Language   

When the Revolution Comes

The Last Poets
Language: English

List of versions


Related Songs

Whitey On The Moon
(The Last Poets)
E Pluribus Unum
(The Last Poets)
Niggers Are Scared of Revolution
(The Last Poets)


1970
The Last Poets
last

“Quando la rivoluzione comincerà/alcuni di noi probabilmente la guarderanno in TV/mangiando pollo/Saprai che è la rivoluzione perché/non ci saranno consigli per gli acquisti.” (When The Revolution Comes)

“Capisco che il tempo sta finendo capisco che il tempo sta finendo capisco che il tempo sta finendo”, scandisce urgente una voce fra ira, esultanza e spavento, mentre un’altra batte i secondi che passano – “tic toc tic toc tic toc” – e un rosario percussivo si sgrana sotto. È l’inizio di Run, Nigger. È l’inizio di “The Last Poets”. Sono passati trentun’anni da quando il brano e l’album vennero registrati e trenta precisi dacché, nell’aprile 1970, il disco raggiunse i negozi. La rivoluzione non c’è stata e il perché venne lucidamente, ferocemente profetizzato dagli stessi Ultimi Poeti in quel loro esordio a 33 giri, prima facciata, terza canzone: Niggers Are Scared Of Revolution, i negracci hanno paura della rivoluzione. Nondimeno quel sublime atto di rivolta civile, epilogo di un decennio che aveva visto l’ascesa e la caduta, sotto mani omicide, di Martin Luther King e Malcolm X, continua a esercitare un’influenza enorme. Gil Scott-Heron ne è stato figlio ed Eric Mingus è un nipote. Viene da lì l’hip hop politicizzato, in prima fila i Public Enemy, che dei Last Poets sono stati e sono i più plausibili eredi.

’erano stati i griot africani (una tradizione che si perde nella notte dei tempi). C’era stato il talking blues. C’erano state singole canzoni (penso alla travolgente Here Comes The Judge di Pigmeat Markham, un 45 giri su Chess del 1968). “The Last Poets” è tuttavia il primo album di rap che sia mai stato inciso e già solo per questo, non si trattasse cioè del capolavoro che è, è doveroso ricordarlo.

Alberto Arbasino
When the revolution comes
When the revolution comes
When the revolution comes some of us will probably catch it on TV, with chicken hanging from our mouths
You'll know it's revolution cause there won't be no commercials
When the revolution comes

When the revolution comes
Preacher pimps are gonna split the scene with the communion wine stuck in their back pockets
Faggots won’t think it’s so funny then and all the junkies will quit their nodding and wake up
When the revolution comes

When the revolution comes
Transit cops will be crushed by the trains after losing their guns and blood will run through the streets of Harlem drowning anything without substance
When the revolution comes

When the revolution comes
When the revolution comes
I hope pearly white teeth fall out of the mouths that speak of revolution without reverence
The cost of revolution is 360 degrees
Understand the cycle that never ends
Understand the beginning to be the end and nothing is in between but space and time that I make or you make to relate or not to relate to the world outside my mind your mind. Speak not of revolution until you are willing to eat rats to survive

When the revolution comes
When the revolution comes
When the revolution comes
Guns and rifles will be taking the place of poems and essays
Black cultural centers will be forts supplying the revolutionaries with food and arms when the revolution comes

When the revolution comes
White death will froth the walls of museums and churches breaking the lies that enslaved our mothers when the revolution comes

When the revolution comes
Jesus Christ is gonna be standing on the corner of Lennox Ave and 125th St trying to catch the first gypsy cab out of Harlem, when the revolution comes

When the revolution comes
Jew merchants will give away matzoh balls and gifilte fish to anyone they see with afros. Frank Schiffman will give away the Apollo to the first person he sees wearing a blue dashiki
When the revolution comes

When the revolution comes afros gone be trying to straighten their heads and straightened heads gone be trying to wear afros

When the revolution comes
When the revolution comes
When the revolution comes
But until then you know and I know niggers will party and bullshit and party and bullshit and party and bullshit and party and bullshit and party...

Contributed by Dq82 - 2018/10/23 - 14:33




Language: English

English Version by Jimmy Andrex

WHEN THE REVOLUTION COMES

It won’t be live & exclusive on Sky because we no longer believe in better unless we elect a left-wing leader then it’ll all be fully funded and HD ready like Allende in Chile with embedded celebs following our brave lads bombing so-called terrorists union leaders anti-frackers stand behind ‘em or stand in front of ‘em says the sticker in The Sun ‘cos they’re the only choices when the revolution comes.

Van drivers will round up all the ageing hipsters and Facebook warriors who’ve banged on for too long about how great punk was even though they’re too young like their dads did about the war and what was it for now the balding men sneer at their sons’ CD’s not threatening enough like their dads did about queers not nearly as edgy as their current re-inventions which shrivel and die when the revolution comes.

Gangs of feral teens will smash windows in peace getting trainers for free because the chief of police will say they’re not coming out if the numbers don’t stack up but the empty boxes do and Sports Direct will be easy and free as internet porn and council houses with lawns will be a dewy myth and who wants that anyway when we’ve got all this and unlimited talk when the revolution comes.

Performance poets will post comments about the march of rhyme and reason which are going out of season like Boxing Day sprouts driven right out of town by torchlit crowds making gut-level decisions based on clickbait hate from Facebook mates who don’t believe in Nothing but will believe anything so long as they already agree and anything they dislike is the product of elites, so long expertise when the revolution comes.

