Lingua   

Cecilia

anonimo


Lingua: Italiano

Scarica / ascolta

Loading...

Guarda il video

Loading...

Ti può interessare anche...

Fehér László lovat lopott
(Béla Bartók)
La Source
(Isabelle Aubret)
La banda Viola
(Novalia)


Canzone sulla pena di morte e su come il potere se ne approfitti sempre, da sempre. Canzone tradizionale raccolta da Costantino Nigra riproposta in diverse versioni e dialetti da Gang, Crifiu, Novalia, Ponentino trio, Andrea Capezzuoli e Compagnia, Caterina Bueno, Takadum Orchestra


Cecilia, insieme a La pesca dell'anello, è la ballata più diffusa in Italia.
Cecilia è un canto tradizionale popolare che è andato via via modificandosi all’interno dei molti contesti storici, geografici e antropologici in cui si è tramandato, dei quali porta, nelle sue numerose varianti, le tracce. Lo studio di Cecilia è così di estremo interesse – se affrontato con un approccio plurimo e integrato qual è quello adottato dall’autrice – perché consente di focalizzare l’attenzione sulle varianti dei testi sia sul piano diacronico che sincronico, dando conto delle modalità in cui il testo è stato recepito, delle diverse interpretazioni che ne hanno fornito le comunità che l’hanno cantato e, talvolta, drammatizzato in occasione del Carnevale come a Brallo, in provincia di Pavia. I testi finora inediti della Raccolta Barbi di Pisa, qui pubblicati per la prima volta, consentono di evidenziare i collegamenti di Cecilia con la tradizione letteraria più elevata (la trama è la stessa di Tosca, e persistenti sono i tratti comuni con Measure of Measure di Shakespeare), che richiedono così un approfondimento di tipo interazionale tra fonti orali e scritte, tra cultura orale e cultura letteraria.




E’ una storia che ha conosciuto una grande fortuna nell’Europa medievale e inizia con una fanciulla che ha perso la biglia (o palla) d’oro zecchino che le era stata donata con la raccomandazione di averne cura più della sua vita, e che avendola persa viene condannata all’impiccagione. Per capirne la sua evoluzione dobbiamo guardare alla novellistica e in particolare alle “Ecatommiti” (raccolta di cento novelle) di Giambattista Cinzio Giraldi e alla storia di Epitia (V novella dell’VIII giornata).
Il Giraldi detto Cinthio come titolo accademico è un erudito e drammaturgo ferrarese della metà del Cinquecento, grande inventore di storie che furono d’ispirazione sia a Cervantes che a Shakespeare come trame dei loro capolavori.
Così la novella di Epitia è da trama alla shakeaspiriana “Misura per Misura” in cui vediamo comparire nella storia un deux es machina il duca che governa la città, ma anche il ricatto del governatore-capitano che chiede una notte d’amore con la bella Epitia-Isabella in cambio della liberazione del prigioniero.
Senonchè Epitia è la Cecilia, una delle eroine più note delle ballate italiane riportata da Costantino Nigra al numero 3:
Il marito di Cecilia è condannato all’impiccagione e la donna domanda al capitano che dovrà eseguire la sentenza se c’è un modo per liberarlo: il capitano le chiede di passare una notte d’amore, ma al mattino il marito viene ugualmente giustiziato.
Cecilia in alcune versioni si uccide o muore di crepacuore, in altre uccide il capitano, in altre ancora rifiuta sdegnosamente il genere maschile e manda tutti a quel paese! La trama è la stessa della Tosca (prima dramma di V. Sardou -1887, e poi opera lirica in tre atti di Puccini) e molti vedono nella ballata una rivendicazione femminista ante-litteram, ovvero la condizione di soggiogamento della donna all’arroganza del potere maschile (ben poca differenza si coglie tra l’opportunismo del capitano e quello del marito).
Castità, purezza, (e fedeltà) sono doti che una donna deve considerare sacre e inviolabili e se usate come merce di scambio portano alla sua rovina.

tratto da Terre celtiche
(Cattia Salto)
La povera Cecilia piange il suo marì,
gliel’hanno imprigionato per farglielo morir.
“Oh signor capitano la grazia fate a me!
“La grazia te la faccio, vieni a dormir con me!”
Allora la Cecilia corre alla prigion:
“Marito sei contento s’io vo a dormir con lui?”
“Vai, vai pure Cecilia non star pensar l’onor,
salva la vita mia, levami di prigion.”
A mezzanotte in punto, Cecilia dà un sospir:
“Cosa hai tu Cecilia da non poter dormir?”
“Ho fatto un brutto sogno, ch’è morto mio marì,
se il mio marito è morto, anch’io voglio morir.”
“Dormi, dormi Cecilia, dormi senza un sospir,
che domattina buon’ora il tuo marito è qui.”
Alla mattin buon’ora Cecilia va al balcon,
vede il suo marito col collo a penzolon.
“Addio belli palazzi, addio belle città,
addio visin dorato e chi ti bacerà.”
Laggiù al camposanto fioriscono rose e fior,
è il fior della Cecilia ch’è morta per amor.

inviata da DonQuijote82 - 27/7/2011 - 05:02




Lingua: Francese

Version française – CÉCILIA – Marco Valdo M.I. – 2011
Chanson italienne – Cecilia - anonimo

Une chanson sur la peine de mort et sur la façon dont le pouvoir en profite, depuis toujours. Chanson traditionnelle recueillie par Costantino Nigra, reproposée en différentes versions et dialectes par Gang, Crifiu, Novalia.

Tu vois, Lucien l'âne mon ami, je me disais que j'allais traduire cette chanson pour savoir ce qu'elle pouvait bien raconter. Ce que j'ai fait et en traduisant, il me venait à l'esprit que j'avais déjà entendu cette histoire quelque part... ou une histoire qui lui ressemble, une histoire d'abominable traîtrise et de pure indignité à l'égard d'une femme... Une histoire où un homme de pouvoir use de sa position pour exiger plus qu'il n'est correct d'une jeune personne...


En effet, cela n'a rien d'étonnant quand on voit l'histoire en question. Une femme qui se sacrifie pour sauver son mari, son amant... J'en ai entendu beaucoup moi aussi de ces histoires... Tout comme des histoires où des hommes de pouvoir tirent de sensuels avantages de leur position dominante. Tout comme des histoires où une femme se tue en apprenant la mort de son amant...


