Lingua   


Lista delle versioni e commenti

Guarda il video



La sera apro la porta:


Altri video...


Ti può interessare anche...

Disamistade
(Fabrizio De André)
Βράχο βράχο
(Mikis Theodorakis / Mίκης Θεοδωράκης)
Vasilis Papakonstandinou/Βασίλης Παπακωνσταντίνου: Επίλογος
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


Ta Lyriká
theodypografi
Στίχοι: Τάσος Λειβαδίτης
Μουσική: Μίκης Θεοδωράκης
Πρώτη εκτέλεση: Μίκης Θεοδωράκης
Άλλες ερμηνείες: Άλκηστις Πρωτοψάλτη
Τα Λυρικά - 1978

Testi di Tasos Livaditis
Musica di Mikis Theodorakis
Prima esecuzione di Mikis Theodorakis
Altre interpretazioni: Alkistis Protopsalti
Τα Λυρικά - 1978

Αναστάσιος Παντελέημων Λειβαδίτης.
Αναστάσιος Παντελέημων Λειβαδίτης.

Scrisse Tasos Livaditis, autore dei bellissimi versi di questa raccolta intitolata "Ta Lyrikà": «Ω απέραντη νοσταλγία για κάτι που πότε δεν ζήσαμε κι όμως αυτό υπήρξε όλη η ζωή μας...» (O infinita nostalgia per qualcosa che non vivemmo mai e che costituì tuttavia la nostra intera vita...). Una frase che compendia il poeta, il quale diede anima e corpo a un ideale irrealizzabile dalla sua generazione. Una nostalgia che intride queste meravigliose canzoni che nacquero sulla tastiera di Mikis Theodorakis nel 1976, quando, sentendosi ormai «esiliato» nella patria da non molto tempo riscattata dalla dittatura ma già avviata ad altre forme di decadimento, ritrovava, nella nostalgia dolente dell'amico e del compagno di una vita, l'identico, struggente sentimento che lui stesso provava. Lo sguardo del poeta coglie più aspetti di questa nostalgia, ma - dolendomi anch'io per l'omissione di alcuni pezzi di straordinaria intensità - propongo qui, del LP "Ta Lyrikà", solo quelli che più si sintonizzano con AWS. Sono quelli in cui lo sguardo va alle lotte sostenute, ai compagni perduti, alle passioni bruciate un'intera generazione. La musica è di un greco e, naturalmente, è greca: ma non vi sentirete gli strumenti che vi aspettate. Qui ci sono il violoncello e il contrabbasso, a incupire i suoni più chiari del pianoforte e della chitarra. Il dolore, qui, è sovrano: e prenderà anche voi, se ascolterete. La voce è quella dello stesso Theodorakis. Altre illustri interpretazioni vennero dopo, a cominciare da quella della nostra Milva (alla quale, avendo letto che non sta bene e che si ritira, mando un saluto pieno di gratitudine), e poi da Alkistis Protopsalti, Maria Farandouri, Grigoris Bithikotsis, ecc. Ma io credo che nessuno sia riuscito ad essere una cosa sola con il suo poeta come è qui il musicista e l'interprete riuniti nella stessa persona. Sfortunatamente non ho trovato tutti brani, da far sentire.
Anastasios (Tasos) Pandeleimon Livaditis nacque ad Atene nel 1922, dove morì nel 1988. Si guardi la data di nascita, e si capirà subito che alla sua generazione toccò di invecchiare assai presto. Nel 1946 Livaditis esordì sulla rivista "Libere Lettere". Nel 1948 fu arrestato e confinato a Moudros, poi a Makronissos, poi ad Ai Stratis, infine nelle carceri Hatzikostas di Atene. Quasi le stesse stazioni del calvario di Yannis Ritsos. Liberato nel 1951, ricominciò a pubblicare, ma alcuni scritti, soprattutto quelli dal titolo "Soffia il vento nei crocicchi del mondo" e "Battaglia sul far della notte", gli procurarono censure e processi per sovversione. Lavorò per il giornale "Avghì. Come in Grecia è accaduto a molti altri poeti, anche Livaditis ebbe musicate diverse decine di liriche dai musicisti della sua generazione. Il più importante resta, tuttavia, Mikis Theodorakis, per il quale scrisse, tra le altre, l'intramontabile "Drapetsona". [gpt]
Τάσου Λειβαδίτη
ΤΑ ΛΥΡΙΚΑ
Μίκη Θεοδωράκη


lyrika


1. Την πόρτα ανοίγω το βράδυ



Την πόρτα ανοίγω το βράδυ,
τη λάμπα κρατώ ψηλά,
να δούνε της γης οι θλιμμένοι,
να ’ρθούνε, να βρουν συντροφιά.

