Language   

Häxprocess

Kjell Höglund
Language: Swedish

List of versions


Related Songs

Cornelis Vreeswijk: Somliga går med trasiga skor
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Canto de guerra de las cosas
(Joaquín Pasos)
Koko Taylor: I’m a Woman
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)


[1973]
Parole e musica di Kjell Höglund, cantautore svedese (che mi pare non avesse molto il dono della sintesi...)
La canzone che dà il titolo ad un suo disco del 1973
Testo trovato su LyricWiki

Häxprocess
Det är så lätt att hitta syndabockar om man vill
och fastän häxprocesser hörde gångna tider till
så har vi inte glömt principen, den är alltför bra
den kommer väl till pass när det är något vi vill ha
och eftersom ju ännu inte allt är perfekt
så behövs det då och då ett passande objekt
på vilket vi kan avreagera vår affekt
och därigenom återfå en smula självrespekt
vi behöver sällan någon lysande ursäkt
det räcker många gånger med en påhittad defekt
sen samlas alla rättvisans vänner till process
som pågår bakom lyckta dörrar vanligtvis till dess
att dom i målet fallit efter fastställt formulär
efteråt förklarar vi vårt handlingssätt så här:
"allting går ju ännu inte riktigt som vi vill
så då brände vi för säkerhets skull en häxa till"

Det äckel som du känner för din egen existens
din brist på kompetens och din impotens
ditt eviga tvivel på din intelligens
din längtan efter ordning och struktur och konsekvens,
dom böcker som du borde läst men aldrig tittat i
dom brev du aldrig skrivit och din fula fantasi
allt det här är svårt att konfrontera fast du vill
så då bränner du för säkerhets skull en häxa till

Du drömmer att du ligger med Brigitte Bardot
i tusen och en natt och sen i tusen och två
du drömmer att du reser jorden runt som millionär
och utan svårigheter får precis det du begär
du drömmer att du lever i lyx och överflöd
du önskar att en särskild som du tänker på var död
men du vågar aldrig säja högt det här du vill
så då bränner du för säkerhets skull en häxa till

Du har lust att göra någon illa med en kniv
och köra över någon med ett lokomotiv
utåt vill du gärna verka mjuk och sensitiv
fast du innerst inne helst vill vara rå och primitiv
du älskar att se andra råka riktigt illa ut
och tänka på små elakheter som du gjort förut
men det är svårt att erkänna detta som du vill
så då bränner du för säkerhets skull en häxa till

Du är rädd för att få syfilis och gonorré
eller kanske cancer eller TBC
annars är du för det mesta ganska så blasé
och vägrar att ta ansvar och vågar inte se
du snattar regelbundet om du bara kommer åt
och för att nån ska bry sej om dej brister du i gråt
du älskar att betrakta dej som missförstått geni
och hellre än att gripa in så låter du bli
du ljuger vanemässigt utan några samvetskval
du har kanske inte råd att ha någon moral
men lite skäms du nog när du ser vad du ställt till
så då bränner du för säkerhets skull en häxa till

Du hatar nog egentligen dej själv och det du gör
så varför inte tala med din hypnotisör?
säj vad du känner och begär betänketid
säj honom att du faktiskt är en individ
det är bara som du tror att du är invalid
du måste börja tänka om för det är ont om tid
du är gammal nog att veta vad du vill
eller bränner du för säkerhets skull en häxa till?

Genom att vi själva en gång tvingades ge upp
bär vi på ett ständigt hat mot dom som ändå sluppit undan
och som hållit kvar en bit av sin vision
vi kan inte tåla det, vi skrider till aktion.
En bitter besvikelse det är vad vi har kvar
Besvikelse och bitterhet är egentligen allt vi har
det enda vi kan hoppas är att slippa reflektera
att få tro att allt är bra och slippa diskutera

att slippa minnas och få tänka att vi har det gott
att få låtsas att vi faktiskt aldrig har förstått
att få glömma att våra förhoppningar har grusats
det är den drog med vilken våra hjärnor har berusats
och när vi påminns om det vi helst av allt vill glömma
av någon som trots allt inte upphört med att drömma
någon som förmår att se alternativ
skönja något bättre och kämpa för sitt liv