Exactement. C'était bien ce que je ressentais... mais il y avait quelque chose en plus... Comme un goût d'opéra, comme un parfum de révolution... Et j'entendais la voix de La Callas... Soudain, c'était clair, il s'agissait de Tosca... La Tosca de Puccini..
Comme quoi, il y a des thèmes qui parcourent tout le répertoire... de la chanson populaire au rock, en passant par l'opéra.


La Tosca, rien que ça... C'est une belle histoire, c'est une histoire mélo-dramatique...


Oui, mais c'est aussi une grande histoire... Celle de l'assassinat d'un révolutionnaire romain, le prisonnier politique Cesare Angelotti, par les sbires du Roi des Deux Siciles Ferdinand Premier et la traîtrise véritablement infâme de l'ignoble baron Scarpia, chef de la police royale... lequel non seulement, exige de Floria Tosca, la cantatrice, de lui céder son intimité, mais en plus – à l'encontre des termes-mêmes du contrat moral qu'il a passé avec la jeune femme, il fait fusiller son amant, le peintre Mario Cavaradossi.


En clair, c'est une belle crapule ce Scarpia, dit Lucien l'âne en dressant tous les poils de son échine.


Une vilaine crapule, c'est sûr. Mais, l'affaire ne se termine pas là... Tosca, dont tu sais qu'elle est cantatrice, est une fille de caractère et elle va régler son compte à ce très haut fonctionnaire du royal envahisseur. Elle va honorer sa part du contrat, sous la forme d'un baiser un peu particulier... Le baiser de Tosca - un coup de couteau en plein cœur : « Questo è il bacio di Tosca – Voilà le baiser de Tosca ». Comme bien tu penses, toute cette histoire d'amour et de haine, cette histoire qui passionne les foules, porte en elle un fameux message politique – la Tosca étant comme l'incarnation-même du peuple de Rome... Trompé, roulé et fusillé par les sbires royaux... Quant à Tosca, comme il se doit dans la tradition, il ne lui reste qu'à se jeter dans le Tibre...


Une belle histoire, une histoire ancienne, mais quand même... Une histoire exemplaire qui montre ce que dans la Guerre de Cent Mille Ans, les riches et les puissants font aux pauvres et aux plus faibles; une histoire où vilénies et traîtrises ne manquent pas... La seule chose dont les puissants se passent sans aucun regret ni scrupule, c'est d'honorer leur parole...


Ainsi va ce vieux monde et nous, Marco Valdo M.I. mon ami, nous devons continuer inlassablement notre modeste travail de sape et lui tisser son linceul à ce vieux monde lâche, stupide, oppresseur et cacochyme.


Ainsi Parlaient Marco Valdo M.I. et Lucien Lane.
CÉCILIA

La pauvre Cécilia pleure son mari
Ils l'ont emprisonné pour le faire mourir.
« Oh, Monsieur le Capitaine accordez-moi sa grâce !
Sa grâce, je te l'accorde, viens coucher avec moi !.
Alors, Cécilia court à la prison,
« Mon mari serais-tu content si je vais dormir avec lui ? »
« Va, va-z-y Cécilia, ne t'arrête pas à l'honneur. :
Sauve-moi la vie, sors-moi de prison. »
À minuit tapant, Cécilia soupire.
« Qu'as-tu Cécilia que tu ne peux dormir ? »
« J'ai fait un mauvais rêve... Mon mari est mort
Et s'il est mort, moi aussi je veux mourir ! »
« Dors, Cécilia, dors sans un soupir,
Demain matin de bonne heure, ton mari sera ici. »
Au matin de bonne heure, Cécilia va au balcon,
Et voit son mari qui balance au bout d'un cordon.
« Adieu beaux palais, adieu la belle ville
Adieu visage adoré et celle qui te baisera. »
Là-bas au cimetière où fleurissent roses et fleurs
Il y a la fleur de la Cécilia qu'est morte par amour.

inviata da Marco Valdo M.I. - 28/7/2011 - 18:40




Lingua: Italiano (marchigiano)

Versione Gang-La Macina da "Nel tempo ed oltre, cantando"
dal libretto del disco

gang-nel-tempo-ed-oltre-cantando

CECILIA

Cecilia in mezzo al mare piange pel suo mari'
je l’ha messo in prigione no'l vole fa' ssorti'
"Senti Cara Cecilia vanne dal capitan
domandaje la grazia, vedrai te la farà."
“Senti sor capitano 'na grazia vo da te
il mio mari' 'n prigione se mme lo fai vede'?"
"Senti cara Cecilia te lo farò vvede'
ma se 'na notte sola, vieni a ddormi' co' mme!”
"Va' la o ccapitano vado da mio mari'
se se contenta lui io ce potrò veni'
"Senti marito mia, la grazia me la fa
se per un notte sola dormo co' capita'"
"vanne vanne Cecilia e vanne ben puli'
mette camicia bianga e 'l busto e 'l sottani'
"Annamo capitano, annamocene a dormi'
le dieci son sonate, lrnzoli bbianchi e lli'
Quando fu mezzanotte, Cecilia dà un sospi':
“Cos'hai cos'hai Cecilia che non me fai dormi'?”
A la madina s'alza, s'affaccia dal balco',
vede 'l marito morto che stava a ppendolo'.
"Grazie sor Capitano m'avete ben tradi'
me llevato l'onore la vita a mio mari'"
"Non dubita' Cecilia, non dubita' di me
Principi e ccavalieri tutti a ffavore a tte"
"Io non vojo né principi nemmeno cavalie'
prendo la rocca e 'l fuso e me ne sto da me
Quando che sarò morta me porti a sseppelli'
a Ssan Gregorio Papa, dove sta 'l mio mari'"
Sopra di quella tomba ci nascerà un bel fior
E' morta la Cecilia è morta per amor
Sopra di quella tomba ci nascerà un tullipa'
E' morta la Cecilia è morta è stato il capitan
Sopra di quella tomba ci nascerà fiori'
E' morta la Cecilia è morta per suo mari'

inviata da DonQuijote82 - 27/7/2011 - 17:55




Lingua: Italiano

Versione dei Crifiu

Tra terra e mare del 2006
tra-terra-e-mare

Cecilia bella piange per suo marito
Cecilia cara piange per suo marito

Canto di Cecilia, della moglie che s’umilia
nella notte della voglia di un potente capitano.
Canto di Cecilia, della rosa che deflora,
nell’Aurora che s’annebbia, ed è tradita e s’addolora.

