Language   

2020 Riots: How Many Times

Trey Songz
Language: English

List of versions


Related Songs

Old Glory's Story
(Serious Bizness)
Freedom's Star
(Anonymous)
Song of the Underground Railroad
(John Coltrane)


2020 Riots: How Many Times
[ 2020 ]
Lyrics and music /Testo e musica / Paroles et musique / Sanat ja sävel
Trey Songz


Accadde il 7 giugno 2020

Attivisti inglesi durante una protesta multirazziale a Bristol hanno abbattuto la statua di Edward Colston , negriero e “filantropo”. Il gesto ha un alto valore simbolico. Il primo ministro Boris Johnson l’ha bollato come un gesto criminale mentre il sindaco di Bristol ha dichiarato che la statua era un “affronto” e di “non avvertire la sensazione di una perdita”. Era ora.

[speaking voice]

Hmm
I just gotta get some things off my chest
Tough times, I hope y'all holdin' up
We'll be aight 'cause we always is
But I'm feelin' like this

How many mothers have to cry?
How many brothers gotta die?
How many more times?
How many more times?
How many more marches?
How many more signs?
How many more lives?
How many more times?

Take a look around, can you see it now?
Don't be colorblind, cause when they're killin' mine
They'll try to justify it
Oh each and every time
Playin' in a park, takin' your jog
Sittin' on the couch, in your own house
Never seem to matter what we do
You think we don't matter, but we do
You got a problem, 'cause the city on fire
But you quiet when niggas die
Let the soul up out that body that we buried
You with God now you no longer have to worry
It's so hard to sing these words out loud
All these beautiful, precious black lives
Lost in the name of senseless white pride
Tears fallin' from my eyes

How many mothers have to cry?
How many brothers gotta die?
How many more times?
How many more times?
How many more marches?
How many more signs?
How many more lives?
How many more times?

Tell me how can you be quiet?
You know the language of the unheard, is a riot
All we ever see from you is violence (True)
You know you ain't no better if you silent
You talking 'bout the city on fire (Oh, oh)
Where your rage when my people die?
We ain't slaves, let my people fly (Oh, yeah)
Now it's time, watch my people rise

[Chorus]

How many mothers have to cry? (Ooh, how?)
How many brothers gotta die? (Ooh, how?)
How many more times? (Ooh, how?)
How many more times? (How many times?)
How many more marches? (Ooh, how?)
How many more signs? (Ooh, how?)
How many more lives? (Ooh, how?)
How many more times? (How many times?)
How many mothers have to cry? (Tell me? Ooh, how?)
How many brothers gotta die? (Tell me? Ooh, how?)
How many more times? (Oh no, ooh, how?)
How many more times? (How many times?)
How many more marches? (All across the world, ooh, how?)
How many more signs? (Woah, oh, oh, ooh, how?)
How many more lives? (Shame I gotta ask, ooh, how?)
How many more times? (How many times?)
I'll leave you with that (Yes, yeah)

Contributed by Riccardo Gullotta - 2020/6/9 - 01:10



Language: Italian

Traduzione italiana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös :
Riccardo Gullotta
PROTESTE 2020: QUANTE VOLTE

[voce]
Devo solo togliermi alcune cose da dentro
Tempi duri, spero che tutti terrete sodo
Andrà bene perché é sempre così
Ma mi sento così

Quante madri devono piangere?
Quanti fratelli devono morire?
Quante altre volte?
Quante altre volte?
Quante altre marce?
Quanti altri segni?
Quante altre vite?
Quante altre volte?

