, this is known.

Furthermore, there was chaos. And he, fucking bastard,
specifically of that took more advantage:
he gives it a quick fix and makes a State
that offers the common people some minor aid.

And so, with the train in time and the train station,
just a bit more order and less mishaps
he made forget what a stinker he really was.

Does this mean the people are dumb-asses?
No: but that chaos can break the succession of time
and that, after thunders, falls down a shower of heavy rain.

15 - The proletarian opposition

But when he got hold of the helm
and from the government he unleashed terror,
the people realised, they despaired,
and set themselves to oppose him.

People, yes, and not sheepish crowd
that always marches wherever the shepherd leads them.
That was also there, but more than an ignominy
It was a mix-up, a misunderstanding, a contradiction.

But not the others. Although starving to death,
there was the blooming flower of the proletariat
underneath below, to resist that infamous.

This explains why that criminal,
despite an ugly consensus scraped up [as best as he could],
he needed the torturer and the tribunal.

16 - OVRA and the special tribunal

Indeed, to secure himself for ever
he takes the codes of law and makes them entirely “criminal”,
so that every citizen is a criminal
just suffice it that they speak ill of the government.

Then, to keep himself more guarded on the inside,
he takes a tribunal and makes it “special”,
where the judge in his toga is a general
worser than Charon in Hell.

Then, to spy, he establishes the OVRA, a coven
that - suppose you drivel on while you drink at the tavern -
they blow and here comes the carabiniere to handcuff you.

It sufficed, in essence, that a spy
heard you say: «The Duce? And what do I care?»
and you ended up to Pantelleria internment.

17 - Castor oil

Then to get the people submissive
in every village there was a squadrist
who those who weren’t keen to make the fascist salute
at night he would beat them up.

Ten against one, in an ambush,
if it had put your name on its list
the Fascio made you ground meat
either with the baton or with a knife stab.

But the most heinous service was that oil
which, when one was forced to drink it,
it humiliated him in his dignity.

They gave it to my grandfather. And this unfortunate,
while a lake of shit dissolved him,
wailed like a child, he was in tatters.

18 - Mass repression

On top of that if you were a subversive and conspired
to carry red aid to the party,
run for your life, son, failing determined your end,
you can be sure you would’t get away with that.

No matter how tough you were and denied
and you acted dumb and impudent,
they gave you thirty years, guaranteed,
despite the best lawyers.

And they say, at that juncture, the worst woe
was that you were alone to pay the price,
you wouldn’t even attract the attention of a newspaper.

You disappeared in the ordinary silence,
not like now, that if they give you a month
even the TV news must mention it.

19 – Matteotti

Terror was reigning. And when Matteotti
slogged hard and uglily with his accusations,
the Stinker cursed, he twisted his muzzle
and stuttered «Now this one has broken my balls!».

Then he calls three villainous squadrists,
tells them how to perpetrate the abuse,
those ones go and in the evening was concluded
the loathsome deed, without screams and bangs.

Eventually they found him at Quartarella
massacred by dagger stabs,
face down, in the filth.

As for him, when he was already seriously wounded
a renowned phrase got out of his mouth and it was
«You will perhaps kill me, not the ideal».

20 - Gramsci

Gramsci was a hunchback, but a giant.
Another genius like that, who dares to dream of another?
And the Duce, to smother him, this carrion,
gives him a life sentence worse than to a brigand.

He made him suffer many [disgraces] and of all types
in a cell worse than a sewer,
loading his pillory with ever more lead
until he made him a lame/limping/claudicant skeleton.

But before dying in these hells
he always kept thinking, evening and morning,
even at night, to write the Prison Notebooks.

His most characteristic prophecy can’t be forgotten:
«Turds! With you, Italy will fall into ruin
and it will be up to us to save her».

21 - The clerks’ betrayal

Afterwards, with the oil and the gaol
he liquidated his most sworn enemies,
the other adversaries, a bit more unscrupulous/unprincipled,
he bribed them and made them advance in their career.

It was an opprobrium/ignominy seeing a parade/pantomime
of ex certified opponents
say: «So what? Must be that we were wrong to begin with»
and move forward with fezzes and black shirts.

And if you can forgive that employees,
for the bread, went on to hoist the flag
dressed up like admirals and soldiers,

it can’t be explained, it was yuck,
to hear so many poets laureate
singing: «Youth, oh youth».

22 - Razzle dazzle

And then certain whores, curse their ancestors’ souls,
set themselves to fan their peacock tails
clamouring: «What a hot sturdy stud, what a pilot»,
thus losing the least decorum.

In short, all around him was soon an ensemble
of ruffians, pimps, simpletons
laymen, priests, peasants, notorious people,
death starving poor looking for an employer.