Canto di Cecilia, del dolore di un amore
che per il marito amato si fa donna di poche ore.
Canto di Cecilia, di Cecilia i suoi sospiri
che come una piaga al petto non le fanno più dormire.

Canto di Cecilia, quando all’alba, alla mattina
vide il suo marito morto, il suo Peppino a testa china.
Canto di Cecilia che le tolsero l’onore
ma non tolsero dal cuore chi in chiesa la portò.

Ed io non ho parole se non prese dalla storia
che racconto ed ho sentito dalla bocca della Storia.
Io non ho pensieri se non figli delle madri
che innaffiano ricurve la Poesia dei nostri padri.

inviata da DonQuijote82 - 27/7/2011 - 05:31




Lingua: Italiano (Laziale Sabino)

Versione dei Novalia

[1999]
Album: Arkeo
arkeocover

Ispirato a una canzone storica della tradizione femminista popolare. Diffusa in tutta Italia in differenti versioni, racconta della condizione femminile sottomessa all'arroganza del potere maschile.

La ballata di cecilia
G.Lo Cascio-R.Simeoni-S.Saletti)

Signore capitanu 'na cosa t'ho da di'
Peppinu sta 'npriggione fatemellu escì
Favore te lu faccio si ttu lu fai a mmi
devi dormì 'sta notte a lettu icinu a mi

Sendi maritu sendi, sendi che t'ho da di'
c'è 'r capitan maggiore sarva la vita a tti
Bacce bacce Cecilia, bacce pure a durmì
ma bestite da sposa sappi cumbarì

Quanno fu mezzanotte Cecilia fa 'n zospì
na pena entro a lu pettu pare de morì
Alla mattina all'alba Cecilia s'affacciò
bede Peppinu mortu a capu penzulò

Schifoso capitano m'hai saputo tradì
m'hai leatu l'onore e vita al mio Peppì
No principi e baroni mancu se fosse u re
me piglio rocca e fusu camperò da me

Boria scava nu fosso dicenno famme postu
pe' sotterrà le donne e fa' fenì lu munnu

inviata da DonQuijote - 27/7/2011 - 05:33




Lingua: Italiano

C'erano tre sorelle

C'erano tre sorelle, c'erano tre sorelle;
Cecilia era più bella, Cecilia era più bella;
si mise a far l'amore.

Sotto la sua finestra, passava un capitano,
Cecilia sospirava; che hai Cecilia bella
che ti sospira il cuore.

Tengo un dolore al petto, tengo un dolore al cuore;
Peppino mio è in prigione, Peppino mio è in prigione,
lo voglio liberare.

Senti Cecilia bella, Cecilia del mio cuore,
se tu mi dai il tuo amore, se tu mi dai il tuo amore,
lo faccio liberare.

Carissimo maggiore, carissimo maggiore,
aspetta un momentino, lo scriverò a Peppino,
se te lo posso dare.

Peppino del mio cuore, mi manda a dire il maggiore
che se ci do l'amore, che se ci do l'amore.
ti farà liberare.

Cecilia del mio cuore, le scrive allora Peppino,
riguardati l'amore, riguardati l'onore,
di me non ti curare.

0 caro mio maggiore, o caro mio maggiore,
lo faccio per Peppino, prepara quel lettino
che vengo a riposare.

Verso la mezzanotte, Cecilia sospirava.
Che hai Cecila bella? Che hai Cecilia cara?
Che ti sospira il cuore.

Tengo un dolore al petto, tengo un dolore al cuore:
voglio veder Peppino; voglio veder Peppino,
lo voglio a libertà.

Senti Cecilia cara, senti Cecilia bella;
affacciati al balcone, affacciiati al balcone,
che lo vedrai passare.

La Povera Cecilia s'affaccia a quel balcone;
vede passar Peppino; ma dove vai Pennino?
Mi voglion fucilare.

Sei furbo mio maggiore. sei furbo mio maggiore.
Me l'hai saputa fare; L'onore m'hai rubato.
Peppino è fucilato.

Vorrei scavare un fosso, vorrei scavare un fosso
di cento palmi fondo per sotterrar le donne,
così finisce il mondo.

E sopra la tua tomba, ci lascio un bigliettino.
Chi passa ogni mattina, chi passa ogni mattina
saprà del mio destino.

Ma sopra la tua tomba è nato un filo doro,
arrivederci amore,arrivederci amore
non ci vedremo più

inviata da DoNQUijote82 - 27/7/2011 - 05:28




Lingua: Italiano (umbro)

Versione raccolta a Malfenato di Giano dell'Umbria nel dicembre '72 da Lucia Capotosti, contadina di anni 68.
Cecilia sta sul maro (1)
lo piange il suo marì
je l'ho' misso in pricione (2)
je l'ho' fattu murì.

Va la dal capitano
scarcera il mio marì
scarcera il mio marito
fora de la priciò.

Zitta zitta Cecilia
che ci sto io per te
principi e cavalieri
tutti vogliono te.

Io non voglio nessuno
nessuno piace a me
hai ucciso il mio marito
occidi pure me.

Sopra la tomba scrivi
e mettici un bel fior
de lì ci sta Cecilia
ch'è morta per amor.

Sopra la tomba scrivi
e scrivici così
de lì ci sta Cecilia
morta pel suo marì
de lì ci sta Cecilia
morta pel suo marì.


(1) Mare.
(2) Prigione

inviata da DonQuijote82 - 27/7/2011 - 05:43




Lingua: Italiano (Piemontese)

Versione piemontese raccolta da Costantino Nigra (1828-1907, filologo, poeta, diplomatico e politico italiano) dalla voce di anonime vendemmiatrici a Castellamonte e Villa Castelnuovo (che con Sale Castelnuovo costituisce oggi il Comune di Castelnuovo Nigra), in provincia di Torino. Nell’imprescindibile antologia “Canti popolari del Piemonte”, pubblicata nel 1888.
CECILIA

Cecilia, bela Cecilia na piura nóit e dì,
L'à so marì 'n pregiune, lo völo fè mürì.

N'in va dal capitani: — Na grássia voria mi,
Voria ch'e m'liberéisse la vita al me marì.