Dai un'occhiata in giro, riesci a vederci ora?
Non filtrare i colori, perché quando uccidono i miei
Proveranno a darne una giustificazione
Oh sistematicamente
Giocare in un parco, fare jogging
Sedere sul divano, a casa tua
Non sembra mai importare ciò che facciamo
Pensi che non contiamo, ma noi contiamo
Hai problemi, perché la città è in fiamme
Ma stai tranquillo quando i negri muoiono
Lasci che l'anima esca dal corpo che abbiamo seppellito
Tu con Dio ora non devi più preoccuparti
È così difficile cantare queste parole ad alta voce
Tutte queste belle e preziose vite nere
Perse nel nome di un insensato orgoglio bianco
Le lacrime mi scendono dagli occhi

Quante madri devono piangere?
Quanti fratelli devono morire?
Quante altre volte?
Quante altre volte?
Quante altre marce?
Quanti altri segni?
Quante altre vite?
Quante altre volte?

Dimmi come puoi stare in pace?
Sai la lingua dei non ascoltati, è una rivolta
Tutto ciò che vediamo da parte tua è violenza (Vero)
Sai che non è meglio se rimani in silenzio
Stai parlando della città in fiamme (oh, oh)
Dov'è la tua rabbia quando la mia gente muore?
Non siamo schiavi, che la mia gente voli (Oh, sì)
Ora è giunto il momento, osserva, la mia gente si mette in piedi

[Coro]
Quante madri devono piangere? (Ooh, quante?)
Quanti fratelli devono morire? (Ooh, quanti?)
Quante altre volte? (Ooh, quante?)
Quante altre volte? (Quante altre volte?)
Quante altre marce? (Ooh, quante?)
Quanti altri segni? (Ooh, quanti?)
Quante altre vite? (Ooh, quante?)
Quante altre volte? (Quante altre volte?)
Quante madri devono piangere? (Dimmi? Ooh, quante?)
Quanti fratelli devono morire? (Dimmi? Ooh, quanti?)
Quante altre volte? (Oh no, ooh, quante?)
Quante altre volte? (Quante altre volte?)
Quante altre marce? (In tutto il mondo, ooh, quante?)
Quanti altri segni? (Woah, oh, oh, ooh, quanti?)
Quante altre vite? (Una vergogna dovere chiederlo, ooh, quante?)
Quante altre volte? (Quante altre volte?)
Con questo ti lascio (Sì, sì)

Contributed by Riccardo Gullotta - 2020/6/9 - 11:56


Lorenzo - 2020/6/9 - 14:40


To the kind attention of Banksy Co.

Io un suggerimento alla company Banksy glielo darei volentieri, “a gratis”: al posto dei manifestanti ai piedi del de cuius mentre lo tirano giù, metta un insieme rappresentativo degli 84.000 Africani ridotti in schiavitù, oggetto delle attività commerciali di Edward Colston. Se fossero troppi, gli proponiamo una riduzione: un campione rappresentativo dei 19.000 schiavi morti durante il “trasporto”. Già che ci siamo, una lapide low cost ( no profit, Mr Banksy ?) non guasterebbe , tipo: “I Negri commossi apposero”.

Se poi Banksy volesse esprimersi più compiutamente, suggerirei di dare al povero Colston una degna compagnia, che so?, adeguati simboli della Royal African Company, della cittadinanza che lo amava e della locale chiesa protestante, tutti commossi delle sue elargizioni e infastiditi dai tratti subumani dei Niggers.

Sto approvvigionando un lacrimatoio, simile a quello che Tigellino porgeva a Nerone, per metterlo a gentile disposizione degli storici, giuristi , civil servants etc che ammoniscono di non distruggere le testimonianze della storia e che, commossi (la madre delle commozioni a scoppio ritardato è sempre incinta) ringraziano Banksy.

Riccardo Gullotta - 2020/6/9 - 16:48


giusto tutto quello che dici Riccardo, però non credo che Banksy volesse riabilitare Colston, credo che volesse dare un'idea per "ribaltare il significato" dell'opera e trasformarla in un omaggio ai manifestanti che l'avevano abbattuta.

Mi sembra che ci fosse stata una proposta simile riguardo a una targa fascista a Bolzano, ma non ricordo i particolari. O come la proposta di trasformare il mausoleo di Ciano nel deposito di Zio Paperone... le trovo idee intelligenti.

Lorenzo - 2020/6/9 - 18:20



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org