Language   

Kirie è Criste

Voce Ventu
Language: Corsican


Related Songs

1769
(Diana di l'Alba)
U lamentu d'Antuninu l'ulmisgianu
(Antuninu Rossi)
A carta nera
(Voce Ventu)


Parole di Federicu Poggi
Musica dei Voce Ventu, gruppo corso formatosi nel 1995
Nell’album d’esordio, “Rughju di Vita”, pubblicato nel 2005

Rughju di Vita

Ancora una canzone dedicata a I Ghjuvannali, eretici “catari” o “fraticelli” pauperisti, dissidenti francescani, che nella Corsica del 300 pensarono di poter vivere in una comunità basata sulla totale condivisione del lavoro e del poco necessario, come in quelle cristiane delle origini… Ma nel 1363 il papa Urbano V ne decretò lo sterminio, completato nel 1364 con un grande rogo a Ghisoni, nella regione di Fium'Orbu, alle pendici di due cime che da allora portano i nomi di Kyrie Eleison e Christe Eleison, le invocazioni dei martiri condotti al supplizio “à nome di Cristu santu”



"E in quel medisimo stante, dopo la morte di Goglermo della Rocca, Polo e Arrigo, fratelli bastardi di Golglermo di Laitalà, visto che tutti li signori di Corsica che erano stati sposseduti a tempo di Goglermo della Rocca, tutti erano tornati al loro dominio e signorio, e che per tutto non li era sopra a loro signore nesciuno che le dominasse, procurorno di trovare modo di avere anchora Signoria. Si ritirorno in Carbini, e sotto nome di devotione formorno una certa confratia di homini e di femine, la quale andava cresciendo in quantità, e si chiamavano quelli della confratia li Jovanali. E dopoi cominciorno a dire che non li dovea esserez beni proprii, se non che dovea essere tutto in comune. E per più demostrazione di grande devotione e acquistare più credito et avere dalla sua parte e confratia più concorso di gente alla loro confratia. E Polo era il majore il chiamavano frate Polo et alcuni misser Polo. Era il capo e principale della confratia, e lui con molti confrati comminciorno a caminare per Corsica e passorno li monti verso tramontana. E arrivati in Alesciani frate Polo morse. E la compagnia resto in piedo tanto che se ne ando la fama a Roma ; ed essendo informato il Papa di questa cunfratia, judico che era specie d’eresia. Per il quale mando un frate che si chiamava frate Giorgio Sardo, di ordine di San Francesco, e fece fare la crociata contro li Jovanali in Alisciani, e la una e la altra parte erano tutti Corsi. E la crociata vinse, e restono li Jovanali morti e abbrucciati in quello medisimo luogo."

(Dalle “Chroniche” di Pier’Antonio Monteggiani, cronista corso del 500)

Sonanu triste campane
Kyrie si face cantu
Omi è donne marturiati
Si ne vanu à core frantu
Chì focu face sintenza
À nome di Cristu santu.

Sei culombe sò passate
In lu celu di Ghisone
À lu cantà di lu Kyrie
Lu volu in Razzu si pone
Monte Razzu lu to nome
Sarà Kyrie Eleison.

L’idea fatt’eresia
Si ne fughje u peccatore
Aparta hè la caccia mossa
À nome di u signore
È per pagà lu peccatu
Feranu lu sangue corre.

Lu volu di le culombe
Cum’è un segnu si pone
À l’intunà di lu Criste
In la cima senza nome
O corsi la santa cima
Sarà Criste Eleison.

In la petra per u sempre
Hè sulcatu u vostru nome
Dui cime per memoria
Kyrie è Criste Eleison.
Dui cime per memoria
Kyrie è Criste Eleison.

Contributed by Bernart Bartleby - 2015/10/8 - 09:01



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org