— La grássia a sarà fáita, dormì na nóit cun mi.
— J'andrù ciamè licensa, licensa al me marì. —

'L marì da la finestra da luns l’à vista vnì.
— Che növe portè, Cecilia, che növe portè për mì?

— Le növe sun váiro bune për vui e gnianc për mì;
Na nóit cu ‘l capitani devrei andè dormi.

— Andè püra, Cecilia, andè püra dormì;
Salvè-me a mi la vita l’onur ij pensrù mi. —

N'in ven meza noiteja, Cecilia a fa ün sospir,
A fa ün sospir dal core, chërdia di mürì.

— Coza sospirè, bela, bela, coza j'avi?
— Omì! ch'i m'sun sugneja, ch'a m'àn pendǜ 'l marì.

— Dormì, dormì, la bela, dormì, lassè dormì;
Doman matin bunura vedrei ël vost marì. —

Na ven la matineja, Cecilia a s'è vestì,
Si büta a la finestra, l’à vist pendǜ 'l marì.

— Scutè, sur capitani, l’è pa lo ch’l’éi promì,
1 m'éi leva Tonure, la vita ai me mari.

— Piurè pa tan, la bela; bela, spuzè-me mi.
— Mai pi mi spuzeria 'l boja dël me marì!

inviata da Bernart Bartleby - 29/9/2014 - 13:16




Lingua: Italiano

Traduzione italiana della versione piemontese raccolta da Costantino Nigra.
CECILIA

Cecilia, bella Cecilia piange notte e dì,
ha il suo marito in prigione, vogliono farlo morire.

Essa va dal capitano. — Una grazia vorrei io,
vorrei che salvaste la vita al mio marito.

— La grazia sarà fatta, dormite una notte con me.
— Andrò a chieder licenza, licenza al mio marito.

— Il marito dalla finestra da lungi l’ha vista a venire:
— Che nuove portate, Cecilia, che nuove portate per me?

— Le nuove non son guari buone per voi e neanche per me;
una notte col capitano dovrò andare a dormire.

— Andate pure, Cecilia, andate pure a dormire,
salvate a me la vita, all'onore ci penserò io. —

Ne viene la mezzanotte, Cecilia fa un sospiro,
fa un sospiro dal cuore, credeva di morire.

— Che sospirate, bella, bella che avete?
— Ohimè! ch'io mi sognai che m'hanno appiccato il marito.

— Dormite, dormite, la bella, dormite, lasciate dormire;
domani mattina di buonora vedrete il vostro marito. —

Ne viene il mattino, Cecilia s'è vestita;
si butta alla finestra, vide appiccato il suo marito.

— Ascoltate, signor capitano, non è quel che m'avete promesso:
avete tolto a me l'onore, la vita al mio marito.

— Non piangete tanto, la bella; bella, sposate me.
— Non mai io sposerei il boia del mio marito. —

inviata da Bernart Bartleby - 29/9/2014 - 13:16




Lingua: Italiano (piemontese)

La versione Piemontese (precedentemente postata in Seven Curses)
La Lionetta in “Il gioco del Diavolo” 1981
pregevole e innovativo gruppo di area torinese del folk-revival italiano
CECILIA (Trad. NIGRA 3)
IL SOGNO DI CECILIA (mus. R. AVERSA)

Una delle più diffuse ballate popolari italiane (dal Piemonte alla Sicilia). La nostra versione è musicalmente divisa in due parti: la prima, eseguita dalla voce di Laura, è tratta da una versione artigiana . La seconda conserva il testo tradizionale su musica di composizione.

SISILIA

A na sun tre gentil dame ch'a na venhu da Liun,
la più bela l'è Sisilia ch'a l'ha 'l so marì 'n persun.

«O buondì, buon capitani», «O 'l buondì v'lu dagh a vui»
«E la grasia che mi fèisa m' fèisa vedi me mari».

«O sì sì, dona Sisilia, che na grasia u la fas mi,
basta sol d'una nutea ch'a venhi a dormi cun mi».

«O sì sì, sur Capitani, a me mari i lu vagh a dì,
o s'el sarà cuntent chiel cuntenta sarò mi».

So marì l'era a la fnestra, da luntan l'ha vista venir:
«Che novi 'm purté-vi, Sisilia, che novi 'm purté-vi a mi?».

«E per vui na sun tant bunni, tant grami sa sun per mi:
ansema sur Capitani e mi m'tuca andé durmì».

«O 'ndé pura, dona Sisilia, o 'ndé pura, se vorì;
vui a'm salverei la vita e l'unur a v'lu salv mi.

Butevi la vesta bianca cun el faudalin d' satin;
vi vederan tan bela a i avran pietà de mi».

A s'na ven la mezzanotte che Sisilia da 'n suspir:
s' cherdiva d'essi sugnea feissu mori so marì.

«O dormì, dormì Sisilia, o dormì, lassé durmì:
duman matin bunura na vedrei lu vost marì».

A s'na ven a la matinea che Sisilia s' leva su,
a s'è fasi a la finestra, vede so mari pendu.

«O vilan d'un capitani, o vilan, vui m'ei tradì:
a m'ei levà l'onore e la vita a me marì».

«O tasi, tasi Sisilia, tasi un po' se vui vorì:
sima sì tre Capitani, pievi vui cun ch'a vorì».

«Mi voi pa che la nova vaga da Liun fin a Paris
che mi abia spusà 'l boia, el boia del me marì».

Sa na sun tre gentil dame ch'a na venhu dal mercà:
a i han vist dona Sisilia bel e morta per la strà.

inviata da Alessandro + Cattia Salto - 29/7/2011 - 12:09




Lingua: Italiano

Traduzione italiana della canzone popolare piemontese "Sisilia".
CECILIA

Ci sono tre gentil dame che vengono da Lione
la più bella è Cecilia che ha suo marito in prigione.

«Buondì, buon capitano». «Il buondì sono io a darlo a voi»
«Mi facesse una grazia: farmi vedere mio marito».

«Oh sì sì, donna Cecilia, che una grazia ve la faccio:
basta soltanto che veniate una notte a dormire con me».

«Oh sì sì, signor capitano, lo vado a dire a mio marito:
se sarà contento lui sarò contenta anch'io».

Suo marito era alla finestra e di lontano l'ha vista venire:
«Che notizie mi portate, Cecilia, che notizie mi portate?»

