Language   

Reggio Calabria '72‎

Francesco "Ciccio" Giuffrida
Languages: Sicilian, Italian


Related Songs

L’amanti miu
(Francesco "Ciccio" Giuffrida)
Calamandrei
(Francesco de Francisco e Francesco Giuffrida)
Stabat mater dolorosa
(Francesco "Ciccio" Giuffrida)


‎[1972]‎
Versi di Francesco Ciccio Giuffrida ‎
Musica di Renato Carpentieri
Testo trovato su Il Deposito

Reggio Calabria '72 - Archivio Storico CGIL
Reggio Calabria '72 - Archivio Storico CGIL


Riporto di seguito l’introduzione di Riccardo Venturi a I treni per Reggio Calabria di Giovanna Marini.‎
Si veda anche Reggio la rabbia esplode di Janna Carioli.‎

Tra la fine degli anni sessanta e l'inizio dei settanta, la strategia della tensione e ‎delle bombe, volta ad annegare nel sangue e nel terrore i movimenti di rivendicazione sociale, ‎esplose anche al Sud, dove nelle lotte contro le gabbie salariali era emerso un elevato livello di ‎protesta da parte della classe operaia. Contro le rivendicazioni dei lavoratori, sangue fu sparso ad ‎Avola (dicembre '68) durante le lotte dei braccianti per ottenere miglioramenti contrattuali e a ‎Battipaglia nelle manifestazioni contro la chiusura di alcuni tabacchifici.

A Reggio Calabria nel periodo luglio-settembre 1970 si susseguirono scioperi generali, occupazioni ‎della stazione, dell'aeroporto, delle poste, per protestare contro il trasferimento del capoluogo ‎regionale a Catanzaro. Le organizzazioni di estrema destra (Fronte Nazionale, Ordine Nuovo e ‎Avanguardia Nazionale) risposero a questa ondata di protesta sociale scatenando la serie di attentati ‎dinamitardi e di disordini di piazza noti come "i moti di Reggio Calabria", provocando vittime e ‎feriti.

Il 22 luglio 1970 a Gioia Tauro una bomba fece deragliare il treno "Freccia del Sud", provocando 6 ‎morti e 54 feriti. Il 4 febbraio 1971 venne lanciata una bomba contro un corteo antifascista a ‎Catanzaro. Alla strategia del terrore si affiancava, da parte delle forze di destra, il tentativo di ‎cavalcare le proteste sociali e di accreditarsi, al grido di "Boia chi molla", come i rappresentanti ‎degli interessi degli emarginati.

In questo contesto di bombe e di terrore, i sindacati metalmeccanici decidono di organizzare una ‎grande manifestazione di solidarietà al fianco dei lavoratori calabresi, direttamente a Reggio ‎Calabria: per la prima volta sono gli operai del Nord e del Centro che scendono a manifestare al ‎Sud, e non viceversa.

Lo storico appuntamento viene fissato al 22 ottobre del 1972. I neofascisti tentano di impedire ‎l'arrivo dei manifestanti con una serie di attentati ai treni in viaggio verso Reggio Calabria (otto ‎bombe nella sola notte tra il 21 e il 22 ottobre 1972), ma i compagni e le compagne che hanno ‎deciso di raggiungere il Sud non demordono: arrivano in 40.000 a Reggio Calabria e ai treni ‎speciali si aggiunge anche una nave, noleggiata da 1.000 operai dell'Ansaldo di Genova.
Di Palermu e di Pescara
e di Napuli e Agrigentu
arrivaru su' migghiara
ogni omu cunta centu
E sbarcanu dintra Reggiu
e caminanu 'nte strati
timurusi alleggiu alleggiu
ogni figghiu ccu lu patri

L'operai e li cuntadini
li braccianti su' vinuti
ci su' fimmini e bambini
tutti frati scanusciuti
Ci su' i fimmini cchiù beddi
pirchì volunu luttari
e vucìanu comu aceddi
nuddu cchiù li pò firmari

E ci sunu li carusi
ca non volunu emigrari
‎“O governu di schifusi
cca nascemu e amu a ristari!”
Tuttu u Sud è cca prisenti
p'accuntrari a li cumpagni
non ci sunu pussidenti
ci su' i fabbrichi e i campagni

Stan giungendo i primi treni
la stazione è già una piazza
sono veneti e toscani
mille le bandiere rosse
E si guardano d'attorno
gli hanno detto “Son fascisti”
ma è già rosso tutto intorno
‎“Qui son tutti camunisti!”

I fascisti dove sono?
Son nascosti nelle fogne
oggi Reggio è capitale
di un'Italia di compagni
e si guardano i compagni
nella lotta e nelle pene
un abbraccio, un solo grido
viva il Nord e il Sud insieme

E lu figghiu lassa u patri
e s'abbraccia 'npulintuni
è 'ncumpagnu novu frati
‎'nta la lotta a li patruni
e s'ammiscunu li mani
su' caddusi chisti e chiddi
e li vecchi a manu a manu
su' turnati picciriddi

Non si sentunu cchiù suli
a luttari disperati
si quarìanu a lu suli
ca li trova affratillati

Dopo ottanta, cento treni
non si ferman le colonne
la stazione è sempre piena
di operai giovani e donne
son tornati gli emigranti
anche per un giorno solo
i fratelli han ritrovato
che li aspettano sicuri

E turnaru l'emigrati
e macari 'nghiornu sulu
e truvaru a li so frati
ca l'aspettanu sicuru

Ed i treni son passati
proprio accanto alle autostrade
tra paesi di nessuno
tra campagne abbandonate
son rimaste queste scene
sia negli occhi che nel cuore
gli operai: “Non più cannoni
ma dobbiamo far trattori!”

Lu braccianti e l'operaio
già si parrunu 'nfucati
e si cuntunu ogni guaio
comu fussiru du frati
‎“Quanti semu? Du miliuna
cu sa fida cchiù a cuntari
semu cchiù di li patruna
chistu è chiddu c'ampurtari”

Ed il Nord e il Sud uniti
un corteo, mille cortei
ed è un fiume, fiume in piena
fiume rosso d'operai
otto volte quella piazza
fu riempita e poi svuotata
otto volte tutta rossa
e ogni volta più infuocata

Tutta Reggiu s'è affacciata
non c'è cchiù cu parra alleggiu
u corteo va 'nta ogni strata
‎'ntesta l'operai di Reggiu
c'è cu cerca i camerati
non si virunu 'nta via
cerca cerca e su' ammucciati
propriu arreri a polizia

Che jurnata nova e bella
prima petra 'i l'avveniri
l'unità la russa stella
già spuntò e non pò muriri
Che giornata nuova e bella
prima pietra del futuro
l'unità la rossa stella
è già sorta e più non muore

Contributed by Bernart - 2013/11/14 - 10:26



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org