They were too many. And when at their gatherings
in thousands gave themselves away to this deception
it occurred to hear the most disparate/desperate ideas.

My father, in front of all this plague,
uglified in the face, turned pale and grunted:
«Slay them! How many turds there are!».

23 - Those guilty of the consensus

Were they turds or were they not? That is the question.
Most of them were common people, simpletons,
raised since childhood to be good,
to think without much of a speculation.

Why?, now you want to give the masses the anathema?
That must be addressed to the pope and the crown
inclined to a trollopish culture
such that people back then were more dimwit.

What did the people have got to do with it? Indoctrinated
to believe that the king is sacred, the pope is god,
don’t they have to believe a «consecrated leader»?

The anathema belongs to those who have bred to themselves
the people, with «peep, peep» calls,
to get it cooked and roasted when needed.

24 - The fascist era

Enough. The Stinker, after tossing
the opposition inside a jail,
says to the king: «Here, majesty, is needed a new era,
that is, a fascist era for the State».

The other one, as long as he does not get touched himself,
assents to put the Fasces (bundle of wooden rods) on the flag,
that on Saturdays people are required to wear black shirts
and that at home you have an air-raid warden.

Then what does the Stinker do? National Recreational Club,
LUCE Institute, Carro di Tespi, Popular [Tourist] Trains,
and disembowels Rome to give air to the Foro Italico.

Then, by increasing taxes, he founds Littoria [= Latina],
which, if for the northern mountainers was a steal,
for Lazian peasants was bread and chicory.

25 - Pre-military service

Then the Stinker, with Hitler already as an accomplice,
decides that Italy is very much bellicose,
that it is a race of warriors, strong and proud,
and also invents the pre-military service.

That is, every schoolboy with this innovation
was a soldier, or in other words, on Saturday nights
went to the barracks to play war
and sing in unison Horace’s Carmen Saeculare.

He was deluding himself, with this great bullshit,
that the Italians, who are no belligerent,
he was training them to stare death in the face.

Stay cool! He sure realised, eventually, this presumptuous,
that the Italian, born pacifist,
if a war does not suit him, he makes a run for it.

26 - Sanctions

Insist and insist playing the braggart’s act,
the economy collapsed butt on the ground
and he took it out on England
because of the five meals and the Perfidious Albion.

He says that, with respect to other nations,
Italy will never be able to advance
because it’s poor, without a mine,
and those who don’t own an Empire are beggars.

He says: if you won’t give me a colony
it means, by hook or by crook,
I’ll go and get me one, and I’ll raise a Babylon.

After hearing him blustering on with this charade
Churchill gets all pissed off, arms a sanction against him
and Italy was forced on her knees.

27 - Party hierarchs

Thus began the dark years,
when Italy, being cornered,
revealed itself a little Italy in tatters,
despite the hierarchs and the drums.

Instead of preserving peace and staying secure
these bullies, chest out and carrot erect,
kept running on foot and on bicycle
to get to be seen tough, austere and pure.

However, they were mountebank heroes
like many billiard pins
which, as you blow, fly away upside down.

They were also thieves: the most valiant
was Ciano, who was the Stinker’s son-in-law,
and who, at the time, nicked a billion to himself.

28 - The war in East Africa

When the lira collapsed to ground zero,
to protect us against high unemployment rates,
instead of instituting the Redundancy Fund,
this freak of nature what does he do? He makes the Empire.

It was a ragamuffin empire, that’s right,
but the hungriest among the people, the most trampish
went there like an alternative to emigration
and not because it was a people of warriors.

But the negroes didn’t like this notion,
and as soon as we showed up at the border
with the arrows they received us head on.

We got beaten uglily for about a year,
then the Stinker launched a gas attack, this murderer,
and cornered the Negus in a narrow alley.

29 - The Empire

Now the empire was there, but the verb to eat [= to steal]
was now aggravated with this great folly
and the Stinker, with cheers from the sacristy,
remobilises [the army] and participates in the war in Spain.

And then, after this opprobrium of campaign,
he tries it again, and the king Zog of Albany
he jumps on him and then chases him away
to make king Little Saber. It’s a Cockaigne [party time].

Since that day, we had the honour
to have there as head of the State
a king twice, and emperor too.

But Little Saber returned him the favour,
he made him marshal, and it was decreed
that the Stinker was to be named the Founder.

30 - World War Two

Then Hitler starts the war, this great hyena,
and the Stinker at first remained neutral;
but then France falls, and this beast/brute
stabs them at the back.

Then he wants to break Greece. It was a pain.
That one doesn’t break, and things went awry,
we got a colossal defeat
until the Kraut arrived to change scenery.