då grips vi av ett raseri som skakar oss i grunden
vi känner att vi står inför den avgörande stunden
nu måste vi handla om vi inte ska förgöras
om inte våra självbedrägerier ska förstöras
Och plötsligt förstår vi i en galen konklusion
att allt beror på just denna enda person
allt jävelskap beror på den här konspiratören
han står bakom allt det hemska, han är sabotören

han har stiftat ondskefulla anslag mot oss alla
för att störta ner oss i fördärvet att förfalla
han spinner lömska planer och lägger upp intriger
han rår för att marken sjunker och att vattnet stiger.
Vi offrar våra barn i ett cyniskt dubbelspel
vi kallar gott för ont och vi kallar rätt för fel
så sprider vi vår sjukdom till nästa generation
dom schizofrena vittnar om vår kusliga mission

Paranojan kramar oss till Hammarforsens dån
det känns som om vi skulle explodera innifrån
det doftar svagt från längesen av hägg och kamomill
ändå bränner vi för säkerhets skull en häxa till.

Genom alla tider har vi haft detta behov
ur djupet av vår skuld har vi skrikit efter rov
att finna nån att skylla på, att bränna varje häxa
att statuera ett exempel, lära dom en läxa
Vi korsfäste Jesus fast skulden var vår
och hela vår kultur är byggd på denna metafor
vårt mänskliga tänkande är genomsyrat av
myten om en sinnesfrid som gudarna gav

i den mån vi uppfyllde ett oavvisligt krav
så vi har lagt miljoner i en för tidig grav
ty villkoret för sinnesfrid var offer i blod
och det var ett språk som vi verkligen förstod
Dom allra första kristna fick lida hemska kval
vi slängde dom för vilddjuren i hundratusental
sen blev vi kristna själva och till inkvisitionen
släpade vi kättare till avbön inför tronen

Och dom som vägrade fick den behandling dom var värda
vi får alla räkna med den del vi är beskärda
och alla dom som tänkte stort och fritt men inte rätt
fick lön för mödan på vårt eget speciella sätt.
En del var kloka nog att inse att dom hade fel
Galilei medgav till exempel medgav för sin del
att jorden, trots tecken på motsatsen, stod still
så den gången slapp vi faktiskt bränna upp en häxa till.

Biskop Brask var slug, han var en man för sej
en lapp i sigillet, och så klarade han sej
men i många milljoner fick vi judar brända
så många faktiskt att man frågat hur det kunde hända
Men det händer hela tiden och det händer nu
vem sätter eld på nästa bål, det är väl aldrig du?
jakten på häxorna rasar som förut
för varje nedlagd syndabock så skjuter vi salut

Nåde dom som råkat födas utomlands nånstans
sådana förser vi lätt med både horn och svans
och kommunister äter vi med glupande aptit
och blänger snett på den som inte råkar vara vit
Allsköns lösa existenser härjar i terrängen
och kryper kring bland barndomsblommorna på sommarängen
brottslingar och slödder av allehanda slag
hedningar och halvblod förpestar natt och dag
Farliga fifflare smyger på tå
misstänkta mörkmän i varje ögonvrå
i den gröna lunden slår en näktergal sin drill
och under tiden bränner vi en liten häxa till

Nu ska vi tänka efter, vilka tjänar på det här?
det finns en speciell grupp av människor som är
glada åt att häxbålen flammar då och då
och nöjda när vi andra jagar spöken i det blå
det finns dom som gnuggar sina händer med ett skratt
när syndabockar pekats ut och bränts en valborgsnatt
medan dom går fria som har smutsigt mjöl i påsen
fria att se om sitt hus och reparera låsen

Det finns dom som nyttjar vår besvikelse och skuld
för att inte vi ska märka att dom tar vårt guld
som spelar ut vår skräck på ett så raffinerat sätt
att vi inte längre vet vad som är fel och rätt
Det finns dom som vet hur en slipsten ska dras
som lärt sej hur vi förkrökta stackare ska tas
vi märker ingenting för när dom utför sina brott
då slåss vi mot väderkvarnar liksom Don Quixote

