Language   

Mi mettu o suli

Francesca Incudine
Language: Sicilian


List of versions


Related Songs

Carzari Vicaria
(Anonymous)
Il silenzio della colomba
(Pooh)
Italia talìa
(Mario Incudine)


da Iettavuci (2013), album d'esordio di Francesca Incudine
Testo e musica di Mario Incudine
con il quartetto d'archi "Dammen Quartet" arrangiato da Antonio Putzu

Iettavuci

Il testo è corretto ci è stato inviato dalla stessa Francesca Incudine che ringraziamo.

 Francesca Incudine


Mario Incudine, con la sensibilità che lo contraddistingue, ha scritto per te Mi mettu o suli, canzone che affronta la scottante e attuale tematica della violenza domestica sulle donne.

Misurarmi con una tematica come questa non è stato per niente facile, credo che si possa solo compartecipare ad un dolore così forte e tentare di raccontarlo con il giusto rispetto. Il fatto che il brano sia stato scritto da un uomo credo che faccia acquisire al testo maggior valore; è un canto di liberazione che racchiude un messaggio positivo, vuole essere da sprone per coloro che subiscono violenza, sia essa psicologica o fisica e alla fine la protagonista trova il coraggio di mettersi al sole e mostrare le ferite nascoste dietro gli occhiali.

“Iettavuci”, l’album d’esordio di Francesca Incudine
Occhiali niuri e sciarpa ‘nta stati
manichi longhi pp’ammucciari i firiti.
Vucca cusuta e capiddi attaccati
portu la cruci ppi scuntari i piccati.

Mi spusavu pp’amuri ancora carusa
ccu bicchera, cuperti e linzola di sita,
mi sinteva ddu jornu ‘a rigina da casa
‘nta li frazza di l’omu di la me vita,
ma sti mura ogni jornu sunnu la me galera,
nun mi senti mai nuddu quannu chianciu sula,
s’astutau dda vuci ca prima cantava
nun è chissa la vita ca sunnava e vuleva.

Ma ‘a duminica a missa, vistuti puliti,
ammenzu a genti cuntenti, ccu saluti e risati
ccu li lacrimi sutta l’ucchiali c’aggiustu ‘a cammisa,
a braccettu di l’omu ca è ‘u vantu di la me casa.

Ma oggi mi levu l’occhiali e mi mettu ‘o suli,
mi mettu ‘nto coddu collani e mi mettu ‘o suli,
mi mettu arricchina e bracciali e ammenzu e capiddi nu ciuri,
rossettu, colonia e profumu e mi mettu ‘o suli,
ca ‘o scuru su corpi ‘i vastuni, ‘o scuru si mori.

Ma oggi mi levu l’occhiali e mi mettu a ballari,
taliatimi ora ‘ntra l’occhi e putiti capiri,
quantu duluri ammucciavu ‘nta lu me cori
pp’amuri de figgghi, pp’amuri e ppi scantu ‘i parlari,
ca suli un c’è nenti cchi fari cu un parla già mori,
ca suli un c’è nenti cchi fari cu un parla già mori.

E ogni sira ca sentu la chiavi intra lu purtuni
calu ‘a testa e cchi ‘i manu ‘nta l’occhi
m’accuminciu a parari,
ca ogni biccheri di vinu è ‘na spina ‘nto cori,
intra ogni biccheri di vinu a picca, a picca si mori.

E ogni sira ca sentu la chiavi intra lu purtuni
calu ‘a testa e cchi ‘i manu ‘nta l’occhi
m’accuminciu a parari,
ca ogni biccheri di vinu è ‘na spina ‘nto cori,
intra ogni biccheri di vinu a picca, a picca si mori.

Ma oggi li levu l’occhiali e mi mettu ‘o suli,
mi mettu ‘nto coddu collani e mi mettu ‘o suli,
mi mettu arricchina e bracciali e ammenzu e capiddi nu ciuri,
rossettu, colonia e profumu e mi mettu ‘o suli,
ca ‘o scuru su corpi ‘i vastuni, ‘o scuru si mori.

