Language   

La zappa e la sciabola

Nino Quaranta
Language: Italian (Calabrese)

List of versions


Related Songs

Li tempi di Burbuni su finiti
(LiraBattente)
Brigantiska
(Sandro Sottile)
Canto dei carcerati calabresi
(Ornella Vanoni)


Album : Memoria

Album dedicato alle poesie dialettali del poeta comunista Pasquale Creazzo



Una delle poesie più belle del poeta dialettale Pasquale Creazzo (Cinquefrondi, 1875-1963). E' il dialogo tra la creatività, che fa fiorire i frutti della terra, rappresentata dalla zappa e, la distruzione, la morte, rappresentata dalla sciabola. Credo che, a pieno titolo, possa essere annoverata tra le più belle poesie contro ogni violenza e ogni guerra. Qui viene interpretata in versione acustica da Nino Quaranta, autore delle musiche, con Maniera d'Autore.
Dalla pagina youtube di Nino Quaranta
Nc'era 'na zappa penduta a 'nu muru
di 'nu catòju nìuru affumbicàtu,
china di ruggia, queta, ntra lu scuru,
cu na lucenti sciàbula di latu.

La sciàbula nci dissi: « O zappa strutta,
vattindi, esci di ddocu pe favùri:
non è lu postu tój, tamàrra brutta
vicin'a mmìa chi lustru di sbrenduri.

Non bi' ca feti a pesta di fumèri,
di terra e porcaria chi sai 'nchiappari?
Lordazza, esci di ddocu ca non meri
di latu a nu strumentu militari!...

Iu vegnu di la guerra e cu l'onùri
di prìncipi, surdati e cavaleri,
ca fici valentìzzi a tutti l'uri,
mpilandu musurmàni e turchi veri.

E mi portaru ccà pe 'nu ricordu
di groglia e di curaggiu militari,
e non vurrìa daveru mu m'allòrdu
mpenduta cu nu ferru di zappàri!

A tìa lu to patrùni ti lassàu
pe quantu si sdegnùsa, zappa brutta!
ma quando nd'appi a mmia si ricriàu,
se bòi pe mmu la sai la storia tutta.

E... ndi minàmmu botti di crepàri...
ndi ficimu jochétti ntra la guerra...
tagghjandu a MoriMamma e und'esci pari,
e non c'importa mu ca dormi 'n terra!

Ca mó, cu vid'a mmìa si l'arricorda
li valentizzi sój, la sój persùna...
m'a ttìa, cu vid'a ttìa, zappùna lorda,
vicin'a mmìa pi scornu si mpuzzuna! »

La zappa cchjù non potti risístiri,
e nc'issi: « Veramenti si mprisùsa...
m'a mmìa non mi cumbínci lu to diri,
ca si putenti, guappa e valurùsa.

Lu vì, pi ttìa 'sta casa è ruvinàta;
spirtu di nfernu, facci di guccèri,
nfama, spaccùna, brutta sbuccazzàta,
vattìndi tu de ccà, ca tu non meri.

Tu feti di peccati di 'sassìna,
tu lustri di dolùri, chianti e guaj,
di sangu tu si lorda china china,
e tu smerdiji a mmìa pecchì zappài?

Undi t'azzìppi tu lu beni peri;
peri la gioventù e nun c'è chi fari,
ma und'eu zappài la terra cu fumèri
nzumàu lu megghiu cjuri di mangiari.

Pe mmìa si fa lu 'ranu pe farina
e di la terra tutti li prodùtti;
senza di mìa non gugghij la cucina
e mancu vinu trasi ntra la gutti.

E nd'hai l'ardìri pe mmu mi mpuzzùni
ca lu patrùni meu m'abbandunàu;
ma quandu mi mpendìu cu lu spuntùni
sacciu io sula chianti chi jettàu!

Mu cangi'ammìa pe ttia, mu va a la guerra,
'na leggi pripotènti l'obbrigàu,
se nno non jia m'arròbba strana terra,
pe cui la morti barbara trovàu!

E mó, guarda 'sta vecchia nduluràta
chi lu figghiòlu ciangi notti e jornu;
guardala com'è affrìtta, scunsulàta,
ca ciangi puru tu se senti scornu.