Να βρούνε στρωμένο τραπέζι,
σταμνί για να πιει ο καημός
κι ανάμεσά μας θα στέκει
ο πόνος, του κόσμου αδερφός.

Να βρούνε γωνιά ν’ ακουμπήσουν,
σκαμνί για να κάτσει ο τυφλός
κι εκεί καθώς θα μιλάμε
θα ’ρθει συντροφιά κι ο Χριστός.

2. Χαθήκανε τόσο νωρίς



Χαθήκανε τόσο νωρίς
μικραδέρφια της βροχής
επτά φορές κι αν σκοτωθούν
δεκαεφτά θ' αναστηθούν.

Γενιά μου δάκρυ και καημός
εμπρός σημαία και Χριστός
τροφή στη λησμονιά
το αίμα σας, καλά παιδιά,
και τώρα και ξανά.

Χαμένη γενιά τραγουδάς.
Χαμένη γενιά πού με πας;

3. Στο κατώφλι των καιρών



Στο κατώφλι των καιρών
γνέθουν οι μητέρες την ελπίδα,
και πριν γνωρίσουν τα φιλιά
φεύγουν τα παιδιά
και γίνονται άντρες στα βουνά
και τα κορίτσια π' αγαπούν
τη Γκουέρνικα κεντούν.

Άγια είναι η λευτεριά
κι ο καημός του κόσμου σημαία πλατιά
τη σκιά χαιρετά του Τσε Γκουεβάρα.
Είναι ο δρόμος μακρινός
πάμε για τη μάχη
κι ίσως νά 'σαι, μάνα,
αύριο μονάχη

4. Μια μέρα θα στο πω



Μια μέρα θα στο πω
το μαύρο παραμύθι εκείνο,
το μαύρο μυστικό
που κλαίει μες στ' άσπρο κρίνο.
Κι ω! τότε, τότε...

Ποιος είναι μη ρωτάς
αυτός που στέκει εκεί στη δύση,
πολύ να μ' αγαπάς
αυτός θα μας χωρίσει.
Κι ω! τότε, τότε...

5. 'Ηταν κάποτε δυο φίλοι



Ήταν κάποτε δυο φίλοι
σαν αρχάγγελοι κι οι δυο
κι απ' των κοριτσιών τα χείλη
εθερίζαν τον ανθό.

Τέτοια λεβεντιά δεν ξανάδαν πια
με τα όνειρά τους υψώναν κάστρα
σε δώδεκα χωριά.

Κι όταν άνοιξ' η πατρίδα
τις σημαίες της πλατιά
και οι δυο για την ελπίδα
σκοτωθήκαν στα βουνά.

Μα κάθε βραδιά όρθιοι στην πλαγιά
με το θάνατό τους υψώνουν κάστρα
αρχάγγελοι ξανά.

6. Εκίνησαν και πάνε



Εκίνησαν και πάνε
σε δρόμο μακρινό
στο αίμα τους κρατάνε
της γης το στεναγμό.
Ο θάνατος τους προσμένει
στου δρόμου τη στροφή
μα πλάι τους πηγαίνει
σαν ίσκιος μια προσευχή.

Παιδιά του καημού και της νύχτας
ψωμί και πικρό νερό
στρατί χωρίς γυρισμό
καημός χωρίς στεναγμό
που πάτε, παιδιά δε ρωτώ
μα κι εγώ κοντα στον σταυρό και στα πουλιά
ένα βράδυ θά 'ρθω
τον χαμένο καιρό
να τραγουδήσω.