Ma oggi mi levu l’occhiali e mi mettu a ballari,
taliatimi ora ‘ntra l’occhi e putiti capiri,
quantu duluri ammucciavu ‘nta lu me cori
pp’amuri de figgghi, pp’amuri e ppi scantu ‘i parlari,
ca suli un c’è nenti cchi fari cu un parla già mori,
ma oggi iu vogghiu parlari e un mi scantu ‘i muriri…

2022/1/29 - 00:49



Language: Italian

Traduzione italiana / Traduzzioni taliana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös:
Riccardo Gullotta

NdT: Il testo è stato debitamente revisionato. Una precisazione accessoria: in realtà non tutto era sfuggito, alcuni passaggi erano stati resi liberamente per rendere scorrevole la lettura in italiano. In pochi punti ho ritenuto opportuno confermare la traduzione precedente ad evitare un italiano alquanto abborracciato.
Seguono alcune note a mo' d'esempio.
Non ho minimamente variato la punteggiatura del testo originale, anche se il testo avrebbe potuto beneficiare di qualche lieve intervento.
Un saluto alla compaesana Francesca e al fratello Mario, ad majora.
MI METTO AL SOLE

Occhiali neri e sciarpa [1] in estate
maniche lunghe per nascondere i lividi
Bocca cucita [2], i capelli raccolti
porto la croce come se dovessi scontare dei peccati.

Mi sposai per amore che ero ancora ragazza
Bicchieri, coperte, lenzuola di seta,
in quel giorno mi sentii la regina della casa,
tra le braccia dell’uomo della mia vita,
ma queste mura giorno dopo giorno [3] sono il mio carcere
Nessuno mi sta ad ascoltare quando piango sola,
si è spenta quella voce che prima cantava
non è questa la vita che avevo sognato e desiderato.

Ma domenica a messa vestiti con eleganza,
tra gente contenta, saluti e sorrisi
con le lacrime nascoste dagli occhiali gli sistemo la camicia,
a braccetto dell’uomo che è l’orgoglio della mia casa.

Ma oggi mi tolgo gli occhiali e mi metto al sole,
indosso collane [4] attorno al collo e mi metto al sole
indosso orecchini e bracciali e un fiore tra i capelli,
rossetto, colonia e profumo e mi metto al sole,
al buio si susseguono colpi di bastone, al buio si muore.

Ma oggi mi tolgo gli occhiali e mi metto a danzare,
guardate ora i miei occhi e vi renderete conto
di quanto dolore nascondevo dentro di me
per amore dei figli, per amore e per paura di parlare,
da soli non c’è nulla da fare, chi non parla è già morto.
da soli non c’è nulla da fare, chi non parla è già morto.

Tutte le sere appena sento la chiave nel portone
abbasso il capo e coprendomi il viso con le mani [5]
comincio a scansare,
ogni bicchiere di vino è una spina nel cuore
dentro ogni bicchiere di vino si muore un po’ alla volta.

Tutte le sere appena sento la chiave nel portone
abbasso il capo e coprendomi il viso con le mani
comincio a scansare,
ogni bicchiere di vino è una spina nel cuore
dentro ogni bicchiere di vino si muore un po’ alla volta.

Ma oggi mi tolgo gli occhiali e mi metto al sole,
indosso collane attorno al collo e mi metto al sole
indosso orecchini e bracciali e un fiore tra i capelli,
rossetto, colonia e profumo e mi metto al sole,
al buio si susseguono colpi di bastone, al buio si muore.

Ma oggi mi tolgo gli occhiali e mi metto a danzare,
guardate ora i miei occhi e vi renderete conto
di quanto dolore nascondevo dentro di me
per amore dei figli, per amore e per paura di parlare,
da soli non c’è nulla da fare, chi non parla è già morto
ma oggi io voglio parlare e non ho paura di morire.
[1] Traduzione libera : rimbacuccata [perfino]
[2] Traduzione libera: spaventata a morte
[3] Letterale: ogni giorno
[4] Traduzione libera : ornamenti
[5] Letterale: con le mani sugli occhi

Contributed by Riccardo Gullotta - 2022/11/25 - 20:34


Per Riccardo Gullotta: Francesca Incudine ci ha gentilmente inviato il testo corretto. Potresti rivedere la tua traduzione di conseguenza. In effetti varie cose ci erano sfuggite. Mi sembra una cosa dovuta a questa bella canzone in questa giornata contro la violenza sulle donne.

Lorenzo - 2022/11/25 - 17:46


Grazie Riccardo, ho risistemato il testo con la ripetizione di una strofa e ho integrato (spero correttamente) la tua traduzione con l'ultimo verso che avevi tralasciato.

Lorenzo - 2022/11/25 - 21:34



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org