Dom rumsterar ostört mens vi sneglar på nåt annat
dom stjäl i skydd av blåa dunster något rent förbannat
och ur bakhåll vittjas våra fickor mycket fort
medan vi bestraffar dom som inget ont har gjort
Det finns dom som likt en trollkarl på en varieté
lurar oss att se det som inte finns att se
som trollar kort ur ärmen och bakar bröd i hatten
som till ädelt vin förvandlar vanligt, simpelt vatten

Och vi i publiken, vi applåderar häpet
Hej! En kanin ur intet, nej, det var väl näpet
Världen vill bedragas och knappt någon tänker på
vilka som har betalat hela denna show
Dom som tar hem vinsterna på varieténs roulett
står i dimridån och kastar fram en falsk polett
och vi som står och spelar börjar anklaga varann
det var han, nej det var han, nej det var faktiskt han

Vi söker oss en syndabock och spelet rullar på...
...och lampor blinkar. Ska vi aldrig lära oss förstå
att det är något skumt med att banken alltid vinner
trots att häxbålet i hörnet oavbrutet brinner
Det tjänar inget till att jaga häxor i det blå
det är spelets regler som vi måste ändra på
utfall på rouletten kan regleras som man vill
vi behöver inte bränna upp en enda häxa till.

Contributed by Bernart Bartleby - 2019/5/19 - 15:13



Language: Italian

Traduzione italiana / Italiensk översättning / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös:
Riccardo Venturi, Policlinico di Careggi (Firenze), 23-05-2019

Due parole dell'eroico traduttore. Sono un notorio meteoropatico. È giovedì. Sono a Firenze e sono circa le undici del mattino. [*] Stamani mi trovo in una sala d'attesa d'ospedale per la consueta visita di controllo, ormai ci sono abituato, e visto che si preannuncia lunga, invece della Settimana Enigmistica o del libro mi sono portato dietro lo scassatissimo computerino e ho continuato a tradurre questa cosa aiutato senz'altro dal fatto che, oggi, il tempo sembra essere un po' meglio in questo maggio orripilante (ma le previsioni tendono di nuovo al brutto). Quindi, meglio approfittarne perché, come ha giustamente fatto notare BB, Kjell Höglund “non ha il dono della sintesi”. Proprio no. Ma quando il tempo è un po' più bello traduco più velocemente. Così ecco anche questa cosa che ha, pare, ben quarantasei anni. Non voglio dirvi di mettervi ad ascoltarla come sto facendo io con le cuffiette nella mia campana di vetro, perché quando “sono al lavoro” (argh!) mi isolo dal mondo e ascolto sempre quel che sto traducendo; non vorrei mai infliggervi una pena somigliante in modo tragico al film cecoslovacco con sottotitoli in tedesco imposto dal dott. Guido Maria Riccardelli a Fantozzi, poi sostituito dalla Corazzata Kotiomkin. Suggerisco allora di leggere quanto segue come fosse un saggio in prosa, perché è una cosa di quarantasei anni fa che ci parla ancora del presente. Anzi, c'è tutto il presente, ma proprio tutto, compreso il complottismo, compresi (in senso lato) i terrapiattisti, compreso lo sfruttamento della paura. Di che chiedersi seriamente se l'autore avesse doni profetici, oppure -più opportunamente- se stesse parlando solo di vecchie, vecchissime cose già ampiamente presenti quarantasei, duecentoquarantasei o cinquemiladuecentoquarantasei anni fa. Di che chiedersi, ulteriormente, se il famoso presente che stiamo vivendo non sia altro che una riproposizione perfetta del passato con mezzi tecnologici più sofisticati e capillari. Chiediamocelo allora. Kjell Höglund la ha scritta mischiando vari registri stilistici della sua lingua materna: dal giuridico all'informale, dal burocratico all'apocalittico, dal popolaresco al biblico (lo svedese è di per sé una lingua dal deciso tono biblico e luterano, almeno nella sua variante elevata; inoltre è una lingua permeata da una squisitissima e ipocrita cortesia e da buone maniere ostentate anche nel mandare affanculo). Francamente, rendere tutto questo impasto in italiano o in qualsiasi altra lingua è semplicemente impossibile (tenendo pure conto che lo sterminato testo originale è tutto in perfette rime baciate); il traduttore coscienzioso e deeply committed, perdipiù quando attende una visita programmata per le undici già in ritardo di un quarto d'ora (e qui ci schiaccio le tre, mi sa), ha sempre davanti a se il fantasma dello Sprachgeist. Ci sono tre o quattro persone in sala d'attesa che mi stanno guardando un po' incuriosite; un signore sta sbirciando sulla pagina del sito aperta e sul file. So che vorrebbe farmi la fatidica domanda: “Che lingua èèèè...?” Ma non ha il coraggio. Chissà perché. Comunque, leggete 'sta cosa se vi va. Mi chiamano per la visita; stay tuned. [RV]

