Language   

Lettera ad Adriano

Zarathustra
Language: Italian

List of versions


Related Songs

Via ippodromo
(Lele Ravera)
La ballata del Pinelli
(Autori Vari / Different Authors / Différents Auteurs)
Ha muerto Elba Susana
(Rolando Alarcón)


[2003]
Dal primo album degli Zarathustra, "Strade"

Gli Zarathustra in concerto a Priolo (SR) nel settembre 2002. Da sinistra Andrea Sanfilippo, Alessio Russo, Paolo Sanfilippo, Lamberto Nigro.
Gli Zarathustra in concerto a Priolo (SR) nel settembre 2002. Da sinistra Andrea Sanfilippo, Alessio Russo, Paolo Sanfilippo, Lamberto Nigro.



Una canzone dedicata a Adriano Sofri. Certo, forse non tiene eccessivo conto dell' "evoluzione" che Sofri ha avuto in questi disgraziati anni di carcere, del Sofri che scrive sul "Foglio" di Giuliano Ferrara, del Sofri che approva i bombardamenti NATO su Belgrado e la guerra in Kosovo, del Sofri che non perde occasione, adesso, di giustificare la politica di aggressione dello stato di Israele. Ma forse, chissà, Sofri è soltanto un pretesto per parlare di certe altre cose, di certe altre persone. Una canzone, anch'essa, di Reti invisibili. Così la vogliamo considerare. [RV]

Manoscritto di "Lettera ad Adriano"
Manoscritto di "Lettera ad Adriano"
Era l’ottobre del 1998. Non so dire con esattezza in che luogo mi trovassi, sospeso com’ero lì, in aria, in una terra di nessuno. Non si tratta di facile poesia ma di reali contingenze: viaggiavo in aereo alla volta di Milano nella disperata quanto vana ricerca di responsi discografici.

La mia vita procedeva per il meglio: dopo appena due anni di attività musicale ero già proiettato, o così almeno credevo, verso traguardi ben più importanti e inoltre la beata incoscienza dei vent’anni non lasciava presagire le future e oziose complicazioni.

Conoscevo vagamente la vicenda di Adriano Sofri e le mie idee politiche, confusamente di sinistra, erano basate più su banali e abusati slogan da piazza che su una coscienza critica e attenta.

Ma fu lo stesso una folgorazione. Stavamo volando sopra la Toscana, io mi trovavo su quell’aereo sereno e gonfio di speranze mentre migliaia di metri più in basso, in una cella, si logoravano gli anni di un uomo innocente.

La contrapposizione era stridente: io, immeritata mente, godevo dei miei privilegi piccolo-borghesi e lui, che invece aveva lottato per la costruzione di una società meno opprimente, si ritrovava privato di ogni più elementare diritto.

Ed ecco allora scaturire interrogativi sulla nostra storia recente, quella che non è possibile studiare a scuola, cui solo un protagonista come Adriano Sofri potrebbe fornire esaustive risposte, anche ora, incredibilmente costretto a scontare una condanna assolutamente immeritata. Ora che volo sopra i tuoi affanni non mi è difficile immaginare l’ardire liso dei tuoi cinquant’anni…

Andrea Sanfilippo.
Non sarà il primo non sarai l’ultimo a pagare
quali parole quali ideali possono ancora servire
cos'è rimasto nella memoria che possa ancora giovare
quanti processi quali congiure devono ancora venire.
Ora che volo sopra i tuoi affanni
non mi è difficile immaginare
l’ardire liso dei tuoi 50 anni
la luce a strisce che vedi entrare
ma tu che c’eri ma tu che hai visto
tu che alla lotta non sei restio
per l’ideale di cui sei intriso
da quello stesso che io ho condiviso
dimmi Adriano i tuoi vent’anni
sfuggiti al mondo prima che fosse mio.

Parliamo prima della mia terra e di Siracusa
dimmi di Avola il 2 dicembre del '68
della violenza di cui spesso il governo abusa
mi serve l’ieri per il presente contro cui lotto.
Cosa chiedevano quei braccianti
per meritare il triste finale
dato dal lutto di tutti quanti
grazie agli spari del Quirinale
ma tu che c’eri ma tu che hai visto
tu che hai sentito il suo deflagrare
l’anno seguente sotto natale
di quella bomba senza ideale
vedesti alzarsi l’arma di legge
giustizia e Pinelli precipitare.

Sei stato l’ultimo non certo il primo a capitolare
vite recise dall’ingiustizia resa violenta e legale
come a Saverio cui un lacrimogeno
andò il suo cuore a spaccare
un anno dopo piazza Fontana tornò lo stato a far male.
Hai conosciuto Giorgiana Masi
vittima sempre di polizia
di quella legge imposta col piombo
da questa nostra democrazia
ma tu che c’eri ma tu che hai visto
tu che hai sentito approvare
leggi fasciste dette speciali
dai gladiatori parlamentari
quali ministri che ministeri devono ancora pagare.

