Language   

A Natale

Edoardo Bennato
Languages: Italian, English


List of versions


Related Songs

Tu grillo parlante
(Edoardo Bennato)
Quando sarai grande
(Edoardo Bennato)
Canzone per l’estate
(Fabrizio De André)


(dicembre 2016)

Edoardo Bennato: voce
Giuseppe Scarpato: chitarre, basso e programmazioni
Raffaele Lopez: tastiere e programmazioni
Roberto Perrone: batteria


A Natale


Ci prepariamo alle feste con questa divertente canzoncina rock'n'roll estemporanea regalataci l'anno scorso dal grande Edoardo Bennato.
Chi è che si sente più buono,
chi è che si sente già male,
chi è che ci vuol benedire,
chi è che non vuol festeggiare…
A NATALE

Chi è che finanzia la guerra,
perché vuole vivere in pace,
chi è che prepara il cenone,
chi è che si va a confessare…
A NATALE

Chi è che è senza lavoro,
chi è che è senza peccato,
chi è che noleggia i gommoni,
a chi è costretto a scappare…
A NATALE

Un giorno credi di esser giusto
but this is Christmas
and Rock & Roll is the sound
that we love on the radio

Chi è che io l'albero niente,
è troppo americano,
chi è che il presepe nemmeno,
è troppo napoletano

Chi è che sta alle Maldive,
in spiaggia a prendere il sole,
chi è che è salito sul tetto,
e urla mi voglio buttare…
A NATALE

Chi è che fa il diavolo a quattro,
perché non lo fanno sposare,
chi è che asseconda il governo,
chi è che continua a sparare…
A NATALE

Contributed by CCG Staff - 2017/12/21 - 21:01


Il neonato morto in mare la notte di Natale è la nostra coscienza che ci urla in faccia
Era diretto in Italia, il bambino annegato nel mar Egeo insieme ad altri ventisei migranti. Una storia che racconta tutta l’ipocrisia del cristianissimo occidente.


Era diretto in Italia, non a Betlemme.
Era su un gommone malmesso senza giubbotto di salvataggio, non al caldo di una capanna tra il bue e l’asinello.

Non è nato la notte di Natale, ma è morto annegato nelle acque gelide del Mar Egeo.
Era un bambino, un neonato. E se n’è andato assieme ad altre ventisei persone, tra cui forse anche i suoi genitori.

Ok, ora che lo avete – che lo abbiamo – letto, possiamo tornare a festeggiare il Natale insieme ai nostri cari, al caldo delle nostre case, tra regali e cibo a volontà.
E possiamo pure tornare a lamentarci del Covid, della quarantena, della nostra normalità violata.
Possiamo far finta che non sia successo niente, e dimenticarci di quel bambino e della sua vita spezzata alla ricerca della sopravvivenza.

Possiamo far finta, ma in quel bambino c’è lo spirito di tutti i Natali, passati presenti e futuri, e tutta la nostra ipocrisia, e tutta la nostra falsa coscienza.
Perché quel bambino veniva da terre che abbiamo abbandonato al loro destino.
Perché si sarebbe salvato se non avessimo delegato la sua salvezza a trafficanti senza scrupoli, o a dittatori spietati che paghiamo fiori di miliardi l’anno per fare i carcerieri dei disperati, in Turchia come in Libia.

Perché parlare di corridoi umanitari, nel cristianissimo e civilissimo occidente sembra essere la peggior bestemmia.
Perché lo sappiamo benissimo, nel cristianissimo e civilissimo occidente, che la sola parola “accogliere” fa perdere le elezioni a qualunque politico la pronunci.

Oggi quando andremo a messa coi nostri vestiti migliori, quando spezzeremo il nostro pane migliore e berremo il migliore tra i vini, quando ci scambieremo regali costosi, almeno ricordiamoci di quel bambino, anche solo per un secondo. E ricordiamoci che è lui che paga il prezzo del nostro benessere. Che è con lui che abbiamo deciso di non condividere quel che abbiamo.

Che questo sacrificio, anche solo per un secondo, ci possa rendere migliori, è il miglior augurio che possiamo farci.

Francesco Cancellato
www.fanpage.it

daniela -k.d.- - 2021/12/27 - 12:47



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org