Aggiornamento ore 17 quasi. Siccome la visita, come previsto, è stata lunga e avevo voglia di vedere come andava a finire questa stupefacente höglundata, mi sono rimesso in un angoletto dell'ospedale; ed eccola qua. Ora me ne torno a casa, c'è ancora (incroyable!) il sole, cinguettano i fringuelli, la visita è andata parecchio bene e sto a ribadire che, probabilmente, nel 1973 qualcuno in Svezia parlava del 2019 perché eran tutte cose già presenti nel 1824 e anche prima. Leggere per credere. Se poi volete ascoltare, beh, la canzone dura quindici minuti e ventuno secondi. Ma forse ne vale pure la pena. [sempre RV]

[*] Attacco volutamente ripreso dal famoso "Piove. E' mercoledì. Sono a Cesena" di Marino Moretti, a sua volta procedente da una poesia di Rodenbach (ndr)
PROCESSO ALLE STREGHE

È facilissimo trovare capri espiatori se si vuole
e sebbene i processi alle streghe appartengano al passato
il principio non lo abbiamo dimenticato, va sempre bene
viene a proposito quando c'è qualcosa che vogliamo
e dato che ancora non tutto è perfetto
ce n'è bisogno di tanto in tanto, è adatto
a farci dare libero sfogo alle nostre emozioni
e quindi a riguadagnare una briciola di autorispetto
raramente ci occorre un pretesto chiaro
spesso basta un difetto immaginario
poi tutti gli amici della giustizia si riuniscono a processo
che si svolge a porte chiuse, di solito finché non viene
emesso un verdetto in base a un formulario stabilito
e in seguito esplichiamo come segue la nostra procedura:
“non tutto va ancora esattamente come noialtri vogliamo
e allora abbiamo messo al rogo un'altra strega per motivi di sicurezza”

Il disgusto che provi per la tua stessa esistenza
la tua mancanza di competenza e la tua impotenza
il dubbio che hai eternamente sulla tua intelligenza
la tua voglia di ordine, strutturazione e coerenza,
i libri che avresti dovuto leggere ma che non hai mai guardato
le lettere che non hai mai scritto e la tua fantasia malata
son tutte cose difficili da confrontartici anche volendo
e allora metti al rogo un'altra strega per motivi di sicurezza

Sogni di andare a letto con Brigitte Bardot
per mille e una notte e poi per mille e due
sogni di girare il mondo da milionario
e senza difficoltà ottieni proprio quel che desideri
sogni di vivere nel lusso e nell'abbondanza
vuoi che muoia qualcuno a cui pensi di preciso
ma quel che vuoi, non osi mai dirlo a voce alta
e allora metti al rogo un'altra strega per motivi di sicurezza

Hai voglia di fare qualcosa di male con un coltello
e di investire qualcuno con una locomotiva
fuori ti piace sembrare tenero e sensibile
però dentro, invece, vuoi essere crudele e primitivo
ti piace proprio vedere altri andare a finir male
e ripensare alle piccole cattiverie che hai già commesso
ma è difficile riconoscere queste cose che vuoi
e allora metti al rogo un'altra strega per motivi di sicurezza