In short, it was clear like the paternoster
seeing us getting leaner in that manner
that war was not our trade/profession.

Instead, this freak, with his butt already on the ground,
Insists on that, and yells: «I want the Mare Nostrum»,
and goes on challenging Russia and England.

31 - Eight million [bayonets]

And now you can only be retarded/demented
to say you want to reconsider the judgement over the Stinker.
But that one was a duffer, a fraudster,
and that’s why he ended up as he did.

It would suffice you that he made himself bold
to move war against Churchill and Moustache [= Stalin]
without possessing tanks and the aviation.
What did he have? The Party hierarchs?

Those were good! But to play tressette!
Having them as enemies was a fresh water dabbling,
even the Negus was there, cutting them into slices.

Then he bluffed, they saw his hand and he lost;
and so he had to rub to his cock
the eight million bayonets of his.

32 - The war lost

Mum, what wake-up! Snow or dog days,
ours, in Russia or in the Black Continent,
if they were infantrymen they ended up in a cemetery,
if generals, home, making a run for it.

We received so many blows on the rump
and we went so much under the zero line,
among bombs, famine, black market,
that we were a dead lifted on its knees.

When Ike eventually landed in Sicily,
Little Saber, bleached with fear,
says: «Fuck, here I am gambling away the dynasty».

Then he calls Grandi, and that one advises him:
«Majesty, here is needed a great conspiracy
to get us rid of the Stinker without turmoil».

33 - The night of the Great [Council]

No sooner said than done. One evening, at midnight,
when the Stinker summons up the Great Council,
Grandi gets up and says: «Duce, we are on the brink
you either step out or here come the blows».

Among these villainous faces
the Stinker spies Ciano and with a whisper
he says: «Tu quoque too, you’re a son to me».
But the other: «Hey granpa, this time you broke our balls».

They voted. The Stinker fell in minority,
he gets pissed off but then he adjourns/suspends the meeting
and storms hotfoot out of the room.

Then he goes to the king, hoping the hope
that that one, who is his accomplice, might help him
to dupe Grandi and the other minions.

34 - 25th of July

When the Stinker arrived to his palace,
the king says: «Duce, you broke my balls».
And he to him: «Majesty, forgive me».
And Little Saber: «I do not forgive shit».

And he insists: «Here everything is going pear shaped,
not even the Alpines want to be good,
they mock even me in their songs,
therefore I have decided: I’m giving Badoglio the whole pack».

The Duce turns pale, and with no more scowl on his face,
he stutters: «But, is there no hope left for me?».
And the other: «Go ask that to your Great Council».

Then he dismissed him. And there, as a stooge
opens up the door for him, the ambulance arrives
and sucks him on like a rabbit.

35 - The 45 days

During the forty-five days
the Stinker, in a hotel as internment,
Hitler calls him from Berlin on the telephone
and tells him: «Stay cool, you are coming back».

Then, being unable to grab the bull by the horns,
because Badoglio plays hide-and-seek,
Hitler devices an astute razor-sharp plan;
he places the Krauts all around.

So that, on the selfsame instant of the armistice,
zac, straight-away, down at all speed,
The SS occupies headlong everything.

The tiny army of ours, an under-equipped Saint Cilice,
in doubt whether shooting or not,
they lose their pants, and came the day of judgment.

36 - The flight to Pescara

The Soldier King (what a brave heart man!)
Had already sneaked away in the early morning
with Badoglio, with Umberto, the queen,
leaving Rome alone and abandoned.

Outside Porta San Paolo, a brigade
had three hundred casualties, a havoc,
and with them the people of the city
kept shooting from dawn to late at night.

Then all was over. And began the terror.
But also began the Resistance
to save a bit the skin, a bit the honour.

Then Hitler sent to Campo Imperatore
the SS to extract with maximum urgency
the Stinker already reduced a cesspit.

37 - The Social Republic

As soon as the Stinker got freed
he does it again and, although old, half-blind,
he reorganises the fascist groups and makes them republican,
that is, if it's not soup, it's soaked bread.

With this oafish and patched up contraption
he resettles in the Cispadane North,
he betrays like a Coriolan,
and against Rome wants to establishe another State.

That is, he establishes a Social Republic,
but the people do not fall for it, they remain absent
from that yoke/toy/game wild and criminal.

As to himself, aged, he gets ever stinkier and plays hardball;
it suffices to consider, although he was his relative,
he caught Ciano and had his back pulled against the wall.

38 - The 25th of April

It went on for two years, the reign of terror,
a flood of dead without comparison.
However, while for him things were going wrong,
this time for us they were favourable.

