Language   

Los Hermanos

Atahualpa Yupanqui
Language: Spanish

List of versions

Watch Video


l'interpretazione di Mercedes Sosa in un concerto del 18 ottobre 2007


More videos...


Related Songs

El sacrificio de Tupac Amaru
(Atahualpa Yupanqui)
Frizullo
(Alessio Lega)
Ode al moto perpetuo
(Alessio Lega)


Il testo, con le varianti, è tratto da "Cancioneros de Trovadores".

Atahualpa Yupanqui (Don Ata)
Atahualpa Yupanqui (Don Ata)
Mi sono posta il problema se potesse essere considerata o meno una canzone contro la guerra, e credo che il suo messaggio di fratellanza e libertà oltre ogni frontiera possa rientrare nei criteri di ammissione del nostro sito.

(Maria Cristina)


La canzone, che compare nel disco del 1969 intitolato "Preguntan de donde soy", fu scritta da Yupanqui durante il suo lungo soggiorno in Europa (Spagna e Francia) cominciato nel 1967.

Preguntan de donde soy

Era suo preciso intento cantare della necessaria unità dei popoli del Latinoamerica nella lotta contro i regimi autoritari e le sanguinarie dittature che proprio a partire dalla decade dei 60 infestarono il continente.

Falso Brilhante

La grande cantante brasiliana ‎Elis Regina interpretò "Los hermanos" in uno dei suoi dischi più famosi, "Falso Brilhante", pubblicato nel 1976, in piena dittatura militare...

(Bernart)
Yo tengo tantos hermanos,
que no los puedo contar,
en el valle, la montaña,
en la pampa y en el mar.

Cada cual con sus trabajos,
con sus sueños cada cual,
con la esperanza delante,
con los recuerdos, detrás.

Yo tengo tantos hermanos,
que no los puedo contar.

Gente de mano caliente
por eso de la amistad,
con un rezo pa’ rezarlo,
con un llanto pa’ llorar.*

Con un horizonte abierto,
que siempre está más allá,
y esa fuerza pa’ buscarlo
con tesón y voluntad.

Cuando parece más cerca
es cuando se aleja más.
Yo tengo tantos hermanos,
que no los puedo contar.

Y así seguimos andando
curtidos de soledad,
nos perdemos por el mundo,
nos volvemos a encontrar.

Y así nos reconocemos
por el lejano mirar,
por las coplas que mordemos,
semillas de inmensidad.

Y así seguimos andando
curtidos de soledad,
y en nosotros nuestros muertos
pa’ que naide quede atrás.**

Yo tengo tantos hermanos,
que no los puedo contar,
y una novia muy hermosa***
que se llama libertad.
* Alfredo Zitarrosa y Mercedes Sosa dicen “con un lloro pa’ llorarlo, / con un rezo pa’ rezar”.
** Alfredo Zitarrosa recita esta estrofa, y dice “nadie” en lugar de “ naide”. Mercedes Sosa también dice “nadie”.
*** Mercedes Sosa dice “y una hermana muy hermosa”.

Contributed by Maria Cristina - 2007/5/2 - 19:14




Language: Italian

Traduzione "mia", nel senso che così me la racconto da tanti anni, senza mai verificarla nei dettagli.
I FRATELLI

Io ho così tanti fratelli
che non li posso contare,
nella valle, in montagna,
nella pampa e sul mare.

Ognuno con i suoi problemi,
con i suoi sogni ognuno,
con la speranza davanti,
con i ricordi alle spalle.

Io ho così tanti fratelli
che non li posso contare.

Gente dalle mani calde
per l'amicizia
con una preghiera da pregare,
con un pianto da piangere.*

Con un orizzonte aperto,
che è sempre un po' più lontano,
e questa forza per cercarlo
con tenacia e volontà.

Quando sembra più vicino
è quando si allontana di più.
Io ho così tanti fratelli
che non li posso contare.

Così continuiamo ad andare avanti
lavorati dalla solitudine
ci perdiamo per il mondo
e di nuovo ci incontriamo

Così ci riconosciamo
per il guardare lontano,
per questi versi che mordiamo
semi d'immensità.

Così continuiamo ad andare
lavorati dalla solitudine
e in noi i nostri morti
perché nessuno rimanga indietro.

Io ho così tanti fratelli
che non li posso contare
e una donna bellissima**
che si chiama libertà.
NOTE alla traduzione

* Alfredo Zitarrosa e Mercedes Sosa dicono “con un pianto da piangere, / con una preghiera da pregare .
** Mercedes Sosa dice “e una sorella bellissima”.

Contributed by Maria Cristina - 2007/5/3 - 17:55


Interpretazione di Alessio Lega

adriana - 2010/10/30 - 15:33




Language: Italian

Traduzione di Renato Curci

Ps: l'ho semplificata ai fini della semplicità molto poetica che esprime nella lingua latina (spagnolo). Buona Vita a Voi.
I FRATELLI

Io ho così tanti fratelli
che non riesco a contar,
nella valle, in montagna,
nella pianura o sul mar.

Ognuno con il suo lavoro
con i suoi sogni ognuno,
con la speranza davanti,
e i ricordi alle spalle.

Io ho così tanti fratelli
che non riesco a contar.

Gente dalle mani calde
perché son dell'amicizia
con un pianto che è da piangere
e una preghiera da pregar,

con un orizzonte aperto,
che è sempre un po' più in là,
ma con la forza per cercarlo
con tenacia e volontà,

quando sembra più vicino
e quando si allontana più,
io ho così tanti fratelli
che non riesco a contar.

Così continuiamo andando
Con un po' di solitudine
ci perdiamo per il mondo
ci torniamo ad incontrar

Così ci riconosciamo
Già guardandoci da lontano,
per questi versi che cantiamo
semi d'immensità.

Così continuiamo andando
Con un po' di solitudine
ed in noi i nostri morti
perché nessuno rimanga indietro.

Io ho così tanti fratelli
che non riesco a contar
e una bellissima sorella
che si chiama
Libertà.

Contributed by Renato Circoforum Curci - 2019/10/21 - 17:39




Language: Italian

Versione modificata cantabile di Renato Curci
LOS HERMANOS

Io ho così tanti fratelli
che non riesco a contar,
nella valle, in montagna,
nella pianura o sul mar.

Ognuno con il suo lavoro
con i suoi sogni ognuno,
con la speranza davanti,
e alle spalle i ricordi.

Io ho così tanti fratelli
che non riesco più a contar.

Gente dalle mani calde
perché son dell'amicizia
con un pianto che è da piangere
e una preghiera da pregar, finalmente

con un orizzonte aperto,
che sta sempre un po' più in là,
ma con la forza per cercarlo
con tenacia e volontà,

quando sembra più vicino
e quando si allontana sempre un po’ di più,
io ho così tanti fratelli
che non riesco più a contar.

Così continuiamo andando
Con un po' di solitudine
ci perdiamo per il mondo
ma ci torniamo ad incontrar

Così ci riconosciamo
guardandoci già da lontano,
per questi versi che cantiamo
semi d'immensità.

Così continuiamo andando
Con un po' di solitudine
ed in noi i nostri morti
perché nessuno rimanga indietro.

Io ho così tanti fratelli
che non riesco a contar
e una bellissima sorella
che si chiama
Libertà.

Contributed by Renato Curci - 2019/10/21 - 18:53



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org