Hai paura di beccarti la sifilide e lo scolo
o forse il cancro e la tubercolosi
per il resto, perlopiù sei abbastanza un pallone gonfiato
che non vuole prendersi responsabilità e si rifiuta di vedere
rubacchi regolarmente se solo hai l'occasione di farlo
e poi frigni perché qualcuno si prenda cura di te
ti piace considerarti un genio incompreso
e piuttosto di intervenire lasci perdere ogni cosa
menti per abitudine senza nessun rovello di coscienza
forse non hai i mezzi per avere una morale
però ti vergogni un po' quando vedi che hai combinato
e allora metti al rogo un'altra strega per motivi di sicurezza

In realtà odi te stesso e quel che fai
e allora perché non andare a parlare col tuo ipnotista?
Digli quel che senti e chiedi tempo per decidere
digli che sei veramente una persona
è solo in quel che credi che sei malato
devi cominciare a pensare perché c'è poco tempo
sei abbastanza vecchio da sapere quel che vuoi
oppure metti al rogo un'altra strega per motivi di sicurezza?

Dato che noi stessi un tempo siamo stati costretti a arrenderci
nutriamo un continuo odio per chi ancora non si è arreso
e che si è tenuto un po' delle sue visioni
non possiamo tollerarlo, ci mettiamo all'opera.
Un'amara delusione è quello che ci resta
deluzione e amarezza sono appunto tutto quel che abbiamo
la sola cosa che possiamo sperare è evitare di riflettere
poter credere che tutto va bene e evitare di discutere

evitare di ricordare e pensare che ci va bene
fare finta di non aver capito mai in effetti
dimenticare che le nostre speranze sono state distrutte
questa è la droga che ci ha sballato il cervello
e quando lo ricordiamo, invece vogliamo scordare tutto
scordare chi nonostante tutto non ha smesso di sognare
qualcuno che è capace di vedere un'alternativa
di intravedere qualcosa di meglio e di lottare per la propria vita

e allora ci prende una rabbia che ci sbatacchia a terra
sentiamo di stare vivendo un momento decisivo
ora dobbiamo agire per non essere annientati
per non lasciar distruggere i nostri inganni verso noi stessi
e all'improvviso arriviamo a una pazza conclusione,
che tutto dipende proprio da quell'unica persona
che tutta 'sta diavoleria è colpa di quel cospiratore
che sta dietro a ogni mistero, lui è il sabotatore

che ha ordito contro noi tutti un malvagio complotto
per farci precipitare a capofitto nella rovina
che trama perfidi piani e macchina intrighi
che decide di far sprofondare la terra e di far montare l'acqua.
Sacrifichiamo i nostri figli in un doppogioco cinico
il bene lo chiamiamo male, il giusto lo chiamiamo sbagliato
e poi la nostra malattia la passiamo alla generazione che viene
testimoni schizofrenici della nostra lugubre missione

La paranoia ci avvolge rintronandoci come la cascata di Hammarforsen [1]
è come se esplodessimo dentro mentre arriva dal passato
un debole e remoto profumino di ciliege selvatiche e camomilla [2]
e allora rimettiamo al rogo un'altra strega per motivi di sicurezza.

In ogni epoca abbiamo avuto questo bisogno
dal profondo della nostra colpa abbiamo incitato alla rapina
a trovare qualcuno cui dare la colpa, a bruciare ogni strega
a stabilire un esempio, a dar loro una lezione
Abbiamo crocifisso Gesù anche se la colpa era nostra
e tutta la nostra cultura è basata su questa metafora
il nostro pensiero umano è permeato
dal mito della pace interiore data dagli dèi

in questo modo abbiamo ottemperato a un'esigenza ineludibile
e così abbiamo infilato anzitempo milioni di persone in una tomba
dato che la condicio sine qua non per la pace interiore è il sacrificio cruento
e questa è una lingua che abbiamo capito sul serio
I primissimi cristiani hanno dovuto soffrire pene d'inferno
li abbiamo gettati a decine di migliaia in pasto alle bestie feroci
poi siamo diventati noi stessi cristiani e abbiamo trascinato
gli eretici davanti all'Inquisizione perché il Padreterno ci scusasse

E quelli che non ci stavano ebbero il trattamento che si meritavano
tutti noi dobbiamo mettere in conto di avere quel che ci tocca
e tutti quelli che pensavano a sproposito di grandi cose e di libertà
sono stati ripagati a modo nostro per la loro fatica.
Una parte di loro sono stati abbastanza furbi da capire che avevano sbagliato
Galileo per esempio, nonostante segni che dimostravano il contrario,
da parte sua ha ammesso che la Terra sta ferma
e così quella volta abbiamo in effetti evitato di mettere al rogo un'altra strega.