The Daily Mail’s owner will be cornered by angry liberals who’ve finally snapped got their act in gear knitted their beards into artisan crosses despite deep agnostic agonies and when they nail him up he gets another shock ‘cos he’s not the martyr in the middle of the piece he’s the common thief who couldn’t see a kingdom come nailed to a tree and then to rub it in he looks to his right and the Messiah’s a Palestinian refugee when the revolution comes.

When the revolution comes we’ll all have to be cruel to be kind because it won’t happen in the streets till it’s happened in the mind and no-one walks anywhere anyhow any more in an online village where everyone listens to Public Magicians’ superstitions and common sense spells and life’s too short so being English we’ll repress it and carry on just like before and we’ll certainly bore our Facebook friends to death

With poetry & bullshit
and poetry & bullshit
and poetry & bullshit
and poetry & bullshit

before any revolution comes.

Contributed by Dq82 - 2018/10/30 - 09:45




Language: Italian

Traduzione italiana di Silvia Pio da margutte.com

Nota introduttiva del traduttore:

Jimmy Andrex è uno dei performer più strabilianti che abbia mai incontrato. Le sue esibizioni sono, oserei dire, l’equivalente del rap nella Gran Bretagna post-industriale, con temi di attualità, linguaggio sincopato, ritmo sostenuto dai suoi aggeggi elettronici e l’energia di un ragazzo, seppure Jimmy abbia più di cinquant’anni.
Le sue performance sono molto richieste ed è una specie di star nello Yorkshire, dove è nato e vive.
Quando mi è venuto in mente di tradurre un suo pezzo, non avevo idea di cosa mi aspettasse ed ho pensato di gettare la spugna più di una volta. Però avevo già tentato la traduzione di Like a Rolling Stone di Bob Dylan e pensavo di aver capito il genere di atteggiamento da adottare. Non si può tradurre l’intraducibile. I pezzi di Jimmy sono una sequenza di parole senza respiro dove la struttura della lingua, così lineare in inglese, si perde nella valanga di immagini. I riferimenti a quanto succede in Gran Bretagna sono dovunque; me li sono fatte spiegare dall’autore ma non ho potuto riportare le spiegazioni qui perché avrebbero rovinato l’immediatezza dei testi. Ho spesso usato situazioni italiane in qualche modo equivalenti a quelle dell’originale. Infine il ritmo dato da accenti e rime è assolutamente irripetibile in italiano dove le parole sono più lunghe e meno ‘secche’. Per fortuna c’è la registrazione che dà conto di tutte le particolarità sonore del brano in originale.
When the Revolution Comes è ispirato al brano omonimo del gruppo The Last Poets, uscito nel 1970, che seguiva un genere musicale costituito da poesie recitate su un ritmo di percussioni.
Quindi voi che leggerete, ascoltate prima l’originale. Poi con lo stesso atteggiamento suscitato dal flusso di suoni immergetevi nella traduzione, sapendo che state leggendo qualcosa di diverso perché l’originale è irraggiungibile per chi non sa la lingua. Infine abbandonatevi alla protesta che il brano esprime e fatela vostra, immaginando la nostra politica, i problemi sociali, le ingiustizie economiche.
WHEN THE REVOLUTION COMES (omaggio a When the Revolution Comes di The Last Poets)

Non sarò dal vivo in esclusiva su Sky perché non credo più nel loro slogan “believe in better” (in quale futuro migliore dovrei credere?) a meno che non si elegga un leader vagamente di sinistra e spero non succeda come dopo Allende in Cile con celebrità incorporate che seguono i nostri bravi ragazzi che bombardano i cosiddetti terroristi sindacalisti e No-TAV se non ti piace te la faremo pagare dice l’adesivo o il titolo nel Sun perché non c’è che una scelta quando verrà la rivoluzione.

I camionisti cercheranno il tifo di tutti gli hipster di mezza età e dei guerrieri di Facebook che l’hanno tirata troppo lunga su come il punk era forte anche se sono troppo giovani uguale ai loro padri con la guerra e quello che hanno passato gli uomini che stanno ora diventando calvi disprezzano i CD dei loro figli che non sono abbastanza minacciosi uguale ai loro padri con i froci ma non così sulle spine come le loro reinvenzioni di adesso che raggrinziranno e moriranno quando verrà la rivoluzione.

Le gang di ragazzini feroci spaccheranno le vetrine in pace per servirsi di scarpe da fighi perché il capo della polizia dirà che non manda gli agenti se i bulli sono troppi e le scatole delle scarpe si svuotano e la catena Sports Direct continuerà a sottopagare i dipendenti sentendosi libera come il porno su internet e le case popolari col prato diventeranno un mito e chi le vuole ormai quando tutto è disponibile e la connessione sarà ancora più illimitata quando verrà la rivoluzione.

I poeti che poetano posteranno commenti sulla marcia delle logiche che vanno fuori moda come le feste di Natale e le mangiate di capitone che sono spinte fuori città da folle con le torce in mano che prendono decisioni di pancia basate sui clickbait degli amici di Facebook che non credono in niente ma sono disposti a credere in qualsiasi cosa alla quale hanno messo like e tutto quello che odiano è prodotto dall’elite, bye-bye esperienza quando verrà la rivoluzione.

Il proprietario del Daily Mail sarà messo al muro da liberali furiosi che finalmente sono esplosi hanno intrecciato le barbe come croci artigianali nonostante la loro agonia-agnostica e quando lo inchioderanno lui avrà un altro shock perché non è lui il martire nel centro ma il ladro comune che non vedeva il regno arrivare inchiodato ad un albero e per infierire guarderà alla sua destra e il Messia sarà un rifugiato palestinese quando verrà la rivoluzione.

Poesia & cazzate
e poesia & cazzate
e poesia & cazzate
e poesia & cazzate

Contributed by Dq82 - 2018/10/30 - 09:48



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org