Moríu, ntra 'stu catóju l'abbundanza,
'nu mantu di dulùri l'accuppàu!
finíu cu chianti e luttu la speranza,
chi mmu t'allàmpi tu e cu ti purtàu!

Scappa, fuji di ccà birbant'azzàru,
ca nun c'è mostru bruttu comu a ttìa,
va fa pe mmu ti 'mpasta lu furgiàru,
pe mmu ti faci zappa comu mia! »

Contributed by adriana & giorgio - 2013/4/6 - 11:04



Language: Italian

Versione italiana di Giorgio
LA ZAPPA E LA SCIABOLA

C'era una zappa appesa a un muro
di un tugurio nero, affumicato,
piena di ruggine, quieta, nell'oscurità,
con una lucente sciabola di lato.

La sciabola le disse: « O zappa strutta,
vattene, esci di qui per favore:
non è il tuo posto questo, cafona brutta
vicino a me, che luccico di splendore.

Non vedi puzzi a peste di letame,
di terra e porcherie di cui ti sporchi?
Lordaccia, esci di qui ché non fai bella figura
di lato a uno strumento militare!...

Io vengo dalla guerra e con l'onore
di prìncipi, soldati e cavalieri,
ché ho fatto spavalderie a tutte l'ore,
infilzando musulmani e turchi veri.

E mi hanno portato qua per ricordo
di gloria e di coraggio militare,
e non vorrei davvero sporcarmi
appesa con un ferro per zappare!

A te il tuo padrone ti ha lasciato
per quanto sei sdegnosa, zappa brutta!
ma quando ha avuto me s'è ricreato,
se vuoi sapere la storia fino in fondo.

E... ne abbiamo menato botte da crepare...
ne abbiamo fatto giochetti in guerra...
tagliando alla cieca, dov'esce pare,
e non importa ora se dorme in terra!

Perché ora, chi vede me se le ricorda
le sue spavalderie, la sua persona...
ma te, chi vede te, zappona lorda,
vicino a me, si danna di vergogna! »

La zappa non poté più resistere,
e le disse: « Sei veramente presuntuosa...
ma a me non mi convince il tuo dire,
che sei potente, spavalda e valorosa.

Lo vedi, per te questa casa è rovinata;
spirito d'inferno, faccia da macellaio,
infame, spaccona, brutta sboccata,
vattene tu da qui, ché tu, non fai bella figura.

Tu puzzi di peccati di assassina,
tu luccichi di dolore, pianti e guai,
di sangue tu sei lorda, piena piena,
e tu sparli di me perché ho zappato?

Dove tu ti conficchi il bene sparisce;
sparisce la gioventù e non c'è che fare,
ma dov'io ho zappato la terra con letame
e' cresciuto il miglior fiore per mangiare.

Per me si fa il grano per farina
e tutti i prodotti della terra;
senza di me non bolle la cucina
e manco vino entra nella botte.

E hai l'ardire di torturarmi
ché il mio padrone m'ha abbandonato;
ma quando mi ha appeso a questo spuntone
so solo io quanto ha pianto!

A cambiar me con te, ad andare in guerra,
l'ha obbligato una legge prepotente,
se no, non andava a rubare terra straniera,
per trovare la barbara morte!

Ed ora, guarda questa vecchia addolorata
che piange suo figlio notte e giorno;
guardala com'è afflitta, sconsolata,
ché piangi pure tu se provi vergogna.

e' morta, in questo tugurio, l'abbondanza,
un manto di dolore l'ha avvolta!
e' finita con pianti e lutto la speranza,
che possa fulminarti tu e chi ti ha portato!

scappa, fuggi di qua birbante acciaio,
ché non c'è mostro più brutto di te,
va a farti impastare da un fabbro,
per farti fare zappa come me! »

Contributed by giorgio - 2013/4/7 - 13:16


La poesia "La Zappa e la Sciabula" fu composta da Pasquale Creazzo nel 1911, all'epoca della guerra coloniale italiana contro la Libia...

Bernart Bartleby - 2015/10/26 - 13:57



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org