Il vescovo Brask [3] era astuto, era uno a parte,
un fogliettino sotto il sigillo e così ne uscì fuori
però gli ebrei li abbiamo bruciati a milioni
così tanti, in effetti, da chiedersi come sia potuto accadere
Ma accade sempre e accade ancora adesso
chi darà fuoco al prossimo rogo, tu non lo farai mai?
La caccia alle streghe imperversa come prima
per ogni capro espiatorio abbattuto, spariamo una salva di cannone

Se arriva qualcuno che per caso è nato da qualche parte all'estero
allora gli appiccichiamo immediatamente delle corna e una coda
i comunisti ce li sgranocchiamo di buon appetito
e guardiamo storto e in cagnesco chi per caso non è bianco
Tutti i tipi di esistenza libera devastano il suolo
e strisciano sui prati estivi tra i fiorellini dei bambini
delinquenti e straccioni di ogni specie
pagani e mezzosangue ci impestano giorno e notte
pericolosi imbroglioni si aggirano di soppiatto
uomini neri sospetti a ogni angolo
nel verde boschetto un usignuolo sta cinguettando
e nel frattempo stiamo mettendo al rogo un'altra strega

Ora ripensiamoci un po': a chi serve tutto questo?
C'è un dato gruppo di persone che sono
felici che il rogo delle streghe si accenda qua e là
contente quando noialtri cacciamo i fantasmi nel buio
c'è chi si stropiccia le mani ridacchiando
quando i capri espiatori sono segnalati e bruciati una notte di Walpurga
mentre quelli che hanno mani sporche in pasta [4] se ne vanno liberi
liberi di curare la propria casetta e di riparare la serratura

E c'è chi sfrutta la nostra disillusione, la nostra colpa
per non farci accorgere che ci stanno rubando la nostra ricchezza
c'è chi gioca sulle nostre paure in un modo talmente raffinato
che non sappiamo più ciò che è giusto e che è sbagliato
c'è chi sa come deve essere girata la macina,
e ha imparato come prendere noialtri poveracci curvi
e noi non ci accorgiamo di nulla, perché quando compiono i loro crimini
allora noi ci scontriamo coi mulini a vento come Don Chisciotte

Loro frugano indisturbati mentre noi sbirciamo qualcos'altro
rubano maledettamente nascosti da nuvole di vapore bluastro
e, da dietro, ci svuotano lestissimi le tasche
mentre noi condanniamo chi non ha fatto alcun male
C'è chi assomiglia al mago di uno spettacolo di varietà
e che ci frega facendoci vedere cose invisibili
che fa giochi di prestigio tirando fuori carte dalle maniche
che cuoce il pane nel cappello e che trasforma
vino d'annata in semplice acqua normale [5]

E noi del pubblico applaudiamo stupefatti
Oooh! Un coniglio sbuca dal nulla, era proprio carino
Il mondo vuole essere imbrogliato e qualcuno pensa a stento
a quel che ha pagato per tutto questo show
Chi invece si porta a casa i guadagni della roulette del casinò
sta dietro le quinte e getta sul tavolo una fiche falsa
e noi che stiamo lì a giocare cominciamo a accusarci l'un l'altro
è stato lui...! no, è stato lui! No, invece è stato quell'altro...!