7. Θυμήσου τον Μανωλιό



Θυμήσου τον Μανωλιό που στο σχολειό
φορούσε αρβύλες ξένες, νούμερα δυο
ξερό ψωμί στη βροχή
και που θα βγει.

Θυμήσου τον Μανωλιό
ο πρώτος που ανέβει αντάρτης
βρήκε βόλι πικρό
αχ, Φλεβάρη καιρό,
και πια δεν μας ξανάρθε ο Μάρτης.

Θυμήσου και τον Θωμά
που τα μυαλά τά 'χει χαμένα λίγο
και στα βουνά την Παναγιά
στο χιονιά είδε συχνά.

Θυμήσου και τον Θωμά
δυο τρένα καίει και πάει
σ' όλα πλάι τα χωριά
είδαν την Παναγιά
την είδαν να περνάει.

8. Μες στο πλήθος



Μες στο πλήθος
ποιος να προσέξει τον Χριστό
και ποιος να δει πως στην άλλη γωνιά
σπίρτα πουλά μες στο χιονιά.

Και τη νύχτα εκεί στη γωνιά
βάζει στα σπίρτα του φωτιά
και τότε απλώνει ως πέρα μακριά
σαν τη φωτιά η λευτεριά.

Και τη νύχτα εκεί στη γωνιά
βάζει στα ρούχα του φωτιά
και τότε απλώνει ως πέρα μακριά
σαν τη φωτιά η Λευτεριά.

9. Μοιρολόι της βροχής



Μοιρολόι της βροχής
βράδυ Κυριακής,
πού πηγαίνεις μοναχός
ούτε πόρτα να μπεις,
πέτρα να σταθείς
κι όπου πας, χλωμό παιδί,
ο καημός σου στη γωνιά
σε καρτερεί.

Παλικάρι χλωμό
μες στο καπηλειό
απομείναμε οι δυο μας,
ο καημός σου βραχνάς
πάψε να πονάς
η ζωή γοργά περνά
δυο κρασιά, δυο στεναγμοί
κι έχε γεια.

Παλικάρι χλωμό
σ' ηύρανε νεκρό
στο παλιό σταυροδρόμι,
μοιρολόι η βροχή
μαύρα π' αντηχεί
στο καλό, χλωμό παιδί,
σαν τη μάγισσα
σε πήρε η Κυριακή.

10. Του κόσμου δρόμοι σκοτεινοί



Του κόσμου δρόμοι σκοτεινοί
μπροστά στην πόρτα μας περνάνε
της νύχτας παιδιά μες στη φωτιά
κινούν και πάνε.

Φυλαχτό κρατούν ένα άστρο, δυο φιλιά,
και τ βόλι ας έρθει στην καρδιά.
Σημαίες στο βάθος προχωρούν,
φεύγω, μάνα, έχε γεια - έχε γεια.

Κι αν στη μάχη πέσω, μην ξεχνάς,
γνέθε, μάνα, σα να πολεμάς.

inviata da GIan Piero Testa - 20/11/2010 - 15:25



Lingua: Italiano

Gian Piero Testa.
Gian Piero Testa.

Versione italiana di Gian Piero Testa

Anastasios Pandeleimon Livaditis.
Anastasios Pandeleimon Livaditis.
Tasos Livaditis
LE LIRICHE
Mikis Theodorakis


lyrika


1. La sera apro la porta


La sera apro la porta
tengo alto il lume
che lo vedano i sofferenti della terra
e vengano a trovare compagnia

Che trovino una tavola pronta
una brocca dove la pena beva
e in mezzo a noi starà
il dolore, fratello del mondo

Che trovino un angolo dove appoggiarsi
uno sgabello dove sieda il cieco
e lì quando cominceremo a parlare
verrà anche Cristo a farci compagnia

2. Troppo presto si son persi


Troppo presto si son persi
fratellini della pioggia
ma se anche li ammazzano sette volte
diciassette risorgeranno.

Generazione mia lacrime e dolore
in testa bandiere e Cristo
nutrimento dell'oblio
è il vostro sangue, bravi ragazzi
ora e ancora.

Generazione perduta tu canti
Generazione perduta dove mi porti?