So that, while he was already counting his hours,
because of the general revolt,
the Stinker takes his decision, he goes to the cardinal
to surrender to the English with honour.

He negotiated with us too. But Longo, tough,
he told him to give it a rest, because it was time,
and he sneaked away at night under a dark sky.

But when he was already almost safe, in security,
almost in Switzerland, on a shortcut,
he ran into the partizans and ended against the wall.

39 - Dongo

As the Stinker spotted the partizans
as they found him disguised as German,
he got out of the van and said, cool and fresh,
«Peace and love, we are all Italians».

One said to him: «Come on, raise your hands».
He put up with that, and then somewhat slyishly
says to him: «If you save me, I can get to
make you all rich within tomorrow».

And he commended himself to them, this great executioner,
saying he was still a socialist
and that all was fault of the Savoias.

But the chief came up and said: «Sure, you wish!
You are marked the first on the list».
He shot him in the chest and he got us rid of this bother.

40 - Piazzale Loreto

The hierarchs who were shot
they hanged them down a petrol pump,
so that the Milanese, in the morning,
by the feet, upside down, could see them hanged.

The Stinker was there too, and the top overlords
who were in charge of the little republic,
and they remained on display, this progeny of assassins,
there where many they had slaughtered/butchered before.

Now, some say, it was a defacement, and some people
claim that in Piazzale Loreto we exaggerated,
and there are also those who regret that.

Not me. For those who behave as bullies
the Bible had already decreed:
the law is “eye for an eye, tooth for a tooth”.

41 – Surveillance

Thus ended the Stinker. But History
instructs us that we have got to remain vigilant,
because, although it is true that we are no more in the 20s,
only an asshole can celebrate with euphoria.

In fact, fascism is like chicory,
it can grow anywhere and you won’t notice that;
therefore it’s wrong to act all happy-go-lucky,
forget the past and lose out the memory.

On the contrary! More alertness is needed
and taking action, by hook or by crook,
to make sure he remains minority.

So that if, god forbid, he jumps over the ditch,
he is in fucking trouble, he finds us on the alert,
and then, sweetheart, cut it that’s red.

25/4/2020 - 12:37


Scena di Totò alle prese con "Er puzzone", da "Fermo con le mani", 1937, suo film d'esordio, per la regia di Gero Zambuto.



Curiosamente, la scena - inequivocabile, anche se solo allusiva - non venne censurata...

B.B. - 25/4/2020 - 15:52


Singolare come la prima quartina del primo sonetto si sia rivelata autobiografica, essendo l'autore il padre di Giuliano Ferrara ...

Lorenzo - 25/4/2020 - 20:58


L.E., che lavorone! Grazie! Come Anonimo Romano, Maurizio Ferrara ha pubblicato anche La relazzione (er fatto de Stalin e de Krusciov) (All'insegna del pesce d'oro, 1971) e Er compromesso rivoluzzionario (Garzanti, 1975). Nel 1953, insieme alla moglie Marcella, aveva curato il volume Conversando con Togliatti (Edizioni di cultura sociale [la casa editrice «ufficiale» del PCI prima degli Editori Riuniti]). Devotissimo al «Migliore» e alla sua politica, era il tipico comunistone romanesco, «di destra» e mangiastudenti, come il suo amico Antonello Trombadori – poeta anch'egli e autore di sonetti in vernacolo.

L.L. - 25/4/2020 - 22:05


Grazie a tutti voi per aver inserito questo testo!

Le traduzioni/spiegazioni ovviamente si possono migliorare - originariamente le avevo scritte per spiegare il testo romanesco "alla lettera", "parola per parola", come una guida alla lettura del testo originale, per agevolare la comprensione, insomma per incoraggiare e accompagnare lettura e comprensione del testo originario "senza paura". Speriamo che servano! Ovviamente ogni eventuale errore rimane mio.

Purtroppo il testo presenta tante finezze che solo un romano che lo recita in romanesco può afferrare, e che forse non tutti riusciranno a cogliere, anche solo in termini di prosodia. Per esempio trovo affascinante che il primo verso si reciti

"Luè|ra 'r | fì|jo | d’un | fàb|bro | de | Ro|mà|gna"

e non

"Lùi | e|ra 'r | fì|jo | d’un | fàb|bro | de | Ro|mà|gna"

come verrebbe naturale (ma romperebbe la metrica!). "Luè|ra" in romanesco, almeno per me, si carica di un disprezzo veramente speciale: per leggerlo si produce una smorfia sbrigativa; qui "lui", che normalmente si pronuncia con una u lunga, non merita nemmanco 'na sillaba.


Grazie ancora.
Questo sito è una fonte inesauribile di materiale.

L.E. - 2/5/2020 - 04:13



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org