Language   

Paul Verlaine: Chanson d’automne

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Language: French

List of versions


Related Songs

Le sceptique
(Georges Brassens)
Les poètes
(Louis Aragon)
Schlaflied für mich
(Selma Meerbaum-Eisinger)


[1865]
Versi di Paul Verlaine, nella sezione “Paysages tristes della raccolta intitolata “Poèmes saturniens” pubblicata nel 1867.
Messa in musica (swing) da Charles Trénet nel 1941 con il titolo “Verlaine”. Ripresa in seguito da Georges Brassens e da Léo Ferré.

Poèmes saturniens
Charles Trénet, “Verlaine”

Cosa caspita c’entra questa canzone con le CCG? Beh, la propongo timidamente come Extra ma in qualche modo c’entra perchè la prima strofa (con Bercent al posto dell’originale Blessent, così come nella versione di Trénet) fu recitata dai microfoni di Radio Londra il 5 giugno 1944 alle ore 21.15 e conteneva un messaggio in codice con cui gli Alleati avvisavano un parte della Resistenza francese (quella coordinata da Philippe de Vomécourt, detto Antoine, capo della rete VENTRILOQUIST e membro del Special Operations Executive britannico) di dare inizio alle operazioni di sabotaggio contro i nazisti nell’imminenza dello sbarco in Normandia, l’operazione che, insieme alle offensive sovietiche dell’inverno e dell’estate del 1944, segnò di fatto l’inizio della fine del Reich hitleriano.



Una poesia ed una canzone importanti, dunque, che proprio in questi giorni, a 70 anni da quello storico evento, meritano forse di essere ricordate.
Les sanglots longs
Des violons
De l’automne
Blessent mon cœur (1)
D’une langueur
Monotone.

Tout suffocant
Et blême, quand
Sonne l’heure,
Je me souviens
Des jours anciens
Et je pleure ;

Et je m’en vais
Au vent mauvais
Qui m’emporte
Deçà, delà, (2)
Pareil à la
Feuille morte. (3)
Note

1) Come già accennato nell’introduzione, nella sua versione Charles Trénet sostituisce “Blessent” con “Bercent”, anche se anni dopo riprese il verbo originale.

2) Trénet canta “De ci, de là”

3) Trénet ripete due volte l’ultima strofa, intervallando con una frase parlata: “Cette paisible rumeur-là vient de la ville”.

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/6/8 - 21:52




Language: Italian

Traduzione italiana di Giuseppe Cirigliano
CANZONE D’AUTUNNO

I lunghi singhiozzi
Dei violini
D'autunno
Mi feriscono il cuore
Con un languore
Monotono.

Tutto affannato
E pallido, quando
Rintocca l'ora,
Io mi ricordo
Dei giorni antichi
E piango;

E me ne vado
Nel vento maligno
Che mi porta
Di qua, di là,
Simile alla
Foglia morta.

Contributed by Bernart Bartleby - 2014/6/8 - 21:54




Language: Italian

Traduzione italiana di Giorgio Pinna
CANZONE D'AUTUNNO

I lunghi singhiozzi
dei violini d'autunno
feriscono il mio cuore
con languore monotono,

soffocante
e pallido,quando
suona l'ora,
mi ricordo
dei giorni passati
e piango;

e me ne vado
nel vento malvagio
di qua, di la,
come una foglia morta.

Contributed by Giorgio Pinna - 2018/11/23 - 15:32




Language: Italian

Traduzione di Natalino Sapegno.
Dalla mia antologia delle superiori (Mario Pazzaglia)
CANZONE D'AUTUNNO

I lunghi singulti
dei violini
d'autunno
mi lacerano il cuore
d'un languore
monotono.

Pieno d'affanno
e stanco, quando
l'ora batte
io mi rammento
remoti giorni
e piango.

E mi abbandono
al triste vento
che mi trasporta
di qua e di là
simile ad una
foglia morta.

Contributed by Dario - 2019/1/28 - 23:27


La canzone è anche l'ideale sottofondo del racconto Due, tratto da Sconosciute di Modiano. Un ritratto indelebile di un'adolescente nel difficile passaggio all'età adulta.

Matteo - 2017/7/19 - 10:38




Language: Esperanto

Questa canzone e' stata tradotta piu' volte in esperanto. Questa e' la traduzione piu' nota, fatta dal poeta ungherese Kalman Kalocsay e pubblicata ne libro Tutmonda sonoro, 1981, 2, p. 467
AŬTUNA KANTO

La velk-sezon'
per violon'
ĝemo-sona
vundas ĉe l' kor'
min per langvor'
monotona.

Sufoke nun
kaj pale, dum
tintoj horaj,
memoras mi
kaj ploras pri
tagoj foraj.

Mi vagas, jen
zigzagas en
vento forta
kun svena fal',
simile al
branĉo morta.

Contributed by Renato Corsetti - 2018/1/30 - 16:26


grazie è stato molto utile

matteo - 2018/6/15 - 18:10


questa poesia di Paul Verlaine, è stata usata durante lo sbarco in Normandia per indicare ad un certo gruppo di resistenti ad inescare un attentato

matteo - 2018/6/15 - 18:12


Caro matteo, se tu avessi letto l'introduzione...

B.B. - 2018/6/15 - 21:04


Una famiglia all'ascolto di Radio Londra, con maschere antigas

Una famiglia all'ascolto di Radio Londra, con maschere antigas


gianfranco 20 sett. 2019

2019/9/20 - 15:22


Innegabile meraviglia dei versi originali.
fabien

2019/9/25 - 21:32




Language: Italian

Versione italiana di Stefano Castelli
I lunghi singhiozzi
Dei violini
D'autunno
Mi feriscono il cuore
Con un languore
Monotono

Tutto affannato
E pallido
Quando suona l'ora
E mi ricordo
i vecchi tempi
E piango

E mi lascio
Al vento oscuro
Che mi trascina
Di qua e di la
Come la
Foglia morta

Contributed by Castelli stefano - 2019/11/13 - 21:57



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org