«Per voi sono tanto buone, tanto cattive sono per me:
insieme al signor capitano mi tocca andare a dormire».

«Andate pure, donna Cecilia, andate pure se volete:
voi mi salverete la vita e l'onore ve lo salvo io.

Mettevi la vesta bianca con il grembiulino di satin;
vi vedranno così bella e avranno pietà di me».

Viene la mezzanotte e Cecilia dà un sospiro:
credere di aver sognato che facevano morire suo marito.

«Oh, dormite, dormite Cecilia, e lasciate dormire,
domattina di buonora vedrete vostro marito».

Viene la mattina, Cecilia si alza,
si affaccia alla finestra e vede suo marito impiccato.

«O villano di un capitano, o villano m'avete tradito
a me avete tolto l'onore a mio marito la vita».

«Tacete tacete, Cecilia, tacete un po' se volete:
siamo qui tre capitani: prendetevi quello che volete».

«Non voglio che da Lione a Parigi vada la notizia
che io ho sposato il boia di mio marito».

Ci son tre gentil dame che vengono dal mercato,
hanno trovato Cecilia morta per la strada».

(inviata da Alessandro)

inviata da DonQuijote82 - 29/7/2011 - 12:10




Lingua: Italiano (lombardo)

La povera Cecilia wikitesti
La povera Cecilia
la gà èl marì in prigion
la cerca il capitano
e la trova il colonel
la cerca il capitano
e la trova il colonel

Ailu sior colonnello
'na grazia èl gà dè fam
me gò 'l marì in prigione
m a lu 'l gà da liberal
me gò 'l marì in prigione
m a lu 'l gà da liberal

La grazia sarà fatta
se verrai a dormir con me
content il marito
e istassera sarò ché
content il marito
e istassera sarò ché

A mezzanotte in punto
Cecilia dà un sospir
la s'era insugnada
ch'era mort èl so marì
la s'era insugnada
ch'era mort èl so marì

A la matin bonora
Cecilia la va al balcon
la trova èl so marito
con la testa in pindulon
la trova èl so marito
con la testa in pindulon

Vigliac dèn colonnello
stavolta èl mà tradit
èl m'à levat l'onore
e la testa a mè marit
èl m'à levat l'onore
e la testa a mè marit

inviata da DonQuijote82 - 29/7/2011 - 17:09




Lingua: Italiano (Veneto Veneziano)

Cecilia i nelle carcere da Laltritalia
Cicilia i nelle carcere
trovare suo marì
Cicilia i nelle carcere
trovare suo marì

«Caro marito mio,
'na cosa t'ho da dì

ghe xe un capitano
ch'el vol dormir con mi».

«Dormi, dormi, Cecilia,
salvi la vita a mi

prepara i linsoi bianchi
e il letto ben fornì».

Co xe la mezzanotte
Cicilia dà un sospir.

«Cara, Cicilia cara,
che ti sospir così?»

«Mi sento 'na smania al petto,
mi pare di morir».

Co xe la mezzanotte
Cicilia va al balcon,
la vede il suo marito
tacato a picolon.

«Boja d'un capitano,
ti m'ha tradìo così:
ti me gh'ha tolto l'onore,
la vita al mio marì».

inviata da DonQuijote82 - 29/7/2011 - 17:12




Lingua: Italiano (Toscano)

Versione di Caterina Bueno
La povera Cecilia che piange il suo mari’
Storia della Cecilia

Gliel’hanno carcerato glielo fanno mori’
Vanne vanne o Cecilia e non pensa’ all’onor
Levami da ste pene levami di prigion.
Senta sor capitano sono venuta a dormi’
Se lei mi fa la grazia salvare il mio mari”
Prendilla la sieda e metteti a sede’
E quando avrò cenato a letto si va assiem
Tavola apparecchiata letto per riposa’
Colle bianca lenzola oh che felicità
A mezzanotte in punto Cecilia da un sospir
Cos’hai cos’hai Cecilia da sospirar cosi’
Ce l’ho la pena in cuore che mi sento mori’
L’ho fatto un brutto sogno l’è morto il mio mari’
Dormi dormi o Cecilia e non pensar cosi’
Che domattina all’alba il tuo marito è qui
Alla mattina all’alba Cecilia va al balcon
Vede il marito morto col capo a ciondolon
Vile d’un capitano tu m’hai saputo tradi’
L’hai tolto a me l’onore la vita al mio mari’
(Zitta zitta o Cecilia e non parla’ cosi’
Principi e cavalieri tutti mariti a te
lo non voglio ne’ prencipi neppure fosse re
Solo il marito mio voleva bene a me)
Addio belli paesi addio addio belle città
Addio casa paterna Cecilia se ne va.

inviata da dq82 - 21/6/2015 - 17:02




Lingua: Italiano (toscano)

Vanne Vanne Cecilia da Laltritalia
«Vanne vanne Cecilia, vanne dal capitan
e chiedigli una grazia, che lui te la farà».

«Grazia, signor capitano». «Che grazia vuoi da me?
Grazia ti sarà fatta, vieni a dormire con me».

«Ora vo alle Murate a dirlo al mio marì,
se lui sarà contento stasera sarò qui».

«Vanne, vanne Cecilia, ma non pensare all'onor,
salva la vita mia, levami di prigion».

Quando fu mezzanotte Cecilia fa un sospir,
il capitano l'abbraccia e un bacio gli vuoi dar:

«Ch'ha' tu, ch'ha' tu, Cecilia, che tu non puoi dormir?»
«Un brutto sogno l'ho fatto, che è morto il mio marì».

E la mattina all'alba si affaccia a lo balcon,
lo vede il suo marito col capo ciondolon.

«Grazia, signor capitano, lei me l'ha fatta, sì:
la mi ha tolto l'onore, la vita al mio marì».

Addio castel di paglia, castello fiorentin,
me l'hai tolto l'onore, la vita al mio marì.

Non vò più capitani, non voglio più marì:
son colla rocca e i' fuso, me ne vò stare così».

inviata da DonQuijote82 - 29/7/2011 - 17:13




Lingua: Italiano (Pugliese Salentino)

Versione salentina
Cecilia

E Cicilia va per mare,
e mo dinthru a nu vascellu,
e col suo visetto bellu,
faceva innamorar.

E senti, miu Capitano,
e na grazia ieu vorrei:
e scarcira miui maritu,
metti in prigione me.

