Language   

Silenziu d'amuri

Alfio Antico
Language: Sicilian

List of versions


Related Songs

Una canzone di notte
(Pippo Pollina)
'Storia' per la morte di Lorenzo Panepinto
(Rosa Balistreri)
Reggio Calabria '72‎
(Francesco "Ciccio" Giuffrida)


Silenziu d'amuri

Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel :
Alfio Antico

Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat:
1. Sofia Mavrogenidou
Album: Facciuzza Di Melograno [2018]

2. Alfio Antico , L’Arpeggiata
Album: La Tarantella: Antidotum Tarantulae [2002]

3. Stefano Accorsi
Film: ...Non ci posso credere (Tous les soleils) [2011]



Femme à l'ombrelle , 1886  Claude Monet -  Paris, Musée d'Orsay
Femme à l'ombrelle , 1886 Claude Monet - Paris, Musée d'Orsay



È un brano ormai classico della musica in lingua siciliana, che si presta ad essere interpretata in situazioni diverse. Melodia e versi, nati in un ambito bucolico , hanno acquisito nel tempo un respiro ben più ampio.
[ Riccardo Gullotta]
T'amaju di quannu stavi dintr'a la naca
T'aḍḍivaj ducizza a muḍḍichi a muḍḍichi
Silenziu d'amuri ca camini intr'a li vini
Nun è pussibili staccarimi di tia
Silenziu d'amuri ca camini intr'a li vini
Nun è pussibili staccarimi di tia

Nun chiangiti no albiri d'alivi
Amuri e beni vengunu di luntanu
Dilizia amata mia, sciatu di l'alma mia
Dammi lu cori ca ti dugnu la vita
Dilizia amata mia, sciatu di l'alma mia
Dammi lu cori ca ti dugnu la vita

Vacanti senza culura tengu lu senzu
Quanno na mamma si scorda a so' figliu
Tannu mi scordu d'amari a tia
Ti vogliu bbene picciliḍḍa mia
Tannu mi scordu d'amari a tia
Ti vogliu bbene picciliḍḍa mia

Vulati aciḍḍuzzi iti ni ll'amata
Cantantici mentri nc'è morte e vita
Comu tuttu lu munnu esti la campagna
Tu si a Riggina e ju 'u Re di Spagna
Comu tuttu lu munnu esti la campagna
Tu si a Riggina e ju 'u Re di Spagna

Contributed by Riccardo Gullotta - 2020/4/17 - 00:27



Language: Italian

Traduzione in italiano / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös:
Riccardo Gullotta
SILENZIO D'AMORE

Ti ho amata da quando stavi nella culla
Ti ho nutrito con dolcezze una dopo l’altra [1]
Silenzio d’amore che pervadi le vene
Non è possibile staccarmi da te.
Silenzio d’amore che pervadi le vene
Non è possibile staccarmi da te.

Non piangete, no, olivi
L’amore e l’affetto vengono da lontano.
Delizia amata mia, soffio della mia anima
Dammi il cuore e ti do la vita.
Delizia amata mia, soffio della mia anima
Dammi il cuore e ti do la vita.

Il mio animo è vuoto e scialbo
Come una madre che dimenticasse il proprio figlio
Solo così potrebbe finire il mio amore per te
Ti voglio bene, piccola mia.
Solo allora potrebbe finire il mio amore per te
Ti voglio bene, piccola mia.

Volate uccelli, andate dalla mia amata
E cantate per lei mentre c’è morte e vita
Come tutto il mondo è natura [2]
Tu sei la regina ed io il re di Spagna
Come tutto il mondo è natura
Tu sei la regina ed io il re di Spagna.
[1] Letteralmente: mollica dopo mollica, cioè con cura assidua e attenta. E’ un esempio di come il siciliano di pochi decenni fa riusciva a esprimersi con poche parole in un linguaggio poetico.

[2] Nel testo siciliano: campagna. Natura , a mio avviso, rende meglio il significato dell’autore.

Contributed by Riccardo Gullotta - 2020/4/17 - 00:32


la mollica è il pangrattato.in Sicilia si dice mollica che indica il pane che si rende morbido e appunto frantumato

2020/5/25 - 16:30


La mollìca non è il pangrattato: è (come dice il nome) la parte molle del pane, cioè esclusa la crosta. Si può sbriciolare, appallottolare ecc., ma il pangrattato secondo me è tutt'altra cosa (anche perché il pangrattato si ottiene proprio dall'opposto, ovvero dalle croste e dal pane duro). Nella canzone mi sembra che il significato sia proprio "briciola dopo briciola". Saluti.

Riccardo Venturi - 2020/5/25 - 17:53


E poi c'è anche Mollica Vincenzo, inventore del "mollichismo", estrema frontiera del glande - pardon - grande giornalismo... E anche lì, mica pangrattato!

B.B. - 2020/5/25 - 18:48


...e ricordo anche che, tra gli autori del sito, abbiamo anche il siciliano Mimmo Mòllica, che però ha opportunamente accentato il suo cognome per una pronuncia corretta. L'altrettanto siciliano Pippo Pollina, invece, non ha mai accentato il suo cognome e, ancora adesso, oscilla tra "Pòllina" e "Pollìna". E' un po' quel che è storicamente successo all'antica famiglia latifondista sarda dei Còssiga (che, in sassarese, significa "Corsica"), che, dai dai, è diventata Cossìga. Il suo parente Berlinguer (cognome catalano) sarebbe stato "Berlinguèr", però per tanti era "Bèrlinguer". Seguendo l'origine catalana, si sarebbe dovuto dire però "Berlinghè". Per non parlare della vexata quaestio: rùbrica o rubrìca...?

PS. Comunque sappi che l'immagine del pangrattato ottenuto da Vincenzo Mollica mi provocherà, stanotte, incubi di non facile dissoluzione. In senso lato, la cosa mi ricorda una delle scene finali di "Fargo" dei fratelli Cohen, dove il peraltro magerrimo Steve Buscemi viene tritato in una cippatrice...

Riccardo Venturi - 2020/5/25 - 19:43



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org