Language   

Occupy World Street

Modena City Ramblers
Languages: Italian, English

List of versions


Related Songs

'A bannera
(Mocogno Rovers)
Transamerika
(Modena City Ramblers)
S'ciòp e Picòun
(Modena City Ramblers)



2013
Niente di nuovo sul fronte occidentale
MCR-niente di nuovo

Niente di nuovo sul fronte occidentale è un doppio album studio dei Modena City Ramblers, il tredicesimo della loro carriera. Sono diciotto le canzoni contenute nell'album: scritte, arrangiate e prodotte dai Modena City Ramblers.

Lato A: Niente di nuovo: Niente di nuovo sul fronte occidentale - Occupy World Street - È primavera - C'era Una Volta - La Guèra D'L Baròt - Pasta nera - Fiori d'Arancio e Baci di Caffè - La luna di Ferrara- Beppe e Tore
Lato B: Sul fronte occidentale: Il Violino di Luigi - Due magliette rosse - Tarantella Tarantò - La Strage delle fonderie - Afro - Kingstown Regatta - Il giorno che il cielo cadde su Bologna - Nostra Signora dei Depistati - Briciole e spine


Occupy-Wall-Street
In tenda nel parchi della città,
in piazza di fronte alla polizia,
sventolano bandiere, è come un arcobaleno.
Non c'è un capo, non c'è partito,
il 99 per cento,
in cento lingue diverse intonano "equità"!
Dalla Primavera di Tahrir al morso della Grande Mela,
ricorda i Chicago Eight, Robin Hood che sfida la NATO!
Hey Mister, segui il tuo cuore!
Deve esserci un mondo diverso,
aspetta oltre questa finanza e le mafie corporate.
"Occupy World Street"!
The only solution is world revolution
we don't need Wall Street to build our society!
La lezione già l'hanno imparata,
non cadranno in provocazione,
è un'eco lontana nel tempo,
la Storia aiuta a capire.
Non bastano più i proiettili
a tacere la rivolta
e non li addomesticherete,
in troppi hanno pagato.

"Occupy World Street"!
The only solution is world revolution
we don't need Wall Street to build our society!

In tenda nei parchi della città
o in piazza di fronte alla polizia,
sventolano bandiere, è come un arcobaleno.
Non c'è un capo, non c'è partito,
sono il 99 per cento,
in cento lingue diverse
"Occupy World Street"! "Occupy World Street"!
The only solution is world revolution
we don't need Wall Street to build our society!
come on all you diggers and modern levellers,
this world is ours, we are the majority!

Contributed by DoNQuijote82 - 2013/2/14 - 12:07




Language: French

Version française – OCCUPY WORLD STREET – Marco Valdo M.I. – 2013
Chanson italienne – Occupy World Street – Modena City Ramblers – 2013
Occupy
OCCUPY WORLD STREET


Sous les tentes dans les parcs de la ville,
Face à la police,
Les drapeaux flottent comme un arc-en-ciel.
Il n'y a pas de chef, il n'y a pas de parti,
Les 99 pour cent,
En cent langues différentes entonnent « Équité » !

Du Printemps de Tahrir à la morsure dans la Grande Pomme,
Souvenez-vous des Chicago Eight, Robin Hood qui défiez l'OTAN !
Hey Mister, suis ton coeur !
Il doit y avoir un monde différent,
Il attend au-delà de cette finance et des entreprises mafieuses.

« Occupy World Street » !

La seule solution est la révolution mondiale
On n'a pas besoin de Wall Street pour construire notre société !

Ils ont déjà appris la leçon,
Ils ne tomberont pas dans la provocation,
Il y a un écho loin dans le temps,
L'Histoire aide à comprendre.
Les projectiles ne suffisent plus
À faire taire la révolte
Et jamais vous ne les domestiquerez
Ils ont trop payé.

« Occupy World Street » !

La seule solution est la révolution mondiale
On n'a pas besoin de Wall Street pour construire notre société !

