Language   

Il nemico

Post-CSI
Language: Italian


Related Songs

Ultimo volo America
(Massimo Zamboni)
Radioattività
(Giorgio Canali & Rossofuoco)
Fuoco amico
(Giorgio Canali & Rossofuoco)


2015
Breviario Partigiano 1945-2015
breviario
Testo: Massimo Zamboni
Musica: Massimo Zamboni, Francesco magnelli, Giorgio Canali, Gianni Maroccolo
Ma io ho visto i morti sconosciuti, i morti repubblichini. Sono questi che mi hanno svegliato. Se un ignoto, un nemico, diventa morendo una cosa simile, se ci si arresta e si ha paura a scavalcarlo, vuol dire che anche vinto il nemico è qualcuno, che dopo averne sparso il sangue bisogna placarlo, dare una voce a questo sangue, giustificare chi l’ha sparso. Guardare certe morti è umiliante. Non sono più faccenda altrui; non ci si sente capitati sul posto per caso. Si ha l’impressione che lo stesso destino che ha messo a terra quei corpi, tenga noialtri inchiodati a vederli, a riempircene gli occhi. Non è paura, non è la solita viltà Ci si sente umiliati perché si capisce – si tocca con gli occhi – che al posto del morto potremmo essere noi: non ci sarebbe differenza, e se viviamo lo dobbiamo al cadavere imbrattato. Per questo ogni guerra è una guerra civile: ogni caduto somiglia a chi resta, e gliene chiede ragione. Io non credo che possa finire. Ora che ho visto cos'è la guerra, cos'è la guerra civile, so che tutti, se un giorno finisse, dovrebbero chiedersi: - E dei caduti che facciamo? Perché sono morti? - Io non saprei cosa rispondere. Non adesso, almeno. Né mi pare che gli altri lo sappiano. Forse lo sanno unicamente i morti, e soltanto per loro la guerra è finita davvero.*

Dimmi madre l'onda e la tempesta ed il
Tuono, ferma madre non tornare dentro.
Dimmi padre avrò sul capo mio il tuo
Perdono o dovrò padre mio tornare indietro.
Dimmi madre lunga e retta via o solo il
Fuoco, madre dimmi spegnerà il lamento.
Dimmi padre conta più l'onore
Dell'oro, padre conta più dell'abbondanza.
Il nemico è penetrato nella mia città,
Il nemico è penetrato nella mia città,
Il nemico è penetrato nella mia città,
Il nemico è penetrato nella mia città,
Il nemico è penetrato nella mia città.
Credi madre stanca è la bellezza del suono,
Credi madre gonfia l'arroganza credi padre il
Giorno nuovo porta condono porta padre mio solo tormento.
Il nemico è penetrato nella mia città,
Il nemico è penetrato nella mia città,
Il nemico è penetrato nella mia città,
Il nemico è penetrato nella mia città,
Il nemico è penetrato nella mia città.
* Cesare Pavese, La Casa in collina

Contributed by Dq82 - 2018/12/29 - 17:38



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org