Language   

Nikolajevka

Massimo Priviero
Language: Italian

List of versions



[2004]
Testo e musica di Massimo Priviero
Album: "Testimone"

tst


"Mi è capitata fra le mani (e orecchie) questa bella canzone di Massimo Priviero, e quindi eccola qua."

Daniela "k.d." dal newsgroup it.fan.musica.guccini, 12 febbraio 2007.

Ringraziamo Daniela per il suo contributo, con il quale uno dei ng "fondatori" delle CCG continua a partecipare alla costruzione di questo sito. La canzone è una lettera del 1943 dal fronte russo, e riporta direttamente alla tragedia dell'ARMIR. [RV]
Ti scrivo dolce vita mia
chissà tu come stai
se ti riscalda il sole
se guardi le tue rose
se pensi ancora a me

il tempo qui non cambia mai
e il vento brucia gli occhi
la neve è così bianca
fa così freddo qui a Nikolajevka

Il capitano dice che
arriva chi ci salverà
ci dice “state in guardia...che il nemico è dappertutto,
il nemico, lui non dorme mai”

e fumo quelle che trovo
e sogno un po' di vino
e poi parlo da solo
e guardo il cielo chiaro
che non tramonta mai, non tramonta mai

e poi vorrei volare via
e poi vorrei volare via
volare fino al fiume
volare fino al Piave
che prima o dopo arriverà
che prima o dopo arriverà
dove nascono le rose
dove vedrò mia madre

e poi... prendere quel treno
che porta a casa tua
e chiederti perdono
di questa vacca guerra
che non è colpa mia
non è colpa mia...non è colpa mia.....

Contributed by Riccardo Venturi - 2007/2/12 - 10:17


se non sbaglio, dovrebbe esserci anche una versione in cui Priviero la canta insieme a Bubola...

Andrea - 2009/1/15 - 10:17


Nella versione su disco c'è un cameo di Bubola, che canta gli ultimi due versi

Alf - 2018/10/18 - 15:07



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org