3. Sulla soglia delle tempeste


Sulla soglia delle tempeste
generano le madri la speranza,
e prima di conoscere i baci
se ne vanno i ragazzi
e si fanno uomini sui monti
e le ragazze che amano
ricamano Guernica.

Santa è la libertà
e il dolore del mondo, larga bandiera
saluta l'ombra del Che Guevara.
E' lunga la strada
andiamo alla battaglia
e domani dovrai, mamma
forse restare sola.

4. Un giorno te la narrerò


Un giorno te la narrerò
quella favola nera,
il nero segreto
che piange tra i bianchi gigli..
Ahimè, allora allora...

Non chiedere chi è
quello che sta lì ad occidente,
molto mi devi amare
quello lì ci separerà.
Ahimè, allora allora...

5. C'erano una volta due amici


C'erano una volta due amici
tutt'e due come arcangeli
e dalle labbra delle ragazze
coglievano il fiore.

Baldi giovani così non se n'erano visti mai
coi loro sogni erigevano fortezze
in dodici villaggi.

E quando la patria spiegò
in lungo e in largo le sue bandiere
anche quei due per la speranza
furono uccisi sui monti.

Ma ogni sera ritti sul pendìo
con la loro morte erigono fortezze
arcangeli di nuovo.

6. Ecco, se ne sono andati


Ecco se ne sono andati
su una lontana strada
trattengono nel sangue loro
il sospiro della terra.
La morte li sta aspettando
alla svolta della strada
ma cammina accanto a loro
come un'ombra una preghiera.

Figli della notte e del dolore
pane e acqua amari
strada senza ritorno
dolore senza sospiro
dove andate, ragazzi non vi chiedo
ma io accanto alla croce e agli uccelli
arriverò una sera
una sera per cantare
il tempo che si è perduto.

7. Ricorda Manoliòs


Ricorda Manoliòs il quale a scuola
portava babbucce strane, numero due
pane secco sotto la pioggia
e chissà come farà.

Ricordati di Manoliòs
il primo a partire ribelle
incontrò una pallottola amara
ah, tempaccio di Febbraio
e più non ci tornò Marzo.

Ricorda anche Thomàs
che non aveva le rotelle a posto
e che sui monti se nevicava
spesso vide la Madonna.

Ricordati di Thomàs
dà fuoco a due treni e ci resta
in tutti i villaggi intorno
videro la Madonna
la videro mentre passava.

8. Dentro la folla


Dentro la folla
chi ci riesce a badare a Cristo
chi ce la fa a vedere che sull'altro angolo
vende fiammiferi sotto la neve.

E di notte là sull'angolo
ai suoi fiammiferi dà fuoco
si estende allora più in là lontano
come un incendio la libertà.

E di notte là sull'angolo
anche ai vestiti si appicca fuoco
si estende allora più in là lontano
come un incendio la Libertà.

9. Canto funebre della pioggia


Canto funebre della pioggia
di Domenica sera,
dove vai tutto solo,
non varcare nemmeno una porta
sta' lì come un sasso
ché ovunque tu vada, pallido ragazzo
il tuo dolore ti aspetta
dietro l'angolo.

Pallido valoroso
dentro la taverna
restammo noi due,
il tuo dolore è perfido,
smettila di soffrire
la vita passa veloce
due sorsi di vino, due sospiri
e addio.

Pallido valoroso
ti trovarono morto
al vecchio crocicchio,
canto funebre della pioggia
che tiene a bada il lutto
buon viaggio, ragazzo triste
come la strega
ti rapì quella Domenica.

10. Oscure strade del mondo


Oscure strade del mondo
passano davanti alla nostra porta
ragazzi della notte dentro il fuoco
si muovono e vanno.

Per amuleto portano una stella, due baci
e che la palla arrivi pure al cuore.
Sullo sfondo avanzano bandiere
anch'io vado, mamma, addio addio.