E senti Cicilia bella,
e ci su Principi e Baroni,
ci su Principi e Baroni
che muoiono per te.

E ieu no' mboiu principi,
e mancu de baroni
e ieu voglio mio marito,
che in Chiesa mi portò.

E senti Cicilia bella,
e na cosa devi fare,
e per una notte sola,
vieni a dormir con me.

E senti mio Capitano,
quantu lu dicu a mio marito,
e se mio marito vuole,
ieu ritornerò da te.

E senti marito bello,
ce m'ha dittu lu Capitanu,
e na notte dormire con lui,
tu esci a libertà.

E senti Cicilia bella,
e fane come credi,
e ieu perderò la vita,
tu perderai l'onor.

E senti mio capitano,
e 'ggiusta dhru bel lettino,
e metti lenzuol de linu,
che andiamo a riposar.

E a mezzanotte a punto,
e Cicilia allu barcone,
e vedeva suo marito,
portare allu taglione.

E oh stelle de lu cielu,
e che giuste voi sarete,
e perchè non cascherete,
sopra l'ingannator.

E Cicilia va per mare,
e mo denthru a na barchetta,
e crida sempre vendetta,
sopra l'ingannator

inviata da DonQuijote82 - 22/10/2011 - 23:39




Lingua: Italiano

traduzione della versione salentina
Cecilia

Cecilia andava per mare,
navigando su un vascello,
e col suo bel visino,
faceva innamorare.

Ascoltami, o Capitano,
ti chiedo solo una grazia:
libera mio marito,
ed imprigiona me.

Ascolta, bella Cecilia,
ci sono principi e nobili,
che affascinati dalla tua bellezza,
non si danno pace.

Non desidero principi,
neanche altri nobili,
amo solo mio marito,
che si è sposato con me davanti a Dio.

Ascoltami bella Cecilia,
per ottenere ciò che chiedi,
giaci con me
per una notte sola.

Ascoltami, o Capitano,
ne parlo con mio marito
e, se lui acconsente,
ritornerò da te.

Ascolta, marito caro,
cosa mi ha proposto il Capitano,
se passerò una notte con lui,
tu potrai tornare in libertà.

Ascolta, bella Cecilia,
fa pure come credi,
ma io perderò la vita,
e tu perderai l'onore.

Ascolta, o Capitano,
acconcia un bel lettino,
con un lenzuolo di lino,
che andiamo a riposare.

A mezzanotte in punto
Cecilia si affacciò,
e vide suo marito
condotto al supplizio.

Oh stelle del cielo,
voi che siete giuste,
precipitate addosso
a chi mi ha ingannato.

Cecilia ora naviga
su una barchetta,
e va gridando vendetta
per l'uomo che l'ha tradita

inviata da DonQuijote82 - 22/10/2011 - 23:40




Lingua: Italiano (Pugliese Salentino)

Versione salentina dei Mascarimiri

Mi sciolgo li capelli e vado avanti pe li cancelli
e vado avanti pe li cancelli e pe chiedere la carità.

Senti bon capitano e na grazia voglio da te
pe scarcerare il mio Peppino e per carcerare a me.

Senti Cecilia bella e se vuoi il tuo Peppino
stare una notte a dormire con me e il tuo Peppino esce in libertà.

Senti bon capitano lo vado a dire al mio Peppino
li vado a dire tutto quanto e allora ritornerò.

Senti Peppino senti e ce m’ha dittu lu capitano
stare una notte dormire con lui e tu te ne esci in libertà.

Senti Cecilia bella e non credo che lo farai
ma se tu vuoi liberare a me e fai quello che ti piace a te.

Senti bon capitano e aggiustalo un bel lettino
e aggiustàlu bellu e fino che ci vengo a riposar.

A mezza notte in punto e Cecilia sospirava
e che hai bella Cecilia e che non mi fai riposar.

Tengo na piaga al petto e l’altra dal fianco al cuore
e l’altra dal fianco al cuore e che non mi fa riposar.

Alba non era fatta e Cecilia a lu balcone
e vedendo il suo Peppino e la testa a lu taglione.

Oh stella del cielo e mina un fulmine ingannatore
di mio marito hanno tolto la vita e di me m’hanno levato l’amore.

Cecilia cerca giustizia e cerca la sua ragione
e il mio Peppino è morto e anch’io a lu taglione.

inviata da dq82 - 21/6/2015 - 17:17




Lingua: Italiano (Laziale)

Versione laziale da Lineatrad

Nella nostra versione raccolta nel Lazio, Cecilia, proprio per l'omicidio, viene rinchiusa in una sezione del carcere femminile di Roma che si chiamava San Michele.
La povera Cecilia j'ha preso er su marito
je l'han messo 'npriggione, lo vonno fa morì

«Sarve sor capitano 'na grazia vo' da te»
«La grazia è beli'e fatta, vienghì a dormi co' me.»

«Grazie sor capitano, m'avete ben tradito;
a me tolto l'onore, la vita a mio marito»

«Zitta Cecilia zitta, nun dire male de me,
se nno le carceri scure, io te farò vede.»

«Si si le vojo vedere, si si le vederò.»
ecilia cava lo spillo, er capitan ammazzò.

Pija la rocca er fuso e mettete a fila',
la povera Cecilia, ar San Michele va.

inviata da DonQuijote82 - 1/3/2013 - 14:09




Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)

Versione proposta dal Ponentino Trio

Povera Cecija

La povera Cecija mo' piange il suo mari'
che sta nelle priggioni lo vonno ffa mori'
«Bondì sor capitano 'na grazia vo' da te»
«La grazia è bell'e fatta, vienghì a dormi co' me.»

Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor

Vacce Cecija mia, purché me libri a me
metti camicia bianca e fina lino fin
quanno fu mezzanotte Cecija andò a dormì
che c'hai Cecija che butti di soffrir

Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor

Quanno fu a la matina s'affaccia allo barcon
vede lo suo marito che stava a pendolon
infame capitano, m'avete ben tradito
a me leva' l'onore, la vita a mio mari'

Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor

Zitta Cecija zitta, nun dire male de me
sennò le carceri scure te faro vedere
«Si si le vojo vedere, si si le vederò.»
Cecija cava no spillo, er capitan ammazzò.

Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor

«Si si le vojo vedere, si si le vederò.»
Cecija cava no spillo, er capitan ammazzò.
Pija la rocca er fuso e mettete a fila',
la povera Cecilia, ar San Michele va.

Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor
Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor
Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor

inviata da DoNQuijote82 - 27/8/2013 - 12:48




Lingue: Italiano, Bulgaro

Versione della Takadum orchestra dall'album Addije (2015)

Ballata del dolor

La povera Cecija mo' piagne il suo mari'
che sta nelle priggioni lo vonno ffa mori'
«Bondì sor capitano 'na grazia vo' da te»
«La grazia è bell'e fatta, vienghì a dormi co' me.»

Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor

Corre Cecija corre, corre alla prigion
corre corre Cecija al suo gesto d'amor
vai pure non sta a pensa all'onor
sarva la vita levame de prigion

Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor

Quanno fu mezzanotte Cecija fa un sospir
"Cos'hai bella Cecija da non poter dormir?"
"Ho fatto un brtto sogno è morto 'l mio marì
se mio marito è morto, pur'io voglio morì"

Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor

Dormi Cecija dormi, dormi senza un sospir
nelle sue prigioni ritorna il tuo marì
Quanno fu a la matina Cecija allo barcon
vede lo suo marito che stava a pendolon

Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor

Zitta Cecija zitta, nun dire male de me
sennò le carceri scure io te faro vedere
«Si si le vojo vedere, si si le vederò.»
Cecija pija un cortello, er capitan ammazzò.

Ahi che dolor, ahi che dolor,
ahi che dolor nel mio cuor

[canto polifonico bulgaro]

inviata da dq82 - 22/9/2015 - 10:22




Lingua: Italiano (Calabrese)

Frammento di una versione calabrese raccolta a Palmi 1975

La maledizione finale di Cecilia:
Eu faciarrìa na fossa
triccentu metri funda
là dentro mentu a l'omani
così si strugge il mondo.

(Io farei una fossa
profonda trecento metri
là dentro metterei gli uomini
così si distrugge il genere umano.)

inviata da DoNQuijote82 - 1/3/2013 - 14:10




Lingua: Italiano

Altra versione

La povera Cecilia

La povera Cecilia, la povera Cecilia
C'ha perso il suo marito.
C'ha perso il suo marito, c'ha perso il suo marito che sta' carcerato a vita.
C'ha perso il suo marito, c'ha perso il suo marito che sta' carcerato a vita.

S'avvia pe' li cancelli, s'avvia pe' li cancelli
Co' la sua voce bella.
Co' la sua voce bella, co' la sua voce bella che chiamava il suo marito.
Co' la sua voce bella, co' la sua voce bella che chiamava il suo marito.

"Sient' sient', marito mio, sient' sient' marito mio
c'ha ritt''o capitano
"Se vuoi la libertade, se vuoi la libertade una notte a durmì cu mico -- "
Se vuoi la libertade, se vuoi la libertade una notte a durmì cu mico -- "

"Tu vacc'e torna presto, tu vacc'e torna presto,
levame da 'sti pene
Tu vacc'e torna presto, tu vacc'e torna presto, levamece da 'sti pene"
Tu vacc'e torna presto, tu vacc'e torna presto, levamece da 'sti pene"

Quanno fu la mezzanotte, quanno fu la mezzanotte,
Cecilia suspiraie
"Pecchè suspi' Cecilia, pecchè suspi' Cecilia, i' so' principe e barone!"
"Pecchè suspi' Cecilia, pecchè suspi' Cecilia, i' so' principe e barone!"

"Non vo' principe e né barone, non vo' principe e né barone
i' voglio il mio marito!
I' voglio il mio marito, i' voglio il mio marito ca lui è lu bene mio!"
I' voglio il mio marito, i' voglio il mio marito ca lui è lu bene mio!"

Quando fu a la matina, quando fu a la matina
Cecilia in fenestrina.
Cecilia in fenestrina, Cecilia in fenestrina e lu marito giustiziato.
Cecilia in fenestrina, Cecilia in fenestrina e lu marito giustiziato.

inviata da DoNQuijote82 - 1/3/2013 - 14:36




Lingua: Italiano

La versione proposta da Andrea Capezzuoli e Compagnia

L'è la povera Cecilia, lei la piange notte e dì
la g'ha el so marì in prigione, o si g'ha da fa morì

E la dai una giravolta, lei ritorna nel castel
la ricerca il Capitano, la riscontra il colonnel

o buondì signor Colonnello, una grazia m'ha da far
ho 'l mi marì in prigione, ... m'ha da liberar


O sì, sì cara Cecilia una grazia v'la farì
basta che voi venisti na notte a dormir con mi

O marì, mi car marito, per te la grazia l'è 'rivà
o se tu sarai contento, io ti voglio liberar

vatten vatten da me Cecilia, vatten pure al tu destin
che doman mattin bonora sarò morto e seppellì

E alla mattin bonora la Cecilia sul balcon
a vedere suo marito che facev il pendaglion

Quel balos del colonnello, l'è sta lu che m'ha tradì
se m'ha levà l'onore e la vita al me marì

inviata da dq82 - 13/6/2015 - 10:15


Versione siciliana de I Cariddi

DoNQuijote82 - 1/3/2013 - 14:41


Ciao DonQuijote82, bene hai fatto a inserire questa canzone come autonoma.
Alessandro, a suo tempo, ne aveva postata una versione in piemontese, con relativa traduzione, quasi che si trattasse di una Seven Curses in salsa nostrana.
E invece, come la canzone di Dylan si ispira alla settecentesca inglese Geordie [My Geordie Will Be Hanged In A Golden Chain] ma anche alla di certo altrettanto antica Anathea/Lazlo Feher, probabilmente di origine ungherese, ripresa nei primi anni 60 da Judy Collins, anche "Cecilia" ha ora giustamente una sua dignità autonoma, ad ulteriore conferma che in ogni angolo del mondo le vessazioni dei ricchi e dei potenti ispirano alle loro vittime le stesse parole.

Chiederei solo agli Admins di andare a ripescare la "Sisilia" postata a commento di Seven Curses e di inserirla qui.
Intanto Bartleby prova ad approfondire origini e versioni di "Anathea"...

