Lingua   

L’esodo

Silvano Spadaccino
Lingua: Italiano (Pugliese Foggiano)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Un homme qui vient
(Sarah Roubato et les Black Mountains)
Le trè frustétë de lu patróne
(Matteo Salvatore)


Nell’EP “Il cammino senza speranza” (I Dischi del Sole) e poi nell’album “Emigrazione. Canti del ‎passaporto rosso” (nella collana “I più bei canti d'Italia” edita dalla RCA)‎
Recentemente anche nel CD di Gualtiero Bertelli e La Compagnia delle Acque intitolato ‎‎“Povera gente”, 2004.‎
Testo trovato su La Musica ‎de L’Altra Italia

cantastorie-di-silvano-spadaccino-lp-i-piu-bei-canti-ditalia-fo-E2808Ejannacci-7473477


image4351
So' remast' i vijcchie e i criature,
so' remast' i femmene e i chen'
‎'mbambulate sott'o soule
ind'e ches', p'a campagne.
Ogni juorne quà pass' nu tren'
e ogni tren' se port' guagliune,
‎'sti guagliune chiù lundane ogni juorne d' cchiù.‎

Prev' che 'a guerr' fosse fernute
sendenn' parlà d' libbertà
e 'nvece c'hann' angora chiù ' mbambulate,
chi ha parlet' è remast' quà.‎

E 'sta fem' che lass' i sijgn'
ma 'na vota 'a puitive suppurtà
l'abbetudene, i guagliune, ma 'a puitve suppurtà.
Steve 'a fem', ma steven i giuven'
te rereive 'u cour' a vederl'
mò nen zind' chiù 'na canzouna
‎.na reseta, nijnde cchiù.‎

Parev' che 'a guerr' fosse fernute
e 'nvece è appena accumenzet'
quà non ze spouse chiù nisciune
e criature chiù nun nascene ind'e ches'.‎

C'hann' apijrt' 'na scoula serel'
ma che sanne quill' che èje 'na mamm'
e 'a chese, 'u cambsand'
cumm'i vijcchie a nui ce 'mbararen'.
E chi vijcchie nun ce stann' i criature
e chi femmen' nen ce stann' mangh'i chen'
se retrivenne sul a stazjoune
a salutà chi è crisciut' pe' fatijà.‎

Parev' che 'a guerr' fosse fernute
parev'...
e c'hann' frechete! ‎

inviata da Dead End - 12/3/2013 - 13:53



Lingua: Italiano

Traduzione italiana da La ‎Musica de L’Altra Italia
L’ESODO

Sono rimasti i vecchi e i bambini
sono rimaste le donne e i cani
imbambolati sotto il sole
nelle case, nella campagna.
Ogni giorno qua passa un treno
e ogni treno porta via i ragazzi
questi ragazzi più lontani ogni giorno di più.‎

Sembrava che la guerra fosse finita
sentendo parlare di libertà
e invece ci hanno imbambolati ancora di più,
chi ha parlato è rimasto qua.‎

E questa fame che lascia i segni
ma una volta la potevo sopportare
l'abitudine, i ragazzi, ma la potevo sopportare.
C'era la fame, ma c'erano i giovani
ti rivive il cuore a vederli
ora non senti più una canzone
una risata, niente più.‎

Sembrava che la guerra fosse finita
e invece è appena incominciata
qua non si sposa più nessuno
nelle case non nascono più bambini.‎

Hanno aperto per noi una scuola serale
ma che ne sanno quelli che ho una madre
e la casa, il camposanto
e come i nostri vecchi ci hanno educato.
E con i vecchi non ci sono i bambini
e con le donne non sono nemmeno i cani
si ritrovano soltanto alla stazione
a salutare chi è cresciuto per faticare.‎

Sembrava che la guerra fosse finita
sembrava...
e ci hanno fregato!‎

inviata da Dead End - 12/3/2013 - 13:55



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org