Sous les tentes dans les parcs de la ville,
Face à la police,
Les drapeaux flottent comme un arc-en-ciel.
Il n'y a pas de chef, il n'y a pas de parti,
Les 99 pour cent,
En cent langues différentes entonnent « Équité » !

« Occupy World Street » ! « Occupy World Street » !

La seule solution est la révolution mondiale
On n'a pas besoin de Wall Street pour construire notre société !
Venez bêcheux et niveleurs modernes
Ce monde est à nous, nous sommes la majorité !

Contributed by Marco Valdo M.I. - 2013/2/14 - 18:11




Language: Italian

Traduzione italiana da I testi dei MCR 1993-2015
OCCUPY WORLD STREET

In tenda nel parchi della città,
in piazza di fronte alla polizia,
sventolano bandiere, è come un arcobaleno.
Non c'è un capo, non c'è partito,
il 99 per cento,
in cento lingue diverse intonano "equità"!
Dalla Primavera di Tahrir al morso della Grande Mela,
ricorda i Chicago Eight, Robin Hood che sfida la NATO!
Hey Mister, segui il tuo cuore!
Deve esserci un mondo diverso,
aspetta oltre questa finanza e le mafie corporate.

"Occupiamo le strade del mondo(1)
l'unica soluzione è una rivoluzione mondiale
non abbiamo bisogno di Wall Street per costruire la nostra società!

La lezione già l'hanno imparata,
non cadranno in provocazione,
è un'eco lontana nel tempo,
la Storia aiuta a capire.
Non bastano più i proiettili
a tacere la rivolta
e non li addomesticherete,
in troppi hanno pagato.

"Occupiamo le strade del mondo
l'unica soluzione è una rivoluzione mondiale
non abbiamo bisogno di Wall Street per costruire la nostra società!

In tenda nei parchi della città
o in piazza di fronte alla polizia,
sventolano bandiere, è come un arcobaleno.
Non c'è un capo, non c'è partito,
sono il 99 per cento,
in cento lingue diverse
"Occupiamo le strade del mondo
Occupiamo le strade del mondo
l'unica soluzione è una rivoluzione mondiale
non abbiamo bisogno di Wall Street per costruire la nostra società!
svegliatevi voi "diggers"(2) e moderni "levellers"(3)
questo mondo è nostro, noi siamo la maggioranza!
(1) Gioco di parole tra Wall Street (la borsa di New York) e World Streets, le strade del mondo

(2) Diggers (in italiano: zappatori o scavatori) è il nome con cui sono conosciuti alcuni gruppi di cristiani protestanti e ruralisti che, ai tempi della rivoluzione inglese, si unirono per lavorare le terre comuni secondo principi comunitari. In Inghilterra nacquero diverse comunità di diggers, la più nota delle quali è quella del Surrey, nata a Saint George's Hill e poi trasferita a Little Heath (entrambe le località si trovano nei pressi di Cobham), che ebbe come principale portavoce Gerrard Winstanley. Il termine Diggers, che significa "zappatori", deriva da un passo della Bibbia contenuto negli Atti degli Apostoli, in cui questi ultimi suggeriscono la pratica di un determinato stile di vita basato sulla fede in Cristo e sul comunitarismo[1][2]. Cercarono inoltre di riformare l'ordine costituito con i loro principi egualitaristici e con la creazione di piccole e rurali comunità di fedeli. Insieme ai Levellers, i Diggers furono tra i gruppi di dissenzienti inglesi durante la dittatura di Oliver Cromwell.
Si veda anche The Diggers' Song [Levellers and Diggers]

(3) I Livellatori (Levellers) furono un movimento politico, guidato da John Lilburne, che si sviluppò durante la Rivoluzione Inglese, alla fine della prima guerra civile (nell'estate del 1646). Il movimento, che prevedeva tra i suoi punti fondamentali la tolleranza religiosa, l'uguaglianza di fronte alla legge e l'ampliamento del suffragio, influenzò attraverso i suoi principi e le sue battaglie numerose correnti politiche che si affermarono, successivamente[1], nel resto dell'Europa, come, ad esempio, il socialismo.

Contributed by Dq82 - 2020/5/2 - 18:53



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org