Lo vuoi sapere per che motivo
siete tu e gli altri a pagare
se le BR hanno ammazzato che ti aspettavi Adriano
sei comunista e in quanto tale
uomo che è meglio evitare
poi certo è peggio Renato Curcio che il reazionario cristiano
ma la tua voce sega le sbarre di queste carceri liberali
e ci ricorda che è facile trarre larghi consensi con falsi ideali
tu che ci sei tu che lo vedi
spiegami l’oggi dimmi di ieri
qual è il passato da rinnegare quale presente si può accettare
ma arriverà il tempo compagno e saremo
forse più vecchi, certo più fieri.

Contributed by Riccardo Venturi - 2006/8/9 - 13:17


Cari compagni, vi ringrazio per avere pubblicato le mie canzoni sul vostro sito.
Mi piacerebbe sapere come avete conosciuto me e il mio gruppo anche per rendermi conto della nostra cerchia di utenza.
Spero di potervi essere utile per qualsiasi altra cosa decidiate di pubblicare, chiarimenti o testi.
A presto
Andrea Sanfilippo

Ciao Andrea e piacere di sentirti. Il tuo gruppo è stato...reperito dall'instancabile Adriana del nostro staff; ma ancora prima (nel 2002) si era parlato di te, con apprezzamenti e critiche, sulla vecchia mailing list "Brigata Lolli" (poi chiusa e in seguito "rinata"). Avevi anche tu fatto un intervento, seppure indirettamente. Grazie ancora, e se possibile ci piacerebbe un tuo intervento personale a commento dei testi delle canzoni degli Zarathustra. [Riccardo Venturi]

zarathustra2001@tin.it - 2006/8/15 - 18:44


Vi parlerò allora della canzone che avete recensito più diffusamente: Lettera ad Adriano.
La genesi la conoscete già, i futuri sviluppi non li conosco nemmeno io.
Come voi non ho nè apprezzato nè condiviso alcune posizioni di Sofri, già a partire dai giorni successivi all'undici settembre, ma io parlo di una vittima e non di un eroe e quindi non mi aspetto di doverne sempre cantare le lodi.
Resta comunque il fatto che sia un innocente e che paga per una pregiudiziale ideologica più che per una colpa acclarata.
Non so se avete mai letto gli atti del processo riportati dal sito di Radio Radicale, vergognoso è l'unico aggettivo da affibiare a quel grottesco concerto di magistrati in mala fede e pentiti prezzolati.
Avete ragione comunque quando dite che Sofri è un'espediente narrativo per parlare di un certo periodo.
L'ex leader di Lotta Continua è il muto interlocutore delle mie domande e delle risposte che ognuno riesce a darsi sui fatti di Avola, di Piazza Fontana, dell'omicidio Pinelli o Saverio Saltarelli e Giorgiana Masi, insomma un prestanome per tutte le tragedie nostrane che con il passare degli anni sono diventate geografia o sterile nomenclatura.
Un grazie a tutti voi comunque per eccervene interessati e un bacio ad Adriana che mi ha presentato.
Sempre a disposizione per qualsiasi cosa.
Ciao
Andrea Sanfilippo

zarathustra2001@tin.it - 2006/8/16 - 19:52


ciao andrea sanfilippo sono un tuo grande fan ti volgio incontrare dal vivo

benny@hotmail.it - 2008/10/12 - 17:04


Chi è andrea sanfilippo?
(nichi)

A occhio e croce, l'autore di questa canzone. Saluti. [RV]

2008/10/17 - 19:35


andrea sanfilippo hai msn?
(sara)

Ehi, Sara, o che ti sei innamorata di Andrea Sanfilippo? Guarda che questo sito non è Facebook, eh. Ad ogni modo se Andrea si fa vivo te lo segnaleremo. [CCG/AWS Staff]

2008/10/25 - 21:33


non mi sono innamorata voglio conoscere di persona andrea sanfilippo ho sentito le sue canzoni mi sono piaciute

sara - 2008/10/29 - 20:12


non mi avete detto se cè andrea sanfilippo qua
(sara)

Sara carissima, se cerchi Andrea Sanfilippo bisogna che tu vada sul suo sito. Ora però tu ci avresti anche un pochino caramellato la minchia; ergo usa Google, e facci il piacere di svanire di qui. Grazie! [CCG/AWS Staff]

2008/11/3 - 20:42


"Caramellato la minchia" è proprio una bella espressione... mi ha fatto molto ridere... ora provo ad usarla con i capi in ufficio...
Ciao!

Alessandro - 2008/11/4 - 08:07


ciao andrea sono un tuo grande fan quando fai un concerto dal vivo?

2009/5/20 - 14:29


Buonasera ,

Scrivo qui dopo lunghe ricerche su internet ed anche al "solito" negozietto nascosto di musica di nicchia perchè ... Non riesco a trovare da nessuna parte la canzone per l'ascolto , nè tantomeno l'album.
Qualcuno dei lettori ne dispone una registrazione ?

I miei complimenti allo staff di Antiwarsongs che come spesso accada mi fa trovare splendide canzoni.

Stefano.

Stefano - 2015/12/12 - 18:19



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org