Language   

Cappuccio rosso

Roberto Vecchioni
Language: Italian

List of versions

Watch Video

Video realizzato da Isotta Cini



More videos...


Related Songs

Cappuccio rosso
(Gianluca Grossi)
Il cuoco di Salò
(Francesco De Gregori)
Giulio
(Roberto Vecchioni)


Infinito (2018)
Infinito

Ayse Deniz Karacagil è morta in battaglia la mattina del 29 maggio 2017. Era una ragazza turca, aveva partecipato alle proteste a Gezi Park a Istanbul, per le quali era stata arrestata e condannata a 98 anni per terrorismo, scarcerata priam della condanna definitiva Ayse,a 24 anni, decise di andare in Siria a combattere con le Ypj contro l'Isis. In numerose foto compare con un cappello o foulard, da cui il soprannome.




zerocalcare0

zerocalcare1

Zerocalcare2

Tavole tratte da Kobane Calling di Zerocalcare.
Ti penso amore mio che sei lontano
ti penso con il mio fucile in mano
tu forse crederai che io sia pazza
che queste non son cose da ragazza

E invece viene un giorno nella vita
che scegli e se non scegli l'hai tradita
e non importa se si vive o muore
piangere gioia o ridere dolore

Questa curva di sole nel tramonto di Raqqa
mi disegna nel cuore l'arco della tua bocca
ho tagliato i capelli ho sfidato la rabbia
i miei giorni più belli sono lacrime e sabbia

Noi siamo di una patria senza terra
noi siamo curdi naufraghi di guerra
è l'alba e coi compagni sto partendo
e parto e coi compagni sto cantando

Ho in me tutte le favole di un tempo
attorno a un fuoco acceso e ora spento
e seguo il filo di una ninna nanna
chiedendomi se ho messo il colpo in canna

C'era un drago di fuoco che sbarrava la strada
ma non teme nemico un eroe con la spada
ma non ho mai capito come andava a finire
che succhiandomi il dito cominciavo a dormire

È il 29 maggio e non ho sonno
e qui c'è proprio il drago di mio nonno
saprò questa volta come va a finire
che non ho proprio tempo di dormire

Qui sparano li sento e non li vedo
qui sparano e mi sa che mi hanno preso
ma non temere amore non è niente
mi brucia un po' ma in fondo non si sente

metti il pane nel fuoco, versa il vino migliore
che ritorno tra poco è questione di ore
spazza tutte le foglie che l'autunno è passato
quando l'odio si scioglie che sia verde il mio prato

Se qualcuno me lo trova addosso
riporti a casa il mio cappuccio rosso

Contributed by Dq82 - 2018/11/28 - 10:54


Gianni Sartori - 2019/1/31 - 06:11



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org