Bartleby - 27/7/2011 - 10:14


DonQuijote82 - 29/7/2011 - 17:08


http://utenti.multimania.it/laltraitalia/Schede/Ballate/Cecilia.htm

Versioni:

- A na sun tre gentil dame (reg. di R. Leydi, Asti, 1964, inf. Teresa Viarengo Amerio)

- Cecilia i nelle carcere (racc. da Gian Luigi Arcari, 1964, Pellestrina, Venezia)

- La povera Cecilia (reg. del Gruppo Padano di Piadena, 1965, inf. Stella Miglio.)

- Vanne vanne Cecilia ("Vanne vanne Cecilia", vers. toscana)

- Storia della Cecilia ("La povera Cecilia", reg. di Caterina Bueno, Montepescali e Istia d'Ombrone, 1965, inf. Teresa Guidarelli)

Altre versioni in:

- Il cavaliere crudele (reg. orig. R. Leydi, Inverigo, Como, inf. Palma Facchetti)

- Il Canavese (reg. orig. R. Leydi e A. Vigliermo, Loranzé, Torino, 1971, inf. dieci voci maschili)

- Canti popolari del Lazio (reg. orig. Poggio Maiano, Rieti, inf. Italia Ranaldi)

- Minatori della Valtrompia (reg. orig. fam. Bregoli di Pezzaze)

- Le mondine di Villa Garibaldi (vers. mantovana)

- Giovanna Marini: Chiesa chiesa e otto canzoni popolari (vers. abruzzese)

- Roberto Balocco: Le nostre cansson

DonQuijote82 - 29/7/2011 - 17:14


Non è "strano" trovare una stessa canzone in tanti dialetti diversi, con alcune modificazioni per quanto riguardano le circostanze, ma assolutamente sovrapponibili per quanto riguarda la storia principale? Non mi risulta ci siano altre canzoni che abbiano così attraversato l'Italia da Nord a Sud.

DonQuijote82 - 25/10/2011 - 20:32


Vorrei vedere il video della versione "erano tre sorelle, c'erano tre sorelle; Cecilia era più bella, Cecilia era più bella; si mise a far l'amore.

Sotto la sua finestra, passava un capitano, Cecilia sospirava; che hai Cecilia bella che ti sospira il cuore...."

Per favore,la sto cercando da una vita. Grazie

Antonella Piliero - 7/5/2012 - 00:08


Su Lineatrad n. 14 pagg. 18-22 si può trovare un articolo approfondito su questa ballata

DoNQuijote82 - 1/3/2013 - 13:54


Finalmente ho trovato il testo che cantava mia nonna (1918) a mia madre e che mia madre (1945) mi ha sempre cantato fin da quando ero piccola (1968) e che ora canto alle mie due figlie (1999 e 2002) anche se tutte le parole non le ricordavo..........fantastico..........grazie a chi ha inserito il testo "c'erano tre sorelle...Cecilia era più bella...."............

Maria1968 - 3/11/2013 - 21:00


Le ultime 2 versioni quella piemontese e la sua traduzione erano già presenti, da integrare l'introduzione e casomai l'impaginazione.

Donquijote82 - 30/9/2014 - 20:01


Hai ragione DQ82, non me n'ero accorto.
Però nelle versioni già postate mancava il riferimento al Nigra e, soprattutto la traduzione italiana, manca totalmente della scansione delle strofe ("emistichii tronchi alternati coi piani", scrive Nigra, mica bruscolini!)

C'è da dire inoltre che il Nigra a Cecilia dedica ben 8 pagine, includendo diverse "lezioni", compresa una veneziana che mi pare qui manchi ancora...
Saluti

Bernart Bartleby - 1/10/2014 - 08:56




Lingua: Italiano (Emiliano piacentino)

Versione piacentina
O Cecilia, bella Cecilia
Ca pianziva a'l sò marì:
In parzòn i gh'l'han purtè
E i'l vurian fàgha' l murì.

Va Cecilia nelle carcere
A trovare 'l poer marì:
"Caro sposo e marito
Una cosa, una cosa ti vò dir"

V' è un giovin capitano
C' al vuriss durmì cun mì. --
-- Dòrmag pur, Cecilia bella,
Ma ca' al fagga grassia a mì! --

Quando vien la mezzanotte
La Cecilia trà un sospir
Fort ag vegna ìun màal ad coeur
La' s cardiva di morir.

A stanott am sum sugnè
Ch'im tachèva sù 'l marì --
-- Dormi ca ad' man mateina
Vadrì ancùr al vos marì.

L'è pur vegn ìa la matèina
La Cecilia s'è vestì
Guèrda fora 'd la finestra:
Tachè sù gh'era al marì!

Maladett al Capitano
Ch' al m'ha tradì cusì!
Te 't mè tolt anca l'onore
E la vita a mio marì

O Cecilia ,bella Cecilia
La cridava notte e dì
E l'è morta dal dolore
La seguì 'l so bràv marì.

inviata da Dq82 - 6/10/2016 - 17:12




Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)

La versione degli Ardecore da San Candoco (2010)
San Cadoco


Ardecore - La povera Cecilia

In questa versione, l'unica, il marito dissuade Cecilia dal sacrificarsi per lui.
La povera Cecija

La povera Cecija mo' piange il suo marì
che sta nelle priggioni, non lo pò ffa sortì
«Ascolta sor capitano 'na grazia vo' da te»
«La grazia ti sia fatta, se dormirai co' me.»

Su su marito mio, che ce so io per te
dormo col capitano, sarvo la vita a te
no no Cecilia mia, tu lassa fare a me
lassa che mora io, salvando l'onore a te

Ma ecco la Cecija che se ne va a dormì
co la camicia bianca e vestita da jolie
quanno fu a mezzanotte Cecija fa un sospir
che hai bella Cecija perché non puoi dormir

Alla mattina s'alza e appena s'affacciò
lei vide che il marito lì stava a pendolon
infame capitano, stanotte mi tradì
levato m'hai l'onore, la vita a mio mari'

Ahi che dolor, ahi che dolor, nel mio cuor
ahi che dolor, ahi che dolor, ahi che dolor, nel mio cuor

Cecija mia sta zitta, e lassa fare a me
principi e cavalieri faranno onore a te
fuggi da me lontano e nun me parlà così
è morto lo mio amore, e pur'io voglio morir

Ahi che dolor, ahi che dolor, nel mio cuor
ahi che dolor, ahi che dolor, ahi che dolor, nel mio cuor

inviata da dq82 - 6/2/2017 - 19:41


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org