Lingua   

The Emperor in his War-Room

Van Der Graaf Generator
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Afterwards
(Van Der Graaf Generator)
Arrow
(Van Der Graaf Generator)
Fed To The Wolves
(Peter Hammill)


[1970]
Written by Peter Hammill
Scritta da Peter Hammill
Album "H to He, Who Am the Only One"

Peter Hammill, 2014.
Peter Hammill, 2014.


..."Ne è subito un esempio “The Emperor in His War Room”, un susseguirsi di immagini cruente e vividissime, fortemente poetiche, che descrivono una delle figure più ricorrenti nella poetica di Hammill, l’Imperatore, che rappresenta l’individuo che raggiunge il potere sacrificando gli affetti delle persone care (ancora una volta la metafora usata è quella dell’omicidio) al prezzo poi di essere perseguitato per tutta la vita dal rimorso. Musicalmente il pezzo connubia l’aggressività di “Killer” e la dolcezza di “House With No Door”, interpretati parimenti dal camaleontico sax di Jackson, vera e propria seconda voce dei Van Der Graaf, che ci regala in quest’occasione uno dei suoi migliori assoli. Fra prima parte e la seconda c’è anche lo spazio per l’intervento dell’inconfondibile chitarra di mastro Fripp, che guida poi un altro spettacolare intermezzo strumentale.
Viene quindi svelata anche la metafora di questo brano: la “camera”, dove l’imperatore si ritira, al sicuro dal mondo esterno ma non dai suoi pensieri, viene quindi a rappresentare lo stato d’animo di questo tipo di persone, continuamente ossessionati dal ricordo delle occasioni perse, e consapevoli della fine ineluttabile, che loro sanno li coglierà dolorosamente e in totale solitudine, e che cancellerà per sempre la sua ricchezza e la sua fama. Nella scena finale, dove l’imperatore già si prefigura gli assassini risalire il balcone per porre fine alla sua vita, denaro e potere mostrano tutta la loro vanità e pericolosità per l’uomo. Quello che sembra dire il poeta è che i veri obiettivi per l’uomo devono essere altri." - Recensione di Starless da rockprogressive.it
The Emperor


Standing in the space that holds the silent lace of night away from you
You think that you can hold the searing, molten gold between your fingers
but it slips through, tearing tendons as it goes,
exposing the white of a knuckle:
flesh-and-metal forming letters in the mould.

Cradling your gun, after choosing the ones you think should die;
lying on the hill, crawling over the windowsill into your living-room
They stare out, glass-eyed aimless heads, bodies torn by vultures.
You are the man whose hands are rank with the smell of death.

Saviour of the Fallen, Protector of the Weak,
Friend of the Tall Ones, Keeper of the Peace!
Ah, but it is the only way you know.

Looking out to sea, a flattened plane of weeds which bear no living
You crush life in your fist as your heart is kissed by the lips of death
Ghosts betray you, ghosts betray you,
in the night they steal your eye from its socket
and the ball hangs fallen on your cheek.
Complaining tongues are stilled;
a thousand mouths are filled with rusting metal.
Your face a shade of green,somehow you try to speak
through all the garbage in your mouth
but it won't come out and you cannot frame the words
as your stepson throws your fame into the flames
and you are burned.

Saviour of the Fallen, Protector of the Weak,
Friend of the Tall Ones, Keeper of the Peace!
Ah, but it is the only way you know.

The Room


Live by sword and you shall die so,
all your power shall come to nought,
every life you take is part of your own:
death, not power, is what you've bought.

Cringing in your room as the outriders of doom step on the threshold;
begging for your life as the impartial knife
sinks in your screaming flesh
without malice, merely taking murder's toll.
You must pay the price of hate and that price is your soul.

Live in peace or die forever in your war-room.

inviata da Alessandro - 2/2/2010 - 09:47



Lingua: Italiano

Taduzione italiana contribuita senza firma
L’IMPERATORE NELLA SUA SALA DI GUERRA

(I) L'Imperatore

In piedi nello spazio che contiene il silenzioso pizzo della notte
lontano da voi

Pensi che si possa stringere del bruciante, oro fuso tra le dita
Ma quello scivola via, strappando tendini mentre va,
esponendo il bianco di una nocca ...
in carne e metallo formando lettere nello stampo.

Cullando la tua pistola, dopo aver scelto quelli che tu pensi debbano morire -
Sdraiato sulla collina ... strisciando dal davanzale fino in soggiorno
Essi fissano fuori, inutili teste occhialute ,
corpi lacerati dagli avvoltoi ...
tu sei l'uomo le cui mani classificano con l'odore della morte.
Salvatore dei Caduti, Protettore dei Deboli,
Amico degli Alti, Custode della Pace ...
Ah, ma è l'unico modo per sapere .....

Guardando verso il mare, un piano appiattito di erbacce che non sostentano alcuna creatura
Tu schiacci la vita nel tuo pugno così come il tuo cuore è baciato dalle labbra della morte,
I fantasmi ti tradiscono, i fantasmi si tradiscono,
di notte rubano l'occhio
dall’orbita ....
e il bulbo rimane pendente sulla tua guancia.
Le lingue lamentose si sono acquietate ; un migliaio di bocche sono piene
di metallo arrugginito.
Il tuo viso una sfumatura di verde, in qualche modo provi a parlare attraverso tutta la spazzatura nella tua bocca
Ma niente uscirà e non potrai inquadrare le parole
come il tuo figliastro
getta la tua fama tra le fiamme e sarai bruciato.
Salvatore dei Caduti, Protettore dei deboli,
Amico degli Alti, Custode della Pace.
Ah, ma è l'unico modo per sapere ..........

(II) La Stanza

Vivi per la spada e così morrai,
Tutto il tuo potere sarà ridotto a niente,
ogni vita che prendi fa parte della tua,
la morte, non il potere, è ciò che hai comprato.

Strisciando nella tua camera come la sentinella di passo sventura
sulla tua soglia;

Mendicando per la tua vita, come un coltello imparziale che si immerge nella carne urlante ...
senza malizia, semplicemente incassando il pedaggio dell’omicidio,
tu devi pagare il prezzo dell’odio, ed il prezzo è
la tua anima ....

Vivi in pace o muori, per sempre nella tua sala della guerra.

22/10/2019 - 15:15



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org