Lingua   

Mo' che pure

Silvano Spinetti
Lingua: Italiano (Laziale Romanesco)



Ti può interessare anche...

Serenata silenziosa
(Alessandro Mannarino)
Gira e fai la rota
(anonimo)


Proveniente dal durissimo dopoguerra romano, questo testo deve essere cantato sull'aria della notissima canzone napoletana "Chi ha avuto ha avuto, scurdammoc' 'o passat'".
Il testo è ripreso dal nostro "sito fratello" Il Deposito-canzoni di lotta.

Composta intorno al 1950 dal bracciante Silvano Spinetti, detto Cicala, di Genzano (Roma), militante di base del PCI. Registrata da Sandro Portelli, è entrata nel repertorio del Canzoniere del Lazio.
(Nota tratta da "Canzoni italiane di protesta - 1794/1974 - Dalla Rivoluzione Francese alla repressione cilena", a cura di Giuseppe Vettori, Paperbacks poeti/26, Newton Compton Editori, 1974) [Alessandro]
Mo' che pure chist'americani
che come li cani ce vonno trattà
e ce chiamino fratelli
pe' 'na zuppa de piselli
che ci hanno fatto magnà,
e la carne quann'è congelata
che j'è rivanzata la mannino qua

Ce sfàmino davero, lo dice pure er clero
che senza 'sti fetenti qua in Italia se po stà;
e prima ci hanno oppressi, poi ci hanno fatto fessi,
e mo' vanno dicenno ci hanno dato la libbertà.

Ma la gente nun crede più a niente
perchè se n'avvede ch'è 'n brutto campà,
li governi stanno fermi,
fanno solo discussioni
pe' qua' piano organizzà;
fino ad oggi vediamo i vantaggi
con il patto atlantico e il piano Marshàll.

Ma qualcuno se sbaja si vo rifà la guera
perchè stavorta unito tutto er popolo dirà:
Si 'a guerra vui a vulite, 'a guerra v'a facite,
a noi non ce fregate perchè ci avete fregato già

inviata da Riccardo Venturi - 22/9/2005 - 23:38



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org