Ci cerchiamo un capro espiatorio e the show goes on...
...qualcosa lampeggia. Impareremo mai a capire
che c'è qualcosa di losco se il banco vince sempre
anche se qui all'angolo il rogo arde senza sosta?
Non serve a nulla dare la caccia alle streghe nel buio
sono le regole del gioco che dobbiamo cambiare.
Puntare alla roulette, lo possiamo fare come vogliamo noi
non abbiamo bisogno di mettere al rogo un'altra strega.
[1] La cascata di Hammarforsen, nella regione dello Jämtland, è la più recente cascata svedese. Lo è perché è artificiale: si formò nel XVIII secolo con la costruzione di una diga che fu sfruttata fino al 1920. E' alta 35 metri.

[2] Come dire: esplodiamo dentro in mezzo alle belle cose svedesi del tempo andato, tanto familiari, della nonna. La paranoia ci avvolge nel nostro teporino familiare, tra il profumo delle ciliegine e la tazza di camomilla calda.

[3] Hans Brask (1464-1538) fu il vescovo (cattolico romano apostolico, visto che la Riforma non c'era ancora stata) di Linköping, la città (per curiosità cronachistica) dalla quale proviene Alberto Sordi nel film Detenuto in attesa di giudizio. Fu uomo avveduto nel suo tempo complicato: quando, nel 1517, si ritrovò nel mezzo della lotta di potere tra il reggente Sten Sture e l'arcivescovo Gustav Trolle, dovette firmare un documento per la rimozione di quest'ultimo, che pure era il suo arcivescovo. La storia narra che, per discolparsene, sotto il sigillo in ceralacca del documento nascose un minuscolo bigliettino con le seguenti parole : Härtill är jag nödd och tvungen “a questo sono stato obbligato e costretto”, facendo quindi capire che la sua decisione era stata, come dire, “un po'” forzata e magari non con le buone maniere. Così Hans Brask salvò al tempo stesso la sua vita e la sua coscienza. L'episodio ha dato origine persino a una parola della lingua svedese: “brasklapp” (“bigliettino di Brask”) che ha il significato, più o meno, di “opposizione nascosta” o “dietro le quinte”.

[4] Traduco così un modo di dire svedese che alla lettera significa: “farina sporca nel sacchetto”.

[5] Non dovrebbe sfuggire qui il “rovesciamento” delle evangeliche Nozze di Cana. Il miracolo all'incontrario.

2019/5/23 - 17:02


Caro Riccardo, per prima cosa ti dico che sono felice che la tua visita di controllo sia andata bene.

Poi ti ringrazio per le tue traduzioni di questo pugno di canzoni di Kjell Höglund... sono parecchio importanti e necessarie, le canzoni e le traduzioni... Non mi sorprende che l'autore fosse del tutto sconosciuto ai più, già che è svedese e già che è prolissirrimo... però ha scritto delle cose vere, fondamentali e senza tempo, come bene hai sottolineato nei tuoi commenti.

Avevo appena intuito l'importanza del suo discorso... credo che poi, nei decenni successivi agli anni 70, abbia perso un po' di "sgurz", ma tant'è, tutti s'invecchia e ci si perde un po'... ma è bello sapere che in un lasso di tempo, anche breve, si ha avuto una lucidità ed un'innocenza tali da riuscire a descrivere e a mettere alla berlina tutti i mali di quel nostro tempo e dei tempi a venire.

Saluzzi.

B.B. - 2019/5/23 - 20:03


Kjell Höglund ha avuto un percorso tutto suo, mettiamola così. A un certo punto s'è anche dedicato, se mi ricordo bene, all'esoterismo o cose del genere; e poi ha avuto il problema dell'epilessia, di cui soffre in modo grave. E' un autore importante e senz'altro controverso; ma, appunto, le sue cose le ha dette in una lingua conosciuta al di fuori dalla Svezia (e della Finlandia) da un pugno di pazzi scatenati (senza macchine volanti) con canzoni che farebbero stramazzare un bove da quanto sono lunghe. E' un anacronismo che, come tutti gli anacronismi, spiegano bene il tempo che scorre. Grazie caro per quel che mi hai detto sulla visita; sto cercando di pigliare tutto quanto con la debita leggerezza, che -mi sono accorto- fa molto meglio di una medicina. Un abbraccio & Salud.

Riccardo Venturi - 2019/5/23 - 20:37



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org