E se cadessi in battaglia, non scordarlo
fa' figli, mamma, è il tuo combattimento.

inviata da Gian Piero Testa - 20/11/2010 - 15:55


E' sparita una delle canzoni. Ma anche le le libere canzoni sono come i combattenti della libertà : επτά φορές κι αν σκοτωθούν
δεκαεφτά θ' αναστηθούν - se anche le ammazzano diciassette volte, diciassette risorgeranno. E, infatti, ecco di nuovo qui "La sera apro la porta":

Gian Piero Testa - 23/1/2012 - 00:43


Proseguendo col mio...diario di bordo nel Mar di Theodorakis (Θεοδωράκιος Πόντος, Theodoracius Pontus), devo dire che questa doveva essere proprio la pagina delle sparizioni. Era infatti svanito nel nulla il testo greco di Εκίνησαν και πἀνε, probabilmente a causa del sottoscritto durante la costruzione della "paginona". E' stato restaurato grazie a Stixoi (che, più che un oceano, è la Fossa delle Marianne, l'Abisso delle Curili della canzone greca...)

Riccardo Venturi - 5/6/2012 - 00:06


Bastava chiederlo a me: se vuoi possiamo postare anche le altre del disco, che timidamente avevo omesso, perché "fuori tema". Basta che mi dica "εν τάξει", e lo completiamo.

Gian Piero Testa - 5/6/2012 - 00:41


A proposito di stixoi.info, ieri ho fatto lo σπιούνος . Ho avvertito gli admin che un tale stava mandando traduzioni in italiano tradotte ...a macchina, con risultati insensati e/o esilaranti. Il giorno dopo quelle traduzioni, ancora in lista di attesa, sono sparite: ma del medesimo ne restano altre in francese e in inglese, su cui non metto becco, anche se sospetto che siano impresentabili. Ecco, a stixoi può collaborare uno come me, che magari sbaglia, ma dopo avere consultato il Babiniotis, il Triandafillidi, il piccolo ma ottimo Koutrolikou, e poi un dizionario greco-francese e un altro greco-inglese, e ora anche il Papazahariou per la lingua ipodemotica, e che magari telefona a Thanassis, a Mihalis, a Yorgos per venire a capo di un dubbio; e chi invece sbatte tutto nel traduttore automatico e come la va, la va. Sarà un sito molto democratico, stixoi: ma bisogna andarci piano e non prendere tutto per buono, perché quei poveri greci controllano sì, ma non possono capire tutte le lingue del mondo. A meno di offrirgli il nostro Riccardo come supervisore...

Gian Piero Testa - 5/6/2012 - 00:57


Per quanto riguarda Stixoi, io mi baso su un principio diciamo "empirico" quando prendo delle traduzioni. Lo spiego in due parole: io conosco il finlandese a livello del tutto elementare, comunque non certamente sufficiente ad apprezzare la correttezza o meno di una traduzione. Però se una canzone greca l'ha tradotta "Markus Torssonen", direi che posso andare relativamente sul sicuro. Se invece, poniamo, l'ha tradotta in finlandese Eleftherios Karageorgiou qualche dubbio ce l'ho. Naturalmente non si può mai sapere; nessuno mi può dire se Eleftherios Karageorgiou sia uno che fa come l'amicaccio che traduce a macchina, oppure sia un greco che vive da quarant'anni a Helsinki. Comunque, questo è un problema generale che riguarda questo sito, e tutti gli altri come questo. Forse, è vero, noialtri ci abbiamo la "variante impazzita" rappresentata...dal sottoscritto, ma il sottoscritto è un feroce nemico dell'infallibilità papale e, quindi, figuriamoci se la reclama per se stesso. A dire il vero, qualche tentativo di "traduzione automatica" lo abbiamo avuto anche noi; mi ricordo di un ragazzino (dico ragazzino perché si firmava con un "nickname" contenente l'anno '93, che allora significava 16 anni) che mandò una traduzione in inglese di non mi ricordo più quale canzone, fatta palesemente col traduttore di Google (e fu "catechizzato" alla svelta). Altro caso rimasto famoso è la prima "traduzione in hindi" dell'Internazionale, che risultò essere un pezzo di un articolo di giornale (poi ne è stata reperita una autentica e certificata). E in hindi non c'è Riccardino che tenga, manco so leggere l'alfabeto.

Riccardo Venturi - 5